Magazine

Il fantastico mondo di internet

Creato il 05 marzo 2016 da Sognidirnr

Io ho sempre pensato che su internet ci potesse essere spazio per tutti senza pestarsi i piedi.

Di WordPress mi piace che qui ognuno ha le sue cose da dire e c'è una libertà di indirizzo: ogni blog ha le sue caratteristiche per cui vale la pena seguirlo o meno.

Altra cosa che mi piace è di poter scrivere e avere uno scambio di idee: insomma,si scrive su qualunque argomento e si può dire sono d'accordo,non sono d'accordo, mi piace, non mi piace. Altre volte mi capita di leggere post talmente belli che non ho nemmeno nulla da aggiungere,in quei casi ci si può solo beare di quelle parole e tornare a rifletterci senza poter aggiungere nulla di proprio perché ogni parola di più sarebbe banale al confronto.

Invece a me ieri arriva un commento che in una parte dice "[...] Hai nuovi follower per cui non sentirai la mia mancanza, ti seguivo ma non mi piace molto quello che ho letto qui. Può essere che sia onestà a me di fondo mi sembra ci sia altro e un briciolo di esibizionismo e fiera dei luoghi comuni come i titoli di film commerciali e banalotti quindi stai serena che non è che sei proprio fuori le righe" e fino a qui tutto ok. Nel senso, ci sta che non siamo d'accordo su qualcosa e a me sta bene che me lo fai sapere, io avrei tranquillamente risposto dicendo che quello non era un post in qui mi piazzavo su un piedistallo dicendo a tutti di ammirare cotanta genialità,bravura,bellezza e originalità,non faccio sfoggio di nulla su questo blog,non è mia abitudine e mi spiace aver dato questa impressione perché non sono così ma ci sta che trovi banale quello che dico e quindi niente,capita.

In realtà il problema sta nell'esordio del commento che diceva "Dici che leggi tanto e sempre. Si dice che leggere apra la mente e dia ampie prospettive. Devi essere l eccezione che conferma la regola.[...]" Leggendo questa frase ho storto il naso e sono rimasta perplessa; però il bello delle parole scritte è che una volta messe nero su bianco rimangono ferme immobili e te puoi leggerle e rileggerle per capirle meglio. Rileggendole mi sono detta che forse invecchiando sto diventando assai puntigliosa e permalosa ma secondo me quella era un'offesa, forse nemmeno troppo velata.

E nel momento in cui ti dico che trovo il tuo commento spiacevole perché a me non pare avere ristrettezze mentali di nessun tipo,indipendentemente da quanto possa leggere e ti motivo anche ciò che nel post non ti è piaciuto descrivendoti ulteriormente quello che è il mio punto di vista, beh mi aspetto che tu mi dica "non hai capito bene, volevo dire x e y e non offenderti e comunque rimango dell'idea che sei banale"; invece, ad un commento per niente carino è seguita una mia risposta un po' risentita a cui non è arrivato altro che un mi piace silenzioso. Ed io quel mi piace lo interpreto come "hai capito bene, volevo dire quello che hai letto e fai bene ad offenderti".

E non mi piace molto questa cosa perché io anche quando sono stata in disaccordo con altri ho sempre scritto le mie opinioni,i miei pareri e consigli senza mai fare allusioni di questo tipo e non mi piace il fatto che io venga velatamente offesa,sia contraddetta in maniera poco simpatica,mi vengano dati consigli morali senza argomentare ulteriormente la questione.

Mi va bene il disappunto, mi sta bene L' addio non ti seguo più, perché un blog lo si segue fino a quando si ha voglia di leggere altrimenti ciao, ed è una cosa che faccio anche io quella di smettere di seguire certi blog quando mi accorgo che non mi piacciono poi così tanto e spesso me ne vado senza nemmeno salutare, ma non mi piace che vengano dette cose del genere per poi sparire nel mondo della blogosfera senza chiarire a fondo la questione. Perché a me non pare una questione risolta in tutto e per tutto.

Va a finire che ho davvero ristrettezze mentali se non capisco certi meccanismi ma a questo punto mi tengo la mia mente chiusa che pensa a modo suo e che quando esprime pensieri ,seppur in maniera forte e non maestosa, lo fa senza voler offendere nessuno e senza pretendere di sfoggiare chissà quali qualità o conoscenze superiori alla media.

Ho un blog in cui scrivo di ciò che più mi piace proprio per il gusto di condividere e comunicare e quando muovo critiche o alzo polemiche io le motivo andando a fondo alla questione e non mi pare di aver mai mancato di rispetto.

Tutto qui.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog