Magazine Attualità

Il Belgio primo paese europeo a vietare il velo integrale?

Da Madyur

Il Belgio potrebbe essere il primo paese d’Europa a varare una legge contro il burqa e il niqab, i due costumi islamici che coprono completamente il volto delle donne. la norma , che era stata proposta dai liberali sia fiamminghi sia francofoni , era stata già approvata all’umanità in commissione parlamentare. Poi la crisi del Governo ha costretto la Camera a rinviare il voto.

niqab%20and%20burqa

Il provvedimento ha avuto il sostegno di tutti i partiti e di tutti i gruppi linguistici , ed è stato approvato con 136 voti favorevoli e due astensioni . Si tratta di una decisione il cui valore è quasi puramente simbolico. L’uso del velo integrale è poco diffuso in Belgio , dove le comunità prevalenti sono la maghrebine e la turca.

Inoltre in quasi tutti i comuni sono già in vigore regolamenti di polizia che vietano , per motivi di ordine pubblico , di circolare per strada con il volto coperto. A Bruxelles l’anno scorso la polizia ha contestato 29 contravvenzioni al regolamento.

Il nuovo provvedimento vieta di usare il velo islamico , ma non menziona la parola islamico : “vietato circolare in uno spazio pubblico col volto coperto o mascherato , completamente o in parte, con un capo di abbigliamento che non le rende identificabili”. Sono autorizzati i periodi carnevaleschi.

Tutti i deputati prima del voto hanno espresso che la legge vuole essere un passo avanti per la dignità delle donne. Il burqa e il niqab sono prigioni mobili ha dichiarato il fiammingo Bart Somers. “L’immagine del nostro Paese all’estero è sempre meno comprensibile – ha dichiarato il collega Ducarme – ma almeno l’umanità raggiunta su questo provvedimento è un elemento di orgoglio per essere belgi. Siamo il primo paese europeo a far saltare il chiavistello c he aveva messo le donne in stato di schiavitù. E speriamo che altri , come la Francia , l’Italia o l’Olanda , ci seguano”

E’ da vedere se il Senato avrà il tempo di approvare a sua volta la norma dandole validità legale prima dello scioglimento delle camere. Il governo belga è caduto per l’ennesima volta su una complessa questione linguistica che divide fiamminghi e valloni nella circoscrizione elettorale di Halle-Bruxelles – Vilvoorde. Le elezioni anticipate sembrano inevitabili.

madyur


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Pedofilia Belgio, spunta il mostro Marc Dutroux

    Pedofilia Belgio, spunta mostro Marc Dutroux

    Durante le perquisizioni all’arcivescovado belga di Mechelen, il 24 giugno, gli investigatori hanno sequestrato anche materiale relativo al dossier su Marc... Leggere il seguito

    Da  Ragnolc
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • “Davvero uno strano paese, il Belgio”

    Si trattava di un cd-rom che ai tempi del caso Dutroux era stato inviato a giornalisti, politici e (a quanto pare, anche se non se capisce il motivo, pure a)... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Il romanticismo

    A me ora come ora quel romanticismo un pò stucchevole fatto di principi azzurri e colombe che volano non è che mi faccia impazzire. Mi piacciono di più gesti... Leggere il seguito

    Da  Laconiglia
    PER LEI
  • Il Cesarone

    Cesarone

    Saranno pure quattro pensionati sfigati come li chiama Cesare, però, a sentire le intercettazioni (beate intercettazioni) i contatti erano frequenti, soprattutt... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    SOCIETÀ
  • Il caffè

    caffè

    Al bar si fa presto ad ordinare "Un caffè!", ma ci sono tanti modi di berlo in Italia! Li conoscete tutti?In a bar is easy to order "Un caffè!", but there are... Leggere il seguito

    Da  Scuolasara
    SOCIETÀ
  • Il moralista

    moralista

    Pippo e Carlo si dimenticano di essere in Italia e chiedono le dimissioni di Formigoni, che faceva pressioni su chi poteva fare pressioni sui giudici, per... Leggere il seguito

    Da  Stiven1986
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Il Patriarca

    Patriarca

    Tra cronaca e storia, a un mese dalla morte di Silvius Magnago un libro ripercorre la vicenda umana e politica del “patriarca” dell’autonomia sudtirolese... Leggere il seguito

    Da  Gadilu
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ