Magazine Cinema

IL GRANDE DITTATORE, discorso finale

Creato il 15 giugno 2011 da Fabiosiena @alternativadem
charie chaplin in il grande dittatore

charie chaplin in il grande dittatore

 

Mi dispiace. Ma io non voglio fare l’imperatore. No, non è il mio mestiere. Non voglio governare, né conquistare nessuno; vorrei aiutare tutti se è possibile: ebrei, ariani, uomini neri e bianchi. Tutti noi, esseri umani, dovremmo aiutarci sempre; dovremmo godere soltanto della felicità del prossimo. Non odiarci e disprezzarci l’un l’altro.
In questo mondo c’è posto per tutti: la natura è ricca, è sufficiente per tutti noi; la vita può essere felice e magnifica.
Ma noi lo abbiamo dimenticato.
L’avidità ha avvelenato i nostri cuori, ha precipitato il mondo nell’odio, ci ha condotto a passo d’oca a far le cose più abiette.
Abbiamo i mezzi per spaziare, ma ci siamo chiusi in noi stessi; la macchina dell’abbondanza ci ha dato povertà; la scienza ci ha trasformato in cinici; l’abilità ci ha resi duri e cattivi.
Pensiamo troppo e sentiamo poco.
Più che macchinari, ci serve umanità.
Più che abilità, ci serve bontà e gentilezza.
Senza queste qualità, la vita è violenza, e tutto è perduto. L’aviazione e la radio hanno riavvicinato le genti. La natura stessa di queste invenzioni reclama la bontà dell’uomo, reclama la fratellanza universale, l’unione dell’umanità. Perfino ora la mia voce raggiunge milioni di persone nel mondo, milioni di uomini, donne , bambini disperati.
Vittime di un sistema che impone agli uomini di torturare e imprigionare gente innocente.
A coloro che mi odono, io dico: non disperate, l’avidità che ci comanda è solamente un male passeggero. L’amarezza di uomini che temono le vie del progresso umano, l’odio degli uomini scompare insieme ai dittatori. E il potere che hanno tolto al popolo, ritornerà al popolo.
E qualsiasi mezzo usino, la libertà non può essere soppressa.
Soldati! Non cedete a dei bruti! Uomini che vi sfruttano! Che vi dicono come vivere! Cosa fare! Cosa dire! Cosa pensare! Che vi irreggimentano! Vi condizionano! Vi trattano come bestie! Non vi consegnate a questa gente senza un’anima!
Uomini macchina, con macchine al posto del cervello e del cuore.
Voi non siete macchine, voi non siete bestie, siete uomini!
Voi avete l’amore dell’umanità nel cuore. Voi non odiate coloro che odiano solo quelli che non hanno l’amore altrui.
Soldati! Non difendete la schiavitù! Ma la libertà!
Ricordate,
Promettendovi queste cose dei bruti sono andati al potere: mentivano, non hanno mantenuto quelle promesse e mai lo faranno. I dittatori forse son liberi perché rendono schiavo il popolo. Allora combattiamo per mantenere quelle promesse! Combattiamo per liberare il mondo, eliminando confini e barriere! Eliminando l’avidità, l’odio e l’intolleranza! Combattiamo per un mondo ragionevole; un mondo in cui la scienza e il progresso, diano a tutti gli uomini il benessere. Soldati! Nel nome della democrazia siate tutti uniti!

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il grande potere della visualizzazione

    grande potere della visualizzazione

    Ecco la mia nuova rubrica “MilleOrienti” pubblicata sul numero di aprile 2011 del mensile Yoga Journal. Questa volta è dedicata alla visualizzazione, con brevi... Leggere il seguito

    Da  Milleorienti
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il grande bla bla

    grande

    C’è fermento o è solo ammuina? Guardando Tizio che parla con Caio, quello all’angolo della strada che dialoga fitto con gli altri, i due compari sulla macchina... Leggere il seguito

    Da  Domenico11
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Dittatore libico cerca agenzia di PR

    Dittatore libico cerca agenzia

    Un altro esempio edificante del nobile mestiere di PR. L'ex ministro degli esteri libico, a cui la corte dell'Aja vuole fare qualche domanda in merito al... Leggere il seguito

    Da  Fra
    CULTURA, ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ
  • "Il grande sonno"

    grande sonno"

    Mi spiace dirlo, ma Il grande sonno mi ha fatto venire un grande sonno. L'ho appena finito di vedere è ho una voglia matta di andare a dormire. Ma come è... Leggere il seguito

    Da  Odette
    CINEMA, CULTURA
  • Il Grande Racket

    Grande Racket

    Dopo l'ottimo, quasi perfetto (mannaggia a quel finale...) L'Ultimo treno della notte e il personalmente deludente L'ultima casa a sinistra di Wes Craven,... Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Armellini
    CINEMA, CULTURA
  • Il Grande Caldo (1953)

    Grande Caldo (1953)

    “I’ve been rich and I’ve been poor. Believe me, rich is better.” Ecco quello che dice Debby Marsh, la pupa del gangster. Questo per spazzare via pietosi... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • Il grande punitore

    Questo filmato è tratto da una trasmissione Rai, intitolata Io e..il telefono (quando ancora la tv italiana faceva programmi veramente interessanti, con... Leggere il seguito

    Da  Carlo_lock
    CULTURA, SOCIETÀ