Magazine Cultura

Il calendario del male: la Pianura Pagana #5

Creato il 10 gennaio 2020 da Cicciorusso
Il calendario del male: la Pianura Pagana #5

18 gennaio: Candlemass / Novembre / TBA @Slaughter Club, Paderno Dugnano (MI)

Lo Slaughter Club nell’ultima parte dell’anno scorso ci aveva abituato a concerti importanti che coinvolgessero nomi di un certo spessore (per quanto lo permettesse la grandezza del locale). Giusto per citare l’ultimo a cui abbiamo presenziato, i Nile non si possono certo considerare i nuovi sbarbatelli arrivati nella scena. Ad ogni modo, il locale della periferia Nord di Milano ha deciso di aprire il nuovo anno col botto: dopo i Melechesh (che comunque non sono gli ultimi sconosciuti) sono stati annunciati, per il giorno immediatamente successivo, nientemeno che i Candlemass accompagnati dai Novembre (i quali suoneranno solo canzoni tratte da Classica e Novembrine Waltz). Che ve lo diciamo a fa’… (Edoardo Giardina) 

Il calendario del male: la Pianura Pagana #5

17 gennaio: Melechesh / Selvans / W.E.B. @Slaughter Club, Paderno Dugnano (MI)

Ci è già capitato più volte di vedere i Melechesh dal vivo, l’ultima delle quali è stata circa sei mesi fa al Traffic di Roma di spalla ai morigerati Belphegor. Tuttavia, non siamo mai stanchi dei nostri assiri preferiti e andremo a vederli anche allo Slaughter Club di Paderno Dugnano il prossimo venerdì 17 gennaio. Ci saranno pure i Selvans, altro gruppo feticcio di redazione, quindi non si accettano scuse. No, neanche la scaramanzia. (Edoardo Giardina)

 
Il calendario del male: la Pianura Pagana #5

26 gennaio: Sunn O))) / The Secret @Live Club, Trezzo sull’Adda (MI)

Se ciò non vi bastasse, il fine settimana successivo arrivano anche i Sunn O))), sempre in provincia di Milano. Personalmente non ho mai avuto la fortuna di vederli live, purtroppo. A giudicare dalle leggende e dai miti che si raccontano su quello che succede ai loro concerti, deve essere un’esperienza a dir poco imperdibile, da fare almeno una volta nella vita. Prendetelo come se fosse il pellegrinaggio alla Mecca di noi metallari. (Edoardo Giardina)


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog