Magazine Attualità

I segreti di Osage County – Il grande ritorno di Julia Roberts

Creato il 13 febbraio 2014 da Retrò Online Magazine @retr_online

Il più grande terrore della gran parte delle donne è quello di diventare come le proprie madri.
Passare tutta la vita a cercare di discostarsi da quella immagine forte e predominante; evitare di dire le stesse cose che direbbe lei, anche se le si pensano; allontanarsi dalle persone di cui si circonderebbe lei,  per poi, ad un certo punto, guardarsi allo specchio e vedere dall’altra parte il suo sguardo ammiccante e capire di aver fallito.

I segreti di Osage County  parla proprio di questo. E’ agosto, e nella contea di Osage, Midwest, e una famiglia,che di convenzionale non ha molto, è colpita da un grave scomparsa che la costringe a riunirsi.
Per un film come questo è necessario rispolverare la famosa frase di Tolstoj Tutte le famiglie felici si assomigliano; ogni famiglia infelice è invece disgraziata a modo suo. Sono tante, infatti, le vicende che legano i personaggi.  Le tre figlie di Violet Weston – una Maryl Streep di grande effetto, come sempre – non sono molto legate tra loro, se non dal legame di sangue; due di loro Barbara e Caren – Julia Roberts e Juliette Lewis - vivono addirittura in un altro stato, seguendo le loro vite complicate. Violet – affetta da un cancro alla bocca che la sta rodendo, rendendo più accentuata la sua dipendenza dalle pillole – è seguita da una badante Nativa Americana e dal marito Beverly. E’ proprio la scomparsa improvvisa di quest’ultimo ,che costringe la famiglia a sedersi tutta insieme e a fare qualcosa che ogni famiglia è brava a fare: urlare.
Ognuno ha i suoi segreti, che preferirebbe mantenere, ha vicissitudini coniugali e non, e ha rancori, come in ogni famiglia infelice, insomma.

Le forti donne Weston combattono una battaglia tutta loro, Caren contro uomini sempre sbagliati, Barbara – la vera protagonista del film – contro l’avanzare del tempo e i problemi con il marito – un Ewan McGregor molto maturato e di una bravura da non sottovalutare- e Ivy  – Julianne Nicholson-  l’unica delle tre sorelle rimaste vicino all’ovile per aiutare i genitori, deve combattere contro il senso di colpa di voler allontanarsi da casa e abbandonare la madre malata.
Sono temi profondi e di una difficoltà estrema, facilmente possono sfociare nel dramma esagerato e trascinato, ma in questa pellicola vengono affrontati con forza e ironia creando un ottima, cinica e amarissima commedia sui rapporti familiari.

I segreti di Osage County - tratto dall’omonima piece teatrale di Tracy Letts, che si conquistò grazie ad essa il Premio Pulitzer  – è un commovente ritratto di una madre tanto amata quanto odiata, e di una figlia Julia Roberts che si ritrova a diventare ogni giorno più simile a lei.

Julia Roberts si prende, insomma, una rivincita su tutti quelli che l’hanno considerata un’attricetta da commedie, incapace di affrontare ruoli profondi – nonostante il suo Oscar per il bel Erin Brockovich – e mette a segno un’ottima interpretazione, che le è valsa anche la Nomination sia ai Golden Globe che agli Oscar 2014.
E’ dovuta maturare, crescere ed avvicinarsi ai cinquanta per essere presa sul serio, però con un gran risultato.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog