Magazine Attualità

“I segreti d’Italia” il libro di Corrado Augias bruciato dal M5S: acquistiamolo!

Creato il 03 febbraio 2014 da Rosebudgiornalismo @RosebudGiornali

Ultimi articoli

  • “I segreti d’Italia” il libro di Corrado Augias bruciato dal M5S: acquistiamolo! 3 February 2014
  • Epistemologia e scienza navigano in mare aperto 2 February 2014
  • DL IMU-Bankitalia: la verità, o della ghigliottina italiana 2 February 2014
  • Esclusivo – Scomparsa la sedia presidenziale dismessa da Giorgio Napolitano, ritrovato misteriosissimo volantino di rivendicazione. La Polizia indaga e spulcia i nastri della telecamera di sorveglianza… 2 February 2014
  • Femminismo e sessismo: sull’odierna “sfuriata” stile FORTZA PARIS della Boldrini a L’Arena di Giletti, sui discutibili metodi di “lotta” degli “onorevoli” cittadini e sui tweet di Marco Pannella. 2 February 2014
  • I casini di Pier Ferdinando Casini (al capolinea?) 2 February 2014

 000501127-a5865e64-95a7-4443-a5d8-d3ee46a881ccSerie “Aridatece er puzzone!”

Scheda del libro:

I Segreti d’Italia

Leopardi l’ha percorsa a disagio, sballottato in una carrozza, Shelley ci ha lasciato la vita, Garibaldi la salute: è l’Italia, da tempo immemorabile vituperata e ammirata, un Paese che pensiamo di conoscere ma che nasconde in ogni città, in ogni suo angolo un segreto. Compreso il più sconcertante: come mai le cose sono andate come sono andate?

Come ha potuto diventare, questa penisola allungata di sbieco nel Mediterraneo tra mondi diversi, allo stesso tempo la patria dei geni e dei lazzaroni, la culla della bellezza e il pozzo del degrado? Questo libro tenta una spiegazione in forma di racconto, accompagnandoci dalle cupe atmosfere della Palermo di Cagliostro all’elegante corte di Maria Luigia a Parma, dalla nascita del ghetto di Venezia alla eroica fiammata dell’insurrezione napoletana contro i nazisti. Nel suo racconto dell’antropologia italiana, Augias mette a confronto due libri antitetici come Cuore di De Amicis e Il piacere di D’Annunzio, ricorda le truci storie di briganti che affascinarono Stendhal, celebra la resurrezione postbellica di Milano attraverso le glorie della Scala e del Piccolo Teatro, ma constata anche la decadenza di una classe dirigente… Il risultato è il romanzo di una nazione, i cui protagonisti sono i luoghi, le opere, i monumenti, gli angoli oscuri del nostro Paese, le pagine della sua letteratura ma anche le storie esemplari o terribili nascoste nelle pieghe della cronaca. Perché è la memoria – della storia, dell’arte e del sangue – che fa degli italiani quello che sono, il solo strumento per illuminare i segreti coperti o dimenticati che riaffiorano puntuali a scandire il loro presente. Nel condurci in questa scoperta, Augias mescola vicende realmente accadute, ricordi personali, incontri intellettuali, suggestioni letterarie e opere d’arte di un’Italia ideale e paradossalmente più vera, perché “non basta guardarla com’è oggi l’Italia; per cercare di capire bisogna ricordare anche le molte vicende del suo passato, la dimensione immaginaria degli eventi, le sue ‘chimere’.”

——————–

Corrado Augias è giornalista, scrittore, autore e conduttore televisivo. Tiene la rubrica quotidiana delle lettere su “Repubblica”. Tra i suoi ultimi libri ricordiamo I segreti di Roma (2005), Inchiesta su Gesù (con Mauro Pesce, 2006), Leggere. Perché i libri ci rendono migliori, più allegri e più liberi (2007), Inchiesta sul cristianesimo (con Remo Cacitti, 2008), Disputa su Dio e dintorni (con Vito Mancuso, 2009) e I segreti del Vaticano (2010), tutti pubblicati con Mondadori.

——————–

1706082_0Dati editoriali:

Autore: Corrado Augias

Titolo: I Segreti d’Italia

Editore: RIZZOLI
Collana: SAGGI
Pagine: 306 Prezzo: 19,00
euro
Anno prima edizione: 2012
ISBN: 17060820

Link all’acquisto.

Featured image, cover.

Tagged as: Attualità, corrado augias, crisi, digital journalism, Giornalismo, Giornalismo online, giornalista digitale, I segreti d'Italia, M5S, opinioni online, Politica, Rosebud - Giornalismo online

Categorised in: Tutti gli articoli, Varie


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :