Magazine Cultura

"i ragazzi burgess" di elizabeth strout

Creato il 25 maggio 2016 da Fabrizio64
www.libero.it ragazzi burgessRomanzo impegnativo e carico dello splendore che solo menti conturbate possono dare, “I ragazzi Burgess” (Fazi Editore) della Autrice statunitense Elizabeth Strout (Premio Pulitzer 2009; Premio Bancarella 2010; Premio Mondello 2012) è un amabile e struggente piccolo trattato di psicologia, psichiatria e sociologia, avvolto in uno stile scorrevole ed elegante.Non v’è personaggio che non sia sezionato in ogni angolo della sua personalità, penetrato senza reticenze negli anfratti remoti e dimenticati dell’anima umana.Due fratelli ed una sorella, uniti e dispersi da una tragedia che li accomuna sin da piccoli, di cui uno dei tre è responsabile. Un nipote abbandonato a se stesso che ha necessità di fare una “bravata” per compiacere un padre che lo ha abbandonato e vive lontano, in Svezia, ben lontano dal Maine.La bravata gli può costare caro, molto caro.Uno stralcio della apparente bellezza della società americana che nasconde una vivida ferocia e una perfida e onnipresente ipocrisia, uno strisciante e mai dissipato razzismo.Un’opera in cui protagonisti odiosi e splendidi, delicati e spietati, per ostacolare la loro lenta assimilazione nella società in cui vivono, sono in eterna e disperata ricerca di pace, stabilità, radici, in quella comunità che ha il sapore della famiglia.“Ma Bob non era più giovane, e sapeva cosa significasse aver subito una perdita. Conosceva la calma che subentrava, la forza accecante del panico, e sapeva anche che ogni perdita portava con sé un bizzarro, a mala pena consapevole, senso di liberazione… Ma la maggior parte aveva lo sguardo fisso nel vuoto, proprio come Bob, che era commosso dall’unicità e dal mistero di ogni singola persona che vedeva”.
Fabrizio Giulimondi

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :