Magazine Ricerca

Il corpo umano non scompare mai veramente: a cosa serve la patologia forense

Creato il 10 novembre 2019 da Reccommagazine

La maggior parte della gente avrà sentito parlare delle mummie egiziane e di come fino al 2600 a.C., gli egizi sapevano come conservare i loro morti con tanto successo da averli fatti resistere fino ai giorni nostri. Ma anche senza procedimenti di conservazione, gli antichi resti umani in Sud America sono persistiti, grazie alla disidratazione del corpo e il rallentamento dell’azione batteri dovuti al cima. Le grotte in ambienti meno estremi possono essere abbastanza secche e fredde da preservare resti umani, come Schmerling in Belgio, dove furono scoperte le prime ossa dei nostri parenti di Neanderthal.

Oggi, la cosiddetta valle arcobaleno sul lato nord del Monte Everest mostra i corpi degli scalatori che sono morti nel tentativo di raggiungere la vetta himalayana. Le loro giacche dai colori vivaci danno il nome al luogo e il freddo estremo ha bloccato la decomposizione.

Ma anche quando i corpi si decompongono completamente, è ancora possibile trovare la traccia di una vita. Archeologi e scienziati forensi, fanno affidamento su questo per capire come può succedere che una vita finisca e per conoscere il mondo in cui una persona ha vissuto ed è morta. Ma queste storie non sono solo accademiche: queste ricerche possono aiutare a sostenere le indagini sulle atrocità e sulle persone scomparse, quando a volte l’unico testimone di un crimine non può più parlare da solo.

La verità non è mai sepolta

La decomposizione inizia quasi immediatamente dopo la morte, con la fine delle normali funzioni corporee e la diffusione dei batteri interni. Questi processi causano la rottura ed il decadimento dei tessuti del corpo umano.

I patologi forensi usano queste osservazioni per calcolare il tempo trascorso dalla morte. Una volta che i tessuti molli si sono completamente decomposti, tutto ciò che rimane è lo scheletro.

Lo scheletro e i denti sono molto più robusti. Sebbene subiscano una serie di sottili cambiamenti dopo la morte, possono rimanere intatti per molti anni.

Durante la vita di una persona, il suo scheletro è un registratore dinamico che viene modificato sia nella sua forma che nella chimica dalla dieta, dall’ambiente e dalle attività quotidiane. Poiché diversi denti si formano in punti diversi durante l’infanzia e diverse ossa nello scheletro si rimodellano a velocità diverse, questi tessuti duri essenzialmente fossilizzano informazioni sulla vita di una persona dall’infanzia fino al momento della morte. Gli archeologi e gli antropologi sono altamente abili nello sbloccare questo archivio scheletrico.

Il corpo umano non scompare mai veramente: a cosa serve la patologia forenseUn odontologo forense studia i resti dentali di qualcuno che si ritiene sia morto in un conflitto passato. Wikipedia

Essere in grado di identificare un corpo spesso dipende dalla quantità di tessuto lasciato indietro e dalle condizioni in cui si trova. Ma il corpo è una struttura complessa di parti organiche e inorganiche, che rispondono in modo diverso alle diverse condizioni di sepoltura. Le condizioni ambientali che possono preservare molto bene i tessuti molli, come una torbiera acida, possono distruggere completamente i tessuti duri.

Nei luoghi in cui le condizioni ambientali possono essere estremamente aggressive per il corpo, i resti sono ancora spesso visibili. Nella famosa sepoltura di Sutton Hoo in Suffolk, i suoli acidi distrussero completamente le ossa di quelli sepolti, ma conservarono le forme organiche dei corpi – come ombre nella sabbia.

Anche il fuoco non distrugge davvero il corpo. Le temperature nei moderni crematori possono superare i 1.000° C, eppure lo scheletro sopravvive praticamente intatto.

Le ceneri date ai parenti sono il risultato di un processo secondario, un cremulatore, che frantuma le ossa in gran parte intatte in “ceneri”. Gli studi su Pompei ed Ercolano, come questo, mostra anche che gli scheletri possono sopravvivere anche a spettacolari eruzioni vulcaniche.

Il corpo umano non scompare mai veramente: a cosa serve la patologia forense Il giardino dei fuggitivi di Pompei. Lancevortex / Wikipedia , CC BY-SA

Poiché i corpi non possono essere completamente distrutti, vengono spesso fatti tentativi per nasconderli. Questa è una decisione comune dopo casi di violenza di massa motivati ​​politicamente, in cui le persone vengono forzatamente “scomparse“. Nascondere i corpi è un ulteriore, potente strato di violenza contro un gruppo bersaglio. Nega l’identità e il destino del defunto e lascia parenti ed amici in un limbo di incertezza.

Senza un corpo, le famiglie non sanno se i loro parenti sono vivi o morti. Non può esserci chiusura per loro, solo futile speranza. Il dolore emotivo che ne risulta è spesso paragonato a una forma di tortura psicologica. Le vittime della violenza a Cipro sono state nascoste nei pozzi, mentre molti corpi furono gettati dalle scogliere in Bosnia. In ciascuno di questi casi, le capacità di archeologi e antropologi forensi hanno contribuito a recuperare e identificare queste persone.

Gli sviluppi scientifici stanno permettendo il recupero delle informazioni anche dai più piccoli frammenti e tracce. La profilazione del DNA può rivelare l’identità di una persona scomparsa da un milligrammo di osso in polvere. Il tuo sesso ora può essere determinato dall’analisi dei peptidi – il componente più elementare delle proteine ​​- prelevato dallo smalto dei denti.

È qui che la ricerca fa davvero la differenza. Sviluppando nuovi metodi di analisi, i patologi legali sono in grado di rispondere a domande e risolvere misteri che hanno eluso spiegazioni e soluzioni per anni. Garantire che questi metodi siano accessibili e facili da usare in tutto il mondo potrebbe garantire che vengano portate alla luce più atrocità.

Per assicurarci che queste tecniche non siano solo appannaggio dei ricercatori accademici, e possano invece aiutare gli investigatori sul campo, è stato di recente lanciato un corso online, con il supporto del Comitato Internazionale della Croce Rossa.

Il trattamento dei morti è sempre politico, ma grazie ai nuovi approcci scientifici, le vittime e le loro storie non sono sparite per sempre.

Fonte: The Conversation


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog