Magazine Informazione regionale

Il caso Alex Conti approda in consiglio provinciale e in Regione, emblema dei giovani rovinati da un sistema gerontocratico e pericolosamente conservatore

Creato il 14 giugno 2012 da Cremonademocratica @paolozignani

L’incredibile storia di Alex Conti, il giovane che voleva gestire un distributore di metano a Cremona, rimane un mistero ma solleva sempre più interesse, arrivando a coinvolgere di nuovo il mondo politico, direttamente, con la responsabilità di un errore clamoroso che in un modo o nell’altro non può non essere stato commesso e che va chiarito.

La consigliera dell’Italia dei Valori ha presentato un’interrogazione in consiglio provinciale martedì 12, rifacendo la storia della tormentosa vicissitudine, che conta ormai circa una decina di anni, eppure resta d’attualità, poiché l’inquinamento è aumentato, le polveri sottili cancerogene pm10 sono ormai parte della vita quotidiana, come se nulla fosse, mentre di alternative ai combustibili a petrolio si stenta a parlare, se non quando determinano opportunità di sontuosi guadagni come nel caso degli stoccaggi di metano.

Riallacciandosi alla più stringente attualità Clara Rita Milesi scolpisce nel clima d’un’aria irrespirabile l’incredibile non risposta, anzi diniego che le istituzioni e la Keropetrol hanno dato a Alex Conti e ai suoi progetti di diffondere l’uso del metano per ridurre proprio l’inquinamento.

E in Regione di nuovo l’Italia dei Valori, che ha fatto del caso di Alex Conti, ragazzo che voleva fare l’imprenditore ancora giovanissimo e che non chiedeva che i mezzi per realizzare un progetto che non ha che aspetti positivi, presenta a propria volta un’interrogazione. Si arriverà finalmente a una soluzione? Nel frattempo l’Italia dei Valore ha fatto di Alex Conti un emblema di tutti i giovani le cui giuste aspirazioni vengono stroncate da un sistema gerontocratico che punisce le idee innovative.

Ecco l’interrogazione di Clarita Milesi, allegata qui, e quella dei consiglieri regionali dell’Italia dei Valori presentata al consiglio regionale, allegata qui.

p.z.

0.000000 0.000000

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :