Magazine Società

Il Coronavirus non risparmia neanche la Luino-Bellinzona, “Servono più treni per i frontalieri”

Creato il 26 marzo 2020 da Stivalepensante @StivalePensante

Un treno ogni due ore, emergenze permettendo, dato che la crisi provocata dal Coronavirus non ha risparmiato l'alto Varesotto e il Ticino, non è sufficiente a detta di frontalieri e sindaci, che da tempo rispetto al tema della linea Luino-Bellinzona, portano avanti le buone ragioni di un potenziamento su due fronti che riguardano entrambi da molto vicino: il lavoro e il turismo.

La richiesta di incrementare le corse viene inoltre rilanciata anche sul versante ticinese, dove grazie al Comune di Gambarogno l'istanza stessa ha raggiunto l'attenzione del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni ( Datec), come riportava ieri La Prealpina.

"Da Luino è arrivata forte la richiesta di un potenziamento di corse a partire dalle 5 del mattino per Cadenazzo", si legge sulle pagine del quotidiano locale, dove viene poi messa in evidenza l'importanza strategica della tratta, per tanti frontalieri del territorio ma anche per chi risiede in Svizzera: "La stessa stazione di Cadenazzo è inserita all'interno di un percorso di bike sharing che, come avviene nei Paesi del centro-nord Europa, prevede di lasciare l'auto al park e ride, prendere il treno ed infine raggiugnere l'azienda in bicicletta".

Sul futuro della S30, la linea che collega Luino a Bellinzona grazie al TiLo, saranno comunque le istituzioni locali e cantonali a decidere, in base alla distribuzione delle competenze, per quanto possa essere prezioso un interlocutore anche a livello statale.

Una volta risolta l'emergenza sanitaria, si spera nel minor tempo possibile, tornerà dunque il momento di riflettere sul potenziale turistico delle nostre valli, ferite e bloccate dalla pandemia, e sull'efficienza delle principali infrastrutture. Un discorso che non potrà non riguardare anche gli appelli per un numero maggiore di corse su una linea ferroviaria considerata fondamentale.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog