Magazine Cinema

IL CACCIATORE E LA REGINA DI GHIACCIO di Cedric Nicolas-Troyan (2016)

Creato il 06 aprile 2016 da Ifilms
Dettagli
Scritto da Lorenzo Bianchi
Categoria: Recensioni film in sala
Pubblicato: 06 Aprile 2016
Rupert Sanders   Jessica Chastain   Charlize Theron   Chris Hemsworth   Emily Blunt   Biancaneve   Cedric Nicolas-Troyan   Biancaneve e il cacciatore   Frozen  

cacciatore-e-la-regina-di-ghiaccio

Dopo il successo al botteghino di Biancaneve e il cacciatore, con tanto di nomination all’Oscar per gli effetti visivi, per Cedric Nicolas-Troyan è tempo di passare dietro la macchina da presa per Il cacciatore e la regina di giaccio, una sorta di prequel/sequel/spin off del capitolo precedente. Il risultato, tuttavia, va oltre le più basse aspettative.

Si comincia ben prima delle vicende che hanno visto protagonisti Biancaneve (Kirsten Stewart), la perfida Ravenna (Charlize Theron) e il cacciatore Eric (Chris Hemsworth): Freya (Emily Blunt), sorella di Ravenna, dopo l’omicidio della neonata primogenita, scatena il suo potere, congelando completamente il suo regno. Toccherà ad Eric e alla sua amata Sara (Jessica Chastain) porre rimedio alla situazione.

Se solo leggendo la trama sembra di trovarsi di fronte ad una sorta di live action di Frozen, con Emily Blunt che non canta Let it Go ma un palazzo di ghiaccio identico non disdegna di costruirselo, vedendo il film la sensazione non può che acuirsi. Come a dire: senza idee, cerchiamo di attirare con l’opera Disney più redditizia degli ultimi anni.

E questo è solo uno dei tanti difetti che cotraddistingue un prodotto piatto, banale, che alla debolezza d’intreccio del primo capitolo toglie anche la confezione visiva che, per onor del vero, aveva regalato qualche sequenza d’incanto. Invece, in questo caso, il nulla. Eccezion fatta per la splendida Charlize Theron, perfida e carismatica strega cattiva, il resto del cast è completamente fuori condizione: Chris Hemsworth, dopo aver regalato diverse prove idiscutibilmente convincenti, torna in modalità espressiva Thor, Jessica Chastain non porta in scena nulla in più della sua indiscutibile bellezza e anche Emily Blunt pecca in carisma, interpretando un personaggio abbastanza monocorde e per nulla sfaccettato.

Il tutto orchestrato senza alcun ritmo narrativo degno di tale nome, ad intrecciare una sceneggiatura piena di lacune che, a conti fatti, fatica anche ad incastrarsi con il film precedente (si parlava di regno di ghiaccio? E Sara, da dove arriva?): in origine doveva essere uno spin off su Eric, alla fine è stato un pasticcio dovuto anche ai tanti problemi in sede di produzione, in primis il cambiamento del regista.

Al termine della visione, con tanto di apertura ad un eventuale terzo capitolo, resta una domanda: come si potrà spremere ulteriormente un soggetto che già alla fine del primo film sembrava non aver più nulla da dire?

Voto: 1/4


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :