Magazine Tecnologia

Il 2017 della VR in breve: rilancio o fallimento?

Creato il 22 dicembre 2017 da Oculusriftitalia
Il 2017 della VR in breve: rilancio o fallimento?

Il 2017 è stato un anno assolutamente determinante rispetto al buon 2016, e le motivazioni per comprendere la sua importanza sono state ben chiare sin dal suo inizio. Certo, l'anno scorso è stato fenomenale sotto altri punti di vista, lanciando la realtà virtuale in un mercato finalmente rivolto a tutti e dando vita a visori del calibro di Oculus VR, HTC Vive e PlayStation VR, ma ciò non toglie che la chiusura di quella fase avrebbe automaticamente significato un successo o un fallimento della tecnologia, anzi.

Ora era giunto il momento di far valere le realtà, virtuali o aumentate che fossero, sostenendole nel corso del 2017 con una buona serie di uscite ed aggiornamenti continui.

Per valutare il rilievo commerciale della realtà virtuale serviva però un'azienda che fosse in grado di estrapolare ed esaminare le vendite dei titoli usciti durante questo 2017, arrivando così allo studio di gamesindustry.biz. La società, già discussa in passato nei nostri articoli, ha classificato ogni successo, fallimento e numero dell'anno, stendendo anche una lista dei titoli in VR più redditizi di questo 2017. Tra opere e sperimentazioni inaspettate, cosa si nasconderà dietro la lenta diffusione dei visori?

Il 2017 della VR in breve: rilancio o fallimento?

PC VR

  1. Superhot VR, Superhot Team ($2.56m)
  2. Arizona Sunshine, Vertigo Games ($2.40m)
  3. Job Simulator, Owlchemy Labs ($2.36m)
  4. Raw Data, Survios ($2.24m)
  5. Tilt Brush, Google ($1.85m)

Partiamo subito dai classici: Superhot VR, titolo di debutto del brillante Superhot Team, è riuscito a scalare la classifica dell'anno, accumulando un ricavo complessivo di oltre 2,500,000 milioni di dollari. Un risultato esiguo se si considerano le vendite generali dei titoli su PC, ma cionondimeno straordinario per la portata attuale della realtà virtuale. Oltre al buon Superhot VR troviamo anche Arizona Sunshine e Job Simulator, che chiudono la classifica dei primi tre con due leggeri (e simpatici) titoli arcade.

Chiusa questa parte, gli ultimi due esponenti della classifica riescono comunque a farsi valere da svariati punti di vista. Parliamo infatti di Raw Data, titolo che sorprese già in passato grazie al suo gameplay, straordinario nella sua semplicità, e di Tilt Brush, progetto di Google che ci vede immersi in una tela digitale, dove avremo la capacità di pitturare il nostro orizzonte come meglio vorremo. La rete è già piena di creazioni originali che sono nate dal titolo, e siamo sicuri che continuerà ad espandersi nel futuro con altrettanti disegni.

Il 2017 della VR in breve: rilancio o fallimento?

CONSOLE VR

  1. Skyrim VR, Bethesda ($2.14m)
  2. Job Simulator, Owlchemy Labs ($1.55m)
  3. Superhot VR, Superhot Team ($1.06m)
  4. Batman: Arkham VR, Warner Bros ($977,090)
  5. I Expect You To Die, Schell Games ($762,880)

Il PlayStation VR ha guidato il successo della realtà virtuale su console, e non solo. Avendo una base installata di oltre 400,000 visori, la realtà virtuale targata PlayStation aveva già a disposizione delle fondamenta solide sulle quali costruire un buon numero di titoli riusciti, e la prima posizione lo dimostra. Partiamo da Skyrim VR, ormai oggetto di critiche e battute sardoniche, che è riuscito ad accumulare ben 2,100,000 milioni di dollari di ricavi. Un risultato che tende a superare l'ultima posizione dei giochi più venduti su PC, valorizzando il successo iniziale del visore di Sony con un interesse constante dei giocatori.

Job Simulator e Superhot VR, così come nelle loro controparti su PC, sono riusciti ad attrarre il pubblico grazie ad un fascino straordinario e ad uno stile semplicemente unico, vendendo anche su PlayStation VR un numero di copie tali da raggiungere almeno un milione di dollari. Batman: Arkham VR e I Expect You To Die chiudono infine la classifica, con Batman che è riuscito ad attirare il pubblico grazie ad una notorietà ormai affermata tra milioni di persone, oltre a catalizzarli in un sistema di gioco sognato da decenni. I Expect You To Die, come si può intuire anche dal trailer di lancio, è riuscito invece a catturare il cuore dei giocatori grazie alla sua ironia sagace e alle situazioni imprevedibili della narrazione.

E voi, avreste immaginato altri titoli nelle classifiche di gamesindustry.biz? Fateci sapere la vostra tra i commenti!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :