Magazine Opinioni

Il fuscello e la trave

Da Loredana V. @lorysmart

Il fuscello e la traveGià, la parabola evangelica… perché il fuscello rappresenterebbe Orbán, il cattivo, il “dittatore” che ha limitato le libertà individuali, il “fascistone” che molti chiedono di far uscire immediatamente dall’Europa.

E tutti costoro non si accorgono invece della trave, ossia questo Giuseppi Conte che ha sospeso comunque le libertà individuali, per la contingente pericolosità del virus (tale e quale ad Orbán), però ci sono delle sostanziali differenze: il leader ungherese è stato eletto dalla popolazione ed ha ottenuto, anche se in seconda votazione, la maggioranza dei voti del parlamento per questa sua richiesta di pieni poteri. Giuseppi no: è stato nominato al solo scopo di evitare elezioni anticipate, ed a colpi di DPCM ha praticamente esautorato il parlamento delle sue funzioni, vantandosene pure. Se per caso dopo elezioni anticipate fosse andato al governo il centrodestra ed avesse agito allo stesso modo di Conte, cosa avrebbero detto quelli del PD e compagnia bella? sarei proprio curiosa di saperlo.

Il fuscello e la trave
Sia ben chiaro, non mi piace l’uomo solo al comando, in nessuno dei due casi esposti, però inutile criticare all’estero, quando in casa nostra abbiamo un pessimo esempio: e se nel caso dell’ungherese si potrebbe ipotizzare una deriva fascista, nel caso di Conte possiamo parlare di assolutismo di tipo “cinese”…


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines