Magazine Società

Il kosovo tra europa, possibili nuovi negoziati e ipotesi di partizione

Creato il 27 giugno 2010 da Pasudest
IL KOSOVO TRA EUROPA, POSSIBILI NUOVI NEGOZIATI E IPOTESI DI PARTIZIONEMercoledì scorso, 23 giugno, la Commissione Esteri del Parlamento Europeo ha approvato una risoluzione in cui si raccomanda il riconoscimento internazionale del Kosovo ai cinque Stati UE che non lo hanno ancora fatto: Cipro, Grecia, Spagna, Slovacchia, Romania "dovrebbero riconoscere la dichiarazione unilaterale indipendenza del Kosovo". Il documento, approvato con 45 voti favorevoli, 14 contrari e due astenuti, ribadisce che il futuro del Kosovo è europeo e auspica "il più presto possibile" l'avvio dei colloqui tecnici per la liberalizzazione dei visti per i cittadini kosovari. Secondo l'ufficio di Ulrike Lunacek, relatrice del Parlamento Ue per il Kosovo, il testo sarà dIscusso dal Parlamento Ue in seduta plenaria a Strasburgo tra il 5 e il 7 luglio prossimo: in caso di approvazione il testo diventerà a tutti gli effetti una risoluzione del PE.
Il documento non è affatto piaciuto a Belgrado: il presidente serbo Boris Tadic, in un secco commento, ha dichiarato che la risoluzione "aumenta le tensioni senza alcuna ragione". E intervenendo al summit del Processo di cooperazione del Sud Est Europa che ha riunito lo stesso giorno ad Istanbul i capi di stato di 13 paesi dell'area, ha invitato l'UE ha dire "chiaramente e senza scuse se è pronta ad accogliere nella sua ala l'intera regione [dei Balcani occidentali] e a contribuire concretamente al raggiungimento di questo obiettivo". Dopo il vertice UE-Balcani occidentali svoltosi il 2 giugno a Sarajevo, in cui Bruxelles ha ribadito che il futuro della regione è nell'UE "la Serbia si aspetta ora [...] che quel messaggio venga tradotto in azione", ha dichiarato Tadic nel suo intervento.
"L'indipendenza dichiarata unilateralmente è solo un altro tentativo di imporre una soluzione unilaterale e un simile risultato è insostenibile" ha dichiarato il presidente serbo ribadendo che Belgrado "non riconoscerà mai e in nessun caso, né esplicitamente, né implicitamente l'indipendenza autoproclamata del Kosovo". La Serbia ha ottenuto di recente l'avvio del processo di ratifica da parte dei 27 Paesi UE dell'Accordo di Stabilizzazione e Associazione, il primo passo formale per l'adesione, siglata mell'aprile 2008 ma da allora rimasta congelata a causa delle resistenze dell'Olanda che lamenta la insufficiente collaborazione delle autorità serbe con il Tribunale internazionale per l'ex Jugoslavia. La questione è l'avvio, da parte della Commissione Europea, della procedura per l'attribuzione alla Serbia dello status di Paese candidato all'adesione all'UE. E' in tale quadro che si discute se imporre o no alla Serbia il riconoscimento del Kosovo come condizione per l'adesione.
Lo stesso giorno della risoluzione approvata dalla Commissione Esteri del PE, l'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa (organismo diverso e indipendente dall'UE che comprende 47 stati europei, 33 dei quali hanno riconosciuto l'indipendenza di Pristina) ha approvato una risoluzione in cui si afferma la necessità "di stabilire contatti operativi con le autorità del Kosovo al fine di rafforzare il suo ruolo nella provincia, pur mantenendo il suo status neutrale" circa l'indipendenza. "Nonostante le divisione sulla questione Kosovo" il documento raccomanda che gli Stati membri del Consiglio d'Europa "dovrebbero essere uniti nel sostenere un maggiore coinvolgimento dell'Organizzazione in Kosovo, nel bene di tutti i cittadini che vi vivono". Inoltre invita Belgrado e Pristina di adottare un "approccio flessibile per facilitare la partecipazione dei loro rappresentanti ai meetings internazionali, indipendentemente dalla questione dello status".
Intanto, mentre si torna a parlare di possibile partizione del Kosovo, un'ipotesi che nessuno sostiene ufficialmente ma che periodicamente compare all'orizzonte, si apprende che i negoziati sullo status del Kosovo tra Belgrado e Pristina potrebbero iniziare in settembre immediatamente dopo la decisione della Corte internazionale di giustizia dell'ONU, attesa per il 22 luglio, chiamata a decidere sulla legittimità della proclamazione di indipendenza alla luce del diritto internazionale. Questo almeno è quanto ha scritto il quotidiano serbo Blic sulla base di non meglio indicate "fonti ben informate". Il pronunciamento della Corte, chiesto e ottenuto dalla Serbia dopo una battaglia diplomatica all'ONU, ha solo valore consultivo, ma avrà un grande peso politico e diplomatico. Non a caso Ramush Haradinaj, leader dell'Alleanza democratica del Kosovo (ex premier ed ex imputato al Tribunale internazionale) ha invitato le forze politiche kosovare a elaborare una piattaforma comune in vista di possibili nuovi colloqui con Belgrado.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine