Magazine Giardinaggio

Il mese del colore giallo

Da Fiorista Mariangela
Il mese del colore giallo Dopo un due anni e mezzo ho deciso di tornare a scrivere sul mio vecchio blog. Molte persone mi hanno chiesto perché di questa mia prolungata assenza, e cosi oggi sto finalmente provando a scrivere questo post. Colore d’impatto, brillante e luminoso, il giallo, nella tonalità vibrante dei limoni, può stupire e regalare vere e proprie folgorazioni. Dalla mimosa alla forsizia sono moltissime le varietà di pianta arbustiva che fioriscono in questo mese. Pallini gialli, batuffoli a prima vista delicati e fragili, ma che nascondono forza e tenacia, molto profumati sbocciano entro dicembre e marzo per l'accacia dealbata e si ripete tutto l'anno per la mimosa delle 4 stagioni, con un periodo più denso da maggio a settembre. La rusticità dipende dalle specie, le piante di mimosa cominciano a soffrire a partire dai -5° e possono anche morire se la temperatura rimane più giorni a -10°. Tuttavia, la resistenza dipende anche dall'età dell'albero e dall'esposizione (protezione di siepi o muri, esposizione ai venti, ecc.). Inoltre, una pianta i cui rami hanno gelato può ripartire dalla base. Tutte le mimose possono essere coltivate in vaso e saranno ricoverate durante il periodo invernale in un locale luminoso riparato dal gelo. Consigli:La mimosa è fornita in vaso da marzo a maggio. In climi temperati del centro sud e sulle coste dei grandi laghi del nord si possono coltivare in piena terra. • Scegliere con cura il posto : un 'esposizione soleggiata, a sud di preferenza, riparata dal vento da una siepe o un muro. Preparare la buca di piantagione scavando una buca profonda e larga 50/60 cm e togliere i sassi e le erbacce. • Mescolare alla terra asportata circa un terzo di terriccio da piantagione arricchito di 2/3 palate di letame compostato ; in terreno calcareo, fare una buca più grande (circa 1 m) e aggiungere terra di brughiera e torba per rendere il terreno acido. Spargere in fondo alla buca una o due manate di cornunghia, e uno strato drenante in terreno argilloso, a base di palline d'argilla espansa, puzzolana o cocci di vasi di terracotta (non mettere ghiaia al rischio di alcalanizzare il terreno). • Immergere la piantina di mimosa in un secchio d'acqua per reidratare la zolla di terra, svasare delicatamente l'arbusto, slegare le radici intrecciate e sistemare la zolla senza interrare il punto di innesto (per l'accacia dealbata). Prevedere un tutore al momento della piantagione perché le piante di mimosa hanno un attecchimento superficiale. • Per la coltivazione in vaso, mescolare 1/3 di terriccio da piantagione, 1/3 di terra da giardino e 1/3 di torba e drenaggio (palline di argilla espansa, puzzolana, ecc). Scegliere un vaso alto e largo 50 cm minimo per garantire una crescita rapida e una fioritura abbondante.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog