Magazine Società

Il mondo sta cambiando e noi abbiamo un importante ruolo da svolgere

Creato il 10 marzo 2011 da Coriintempesta

Dopo i Latino Americani, gli Arabi. E domani, gli Africani? Perché Washington e Parigi hanno dovuto ritirarsi in Tunisia e in Egitto.?Come stanno andando a salvare le basi del sistema neo-coloniale.?E qual’è il nostro ruolo nel vedere che il mondo si sta realmente trasformando?.

Per molto tempo l’Impero sembrava essere invincibile. Gli Stati Uniti potrebbero a proprio piacere, utilizzando i pretesti più assurdi, violare la Carta delle Nazioni Unite, imporre l’embargo, bombardare o occupare paesi, assassinare i capi di Stato, provocare guerre civili, finanziare terroristi , organizzare colpi di Stato, armare Israele per le sua aggressioni …

Sembrava come se  gli Stati Uniti avessero potuto fare qualunque cosa avessero voluto e ha prevalso il pessimismo.

Molte volte ho sentito la gente dire: “Sono troppo forti, come ci si può sbarazzare di questi regimi arabi corrotti  che sono complici di Israele?” La risposta è venuta dal basso: i popoli sono più forti dei tiranni.

Ma noi tutti percepiamo che la lotta non si è conclusa eliminando Ben Ali e Mubarak. E’ appena iniziata. Per strappare i veri cambiamenti , devono essere neutralizzati quelli che tirano i fili da dietro.

Il mondo sta cambiando e noi abbiamo un importante ruolo da svolgere
Perciò è di vitale importanza capire i meccanismi di questo sistema che produce tiranni, li protegge e, se necessario, li sostituisce. E  capire perché questo impero si sta indebolendo e di come cercherà di mantenere il suo potere a tutti i costi.

Nessun impero è eterno

Nessun impero è eterno. Prima o poi, l’arroganza dei loro crimini provoca la resistenza generale. Prima o poi, il costo del ‘mantenimento dell’ordine’ sarà maggiore dei profitti che queste guerre portano alle multinazionali. Prima o poi, gli investimenti in campo militare saranno a scapito di altri settori dell’economia, in modo che essi perderanno la loro competitività internazionale.

E gli Stati Uniti non fanno eccezione alla regola. La percentuale di profitto delle loro multinazionali è diminuita dal 1965 e la speculazione e le bolle di indebitamento hanno solo ritardato e peggiorato la situazione. La loro partecipazione nell’economia mondiale è scesa dal 50 per cento nel 1945 al 30 per cento nel 1960. Oggi è circa il 20 per cento e sarà di circa il 10 per cento durante questi venti anni. Nessun esercito può essere più forte della sua economia e gli Stati Uniti sono quindi sempre meno in grado di essere il poliziotto del mondo. Ora il pianeta sta diventando multipolare: c’è un equilibrio diverso tra gli Stati Uniti, l’Europa,la Russia e, soprattutto, i grandi paesi del sud. La Cina in particolare ha dimostrato che essere indipendenti è il modo migliore per fare progressi. Gli USA e l’Europa non possono imporre la propria volontà, come erano soliti fare. Il loro neo-colonialismo sembra dirigersi verso un iniziale crollo.

In realtà, questo declino degli Stati Uniti è stato sempre più visibile negli ultimi dieci anni. Nel 2000 ci fu lo scoppio della bolla Internet. Nel 2002, la popolazione venezuelana ha sventato il colpo di Stato ‘made in USA’ e Hugo Chavez ha intrapreso le sue grandi riforme sociali che hanno portato alla resistenza dei popoli in tutta l’America Latina. Nel 2003 la macchina da guerra di Bush si è impantanata in Iraq, come in Afghanistan. Nel 2006 Israele ha fallito in Libano e nel 2009 a Gaza.Le sconfitte stanno ora venendo a galla.

Dopo i Latino Americani, gli Arabi. E domani gli africani?

La meravigliosa rivolta dei tunisini e degli egiziani ha fatto dei miracoli: sentiamo ora gli Stati Uniti celebrare la “transizione democratica”, mentre per decenni hanno fornito i tiranni di carri armati, mitragliatrici e seminari di addestramento di tortura! E lo stesso con la Francia.

E questa rivolta sta creando angoscia alle strategie del Grande Impero degli Stati Uniti, a quelle del Piccolo Impero francese e dei loro protetti israeliani.Grazie, popolo arabo!

L’oggetto di questa angoscia: come cambiare un po’ in modo che in sostanza non cambi nulla? Come mantenere il dominio sul petrolio del Medio Oriente, delle materie prime e delle economie in generale? Come evitare l’emancipazione dell’Africa?

Dobbiamo andare alle radici della situazione. Rallegrarsi per i primi passi non significa dover trascurare tutto il resto del percorso.Non si tratta solo di Ben Ali che saccheggiò la Tunisia, era tutta una classe di sciacalli, tunisini ma, soprattutto, stranieri.E ‘non è stato solo Mubarak che ha oppresso gli egiziani, è stato tutto il regime intorno a lui. E dietro a questo regime, gli Stati Uniti.. Ciò che era importante non era la marionetta, ma chi tirava i fili. Washington, come Parigi, sta solo cercando di sostituire le oramai logore marionette con altre più presentabili.

Non c’è vera democrazia senza giustizia sociale

Il problema che i tunisini, gli egiziani e gli altri vogliono risolvere non è: “‘Quale sarà il nuovo” leader che farà nuove promesse che non rispetterà prima di opprimerci come già avveniva? La loro domanda è piuttosto “Avrò un lavoro vero con un salario reale e una vita dignitosa con la mia famiglia? Oppure devo scegliere tra prendere una barca che affonda nel Mediterraneo o ritrovarmi in una prigione europea per non avere i documenti? ”

Solo recentemente l’America Latina stava vivendo la stessa miseria e la stessa disperazione.Gli enormi profitti provenienti dal petrolio, dal gas e dalle altre materie prime andavano a rimpinguare le casse di Exxon e Shell, mentre un latino americano su due viveva sotto la soglia di povertà, senza essere in grado di pagare un medico o una buona scuola per i bambini. Tutto iniziò a cambiare quando Hugo Chavez ha nazionalizzato il petrolio, ha cambiato tutti i contratti con le multinazionali, chiedendo che anche loro pagassero le tasse e che gli utili dovevano essere condivisi. L’anno successivo 11,4 miliardi di dollari sono stati versati al Tesoro di Stato (per 20 anni il dato era pari a zero!).E questo ha messo in moto l’attuazione di programmi sociali: assistenza sanitaria e istruzione per tutti, il raddoppio del salario minimo, il supporto per le cooperative e le piccole  imprese creando in questo modo posti di lavoro. In Bolivia Evo Morales sta facendo la stessa cosa. E esempi simili stanno espandendosi. Raggiungeranno il Mediterraneo e il Medio Oriente?? Quando ci sarà un Chavez arabo o un Evo arabo? Il coraggio di queste masse di persone che si ribellano merita un’organizzazione e un leader onesto e determinato.

La reale democrazia politica è impossibile senza giustizia sociale. In realtà i due problemi sono strettamente collegati.. Nessuno  stabilisce una dittatura per piacere o per semplice perversione.. E ‘sempre per cercare di mantenere i privilegi di una piccola cricca che vuole afferrare tutte le ricchezze. I dittatori non sono altro che i dipendenti delle multinazionali.

Chi è che assolutamente non vuole la democrazia?

Di fronte alla furia dei tunisini, quale è l’ ‘uomo nuovo’ che Washington ha proposto.?Il primo ministro del dittatore! Di fronte alla volontà di cambiamento tra gli egiziani, chi stanno cercando di mettere al potere? L’ex capo dell’esercito, una creatura della CIA! Credono che il popolo sia stupido?

Cinque anni fa, Védrine, l’ex ministro francese degli Affari esteri, ha avuto la faccia tosta di sostenere che i popoli arabi non erano pronti per la democrazia.Questa teoria rimane dominante tra una élite francese che, più o meno apertamente ,è anti-araba e islamofoba.

In realtà, è la Francia che non è pronta per la democrazia. E ‘la Francia che massacrò i tunisini nel 1937 e 1952 e nel 1945 i marocchini. E ‘la Francia che ha condotto una lunga e sanguinosa guerra per fermare gli algerini che volevano esercitare il loro legittimo diritto di sovranità. È la Francia che, mediante una dichiarazione del loro presidente revisionista, ha rifiutato di riconoscere i suoi crimini e pagare i suoi debiti per gli arabi e gli africani. E ‘la Francia che ha protetto Ben Ali fino  a quando non è salito sull’aereo che l ha portato via. Si tratta sempre della Francia, che ha imposto e mantenuto i peggiori tiranni in tutta l’Africa.

L’attuale razzismo anti-musulmano prende due piccioni con una fava.In primo luogo, in Europa, divide i lavoratori in base alla loro origine (un terzo dei lavoratori francesi e belgi sono di recente origine migratoria), e mentre vi è tutto questo fantasticare sul burqa, i datori di lavoro attaccano felicemente i salari, le condizioni di lavoro e le pensioni di tutti i lavoratori, con o senza veli.Invece di chiedersi “Ma questi dittatori chi gliel’ha imposti?” E rispondere “L’Europa, l’Europa dall’ alto, l’Europa delle multinazionali” gli arabi vengono ritratti per “non essere pronti per la democrazia” e, quindi, pericolosi. Invertendo la vittima e il colpevole, il primo è demonizzato.

Questo è il dibattito fondamentale e dipende da tutti noi vedere come è evidenziato: perché gli Stati Uniti, Francia & Co. – che hanno la parola “democrazia” sempre sulla bocca – non vogliono assolutamente la vera democrazia? Perché se i popoli possono decidere come usare la loro ricchezza e il loro lavoro, poi i privilegi dei corrotti e degli affaristi saranno in grande pericolo!

Per nascondere il loro rifiuto della democrazia, gli Stati Uniti e i loro alleati agitano sui media lo spauracchio del ‘pericolo islamista’. Che ipocrisia! Li vediamo allarmarsi e condurre enormi campagne mediatiche sugli islamisti  sottomessi dall’odioso regime dell’Arabia Saudita? Li sentiamo scusarsi per aver finanziato gli islamici di Bin Laden, al fine di rovesciare un governo afghano di sinistra che aveva emancipato le donne?

Il nostro ruolo è importante

Il nostro mondo sta cambiando molto rapidamente. Il declino degli Stati Uniti apre nuove prospettive per la liberazione dei popoli. Grandi sollevazioni sono probabili …

Ma che direzione prenderanno?Se sarà quella della positività,dovremo farci carico di  far circolare l’informazione reale e le vergognose storie del passato oramai divenute note,far sapere  che le strategie segrete sono state smascherate. Tutto questo contribuirà a creare un grande dibattito, popolare e internazionale: di quale economia, di quale giustizia sociale hanno bisogno i popoli?

Le informazioni ufficiali su questo tema sono catastrofiche e non per caso. Quindi, se la discussione deve essere avviata e diffusa, ognuno di noi ha un ruolo importante da svolgere. Come si dovrebbe fare? Torneremo a parlare di questo in un altro articolo tra pochi giorni.

di Michel Collon

Lui è un frequente collaboratore di Global Research

LINK:The world is changing and we have an important role to play

TRADUZIONE:Cori In Tempesta


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il nemico

    nemico

    La campagna elettorale passa anche da questo: la esclamazioni di vittimismo da parte di esponenti del PDL o di suoi giornalisti. Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • "Il ragazzo"

    ragazzo"

    Leggi ancora | Pubblicato da PieroTieni | Commenti &nb..;. Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Il pieno e il vuoto

    pieno vuoto

    Alle sette e un quarto del mattino l’ufficio è deserto, brilla la luce elettrica delle cinque lampade al neon, sibila l’interruttore di qualche macchina, un... Leggere il seguito

    Da  Andreapomella
    LAVORO, SOCIETÀ
  • Il fango

    Di chi la colpa dello stato del paese? Di chi parla del fango, o di chi ne è causa (con tutti gli scandali, imbrogli, abusi)?Le notizie di oggi non sono solo... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Il macchiaiolo

    macchiaiolo

    Ciao Luca, ciao Les. Vorrei segnalarvi una nuova forma di graffito che è comparsa in centro città. Si tratta di macchie di spray nero sui muri e sulle cornici i... Leggere il seguito

    Da  Riprendiamociroma
    ECOLOGIA E AMBIENTE, SOCIETÀ
  • Il buono, il brutto e il cattivo

    buono, brutto cattivo

    Il brutto Allo scadere del primo decennio del nuovo millennio, il panorama politico italiano sta subendo una decisa operazione di restyling, qualcosa di simile ... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    POLITICA, SATIRA, SOCIETÀ
  • Il ricercatore

    Tremonti alla ricerca di 2 miliardi.E così, tagliati i fondi alla ricerca, l'unica persona in Italia a fare ricerca rimane lui il ministro.Perchè noi dobbiamo... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ