Magazine Cucina

I Panitos e ammazza ammazza..è tutta una razza

Da Saramartina21

I Panitos e ammazza ammazza..è tutta una razza
Tutto il mondo è paese. Una frase fatta ma che porta con sé una grande verità, soprattutto in cucina. Prendete questi panitos. Provengono da un blog spagnolo, Questo. Adoro curiosare nelle cucine degli altri paesi, nei blog che parlano lingue diverse dalla mia. Diversi ma in fondo cosi uguali perché sotto questo cielo siamo solo uomini. Perché la cucina è un po’ come l’essere umano. Sangue , organi, cuore. Funzionano nella stessa maniera, a qualsiasi latitudine. Nero bianco o giallo. Il cuore batte tanto quanto. Poi interviene la peculiarità. Un occhio celeste, un capello biondo, una pelle diversa dalla mia. Cosi è la cucina. Il sottofondo è fatto dagli stessi ingredienti. Acqua, farina , sale. Come un cuore, un fegato o un polmone. E poi c’è la spezia che non conosci, l’aroma, il frutto che non sai che crea il diverso. Come un occhio, un colore di pelle, una lingua. E quello che assaggi è quello che conosci con qualcosa in più… Questi panitos assomigliano terribilmente allo gnocco fritto. Quasi gli stessi ingredienti, due le differenze. L’assenza di grasso ( nello gnocco c’è lo strutto ) e la presenza di spezie ed erbe aromatiche. Io ho aggiunto una cosa che ho imparato ad utilizzare grazie al Condominio del mio cuore : Il pomodoro secco tritato ( le mie amiche lo utilizzano in questa maniera) Qui ci sta proprio bene. Esalta ancora di più gli occhi scuri e mediterranei di questo cugino dello gnocco. E credetemi…anche lui è uno gnocco da paura! I Panitos e ammazza ammazza..è tutta una razza
PANITOS 300 grammi di farina ½ cucchiaio raso di sale 1 cucchiaio di zucchero 10 grammi di lievito di birra fresco (o 4 grammi di quello liofilizzato) 150 / 200 millilitri di acqua tiepida Mix di spezie ed erbe aromatiche tra cui: paprika, origano, pepe nero, pomodori secchi tritati leggermente
Puoi utilizzare qualsiasi strumento: planetaria, mixer o mani ^_^ Nella ciotola versa la farina, il sale e lo zucchero. Mescola con un cucchiaio. Unisci le spezie , i pomodori secchi tritati (asciugati dall'eventuale olio), l’acqua e il lievito ( se utilizzi quello fresco, scioglilo prima con un po’ dell’acqua prevista). Inizia ad impastare fino ad ottenere un composto omogeneo . Fai lievitare in un luogo tiepido per circa un’ora e mezzo. Riprendi il tuo composto, stendilo e ricava tanti piccoli panitos ( tondi o triangolari). Falli lievitare per un’altra mezz’ora. Friggili in olio bollente e servili cosparsi di sale ed erbe aromatiche a piacere

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • I pizzoccheri

    pizzoccheri

    sono un formato di pasta riconosciuto come prodotto agroalimentare tradizionale della Valtellina, originario di Teglio. In qualche modo simili alle tagliatelle ... Leggere il seguito

    Da  Contemporaneo Food
    CUCINA, RICETTE
  • I miei dolci su "i miei dolci"

    miei dolci dolci"

    Crostata Linzer alla Nutella Esattamente come recita il testo, Pecorella di Marzapane è in edicola con una selezione di ricette tutte golosissimamente dolci su... Leggere il seguito

    Da  Pecorelladimarzapane
    CUCINA, RICETTE
  • I quaresimali: i canestrelletti

    quaresimali: canestrelletti

    Nelle settimane scorse vi ho parlato della storia di questi famosi biscottini genovesi.Poi, incuriosita, ho voluto provarli, però ho cominciato dai più semplici... Leggere il seguito

    Da  Larathekitchen
    CUCINA, RICETTE
  • I miei maccheroni all’amatriciana

    miei maccheroni all’amatriciana

    Oggi, per la festa del papà, ho voluto accontentare mio padre preparandogli questo bel piattino! E’ un piatto “Quasi tipico” di casa mia, nel senso che io lo... Leggere il seguito

    Da  Roberta Cavallaretto
    CUCINA, RICETTE
  • I Biscotti della Nonna

    Biscotti della Nonna

    Home » I Biscotti della Nonna E’ un periodo che sono sempre a biscottare, non faccio in tempo a farli che qui in casa spariscono in men che non si dica, che... Leggere il seguito

    Da  Fairyskull
    CUCINA, RICETTE