Magazine Attualità

Il Canada si ritira dal protocollo di Kyoto. "Non lo attueremo e non pagheremo le sanzioni"

Creato il 13 dicembre 2011 da Samalos

Il ministro dell'ambiente canadese Peter Kent

OTTAWA - Il governo conservatore ha annunciato di ritirarsi dal trattato mondiale sul  clima. "Siamo invocando il diritto legale del Canada di ritirarsi formalmente dal protocollo di Kyoto" ha detto il ministro dell'Ambiente Peter Kent . "Questa decisione formalizza quello che abbiamo detto fin dal 2006, che noi non attuereamo il Protocollo". "Kyoto, per il Canada, è nel passato", ha aggiunto

Kent era appena rientrato dalla maratona di negoziati sul clima delle Nazioni Unite che si è svolta nella città sudafricana di Durban.
Il Canada ha firmato il protocollo di Kyoto alla fine del 1990, ma né l'attuale governo conservatore, né i loro predecessori liberali ne avevano mai accettato gli obiettivi.I conservatori hanno sempre insistito sul fatto che l’economia veniva danneggiata dai limiti imposti dal Canada dal protocollo. Avrebbero invece accettato  obiettivi meno rigorosi per ridurre i gas serra che fossero in linea con gli Stati Uniti. Per mere necessità di carattere concorrenziale.Kent aveva detto ai giornalisti la settimana scorsa di aver promesso il capo negoziatore delle Nazioni Unite che non ci sarebbero "sorprese sfortunato" durante i colloqui di Durban. Molti hanno interpretato questo commento come un segno che il Canada avrebbe aspettato fino a dopo Durban a “scaricare” Kyoto.Il ministro dell'ambiente ha detto che la mossa salva Canada da 14 miliardi di dollaru di sanzioni per non aver raggiunto gli obiettivi di Kyoto.Kent defiisce Kyoto "radicale e irresponsabile" e ha sostenuto le sanzioni costerebbe Canada "la perdita di migliaia di posti di lavoro o il trasferimento di 14 miliardi dollari dai contribuenti canadesi ad altri paesi, l'equivalente di 1.600 dollari da ogni famiglia canadese - senza alcun impatto sulle emissioni o l'ambiente.Il responsabile dell’ambiente dei democratici  Megan Leslie ha contestato il fatto che  ci siano sanzioni miliardarie sotto di Kyoto: uscendo dal protocollo,  il governo salva i Tories dal dover ammettere che il Canada è ancora lontana dagli obiettivi di Kyoto.Kent ha detto il Canada ora guarda a un nuovo accordo globale tra le forze di tutti i paesi a più bassa emissioni di gas serra. Ottenere dai due più grandi inquinatori - gli Stati Uniti e la Cina - che accettino obiettivi vincolanti si deve fare o si romperà ogni accordo futuro del clima.I negoziatori di circa 200 paesi hanno speso le ultime due settimane in Sud Africa cercando di ottenere un accordo su un nuovo trattato sul clima per sostituire quello di Kyoto, che scade alla fine del prossimo anno.Quanto concordato è un piano per ottenere un nuovo accordo fatto nel 2015 che avrebbe cominciato a dar risultati cinque anni più tardi.I Paesi hanno inoltre convenuto di estendere la prima fase di Kyoto, che scade alla fine del prossimo anno, fino al 2017.Canada, Russia e Giappone sono stati uniti nel rifiutare di firmare per qualsiasi estensione di Kyoto. Kent ha detto che non sarebbe sorpreso se altri paesi ora seguissero il Canada.L'annuncio di Kent ha attirato le critiche immediate dei gruppi ambientalisti."Il governo Harper ha imposto la condanna a morte di molte delle popolazioni più vulnerabili del mondo uscendo da Kyoto," ha detto in un comunicato Mike Hudema di Greenpeace Canada."La decisione  destabilizza la promessa di intervento sulla crisi climatica. Questo è un ulteriore segnale che il governo Harper è più preoccupato di proteggere gli inquinatori  che le persone ".Il primo ministro Stephen Harper ha mai fatto segreto del suo disprezzo per il Protocollo di Kyoto, sostenendo che un accordo giuridicamente vincolante, che non riesce a comprendere i due più grandi emettitori di gas serra - Cina e Stati Uniti - avrebbe danneggiato la competitività del Canada e si rivelerebbe inefficace a ridurre le emissioni gloali.  Kent ha detto che resta fiducioso che i leader mondiali saranno d'accordo su un nuovo accordo legalmente vincolante sotto l'ombrello delle Nazioni Unite che comprenda i maggiori emettitori.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :