Magazine Politica Internazionale

Il Pakistan tra le mete turistiche imperdibili del 2020, cosa aspettarsi?

Creato il 08 gennaio 2020 da Pietro Acquistapace

La fine di ogni anno è tempo di bilanci e di progetti per il futuro, anche nel mondo del turismo. Sul finire del 2019 una piacevole sorpresa è stata l'attenzione dedicata al Pakistan da diversi soggetti del settore, dalla rivista patinata Conde Nast Traveller alla British Backpacker Society, tanto da dichiararlo una delle prime tre mete al mondo imperdibili per il 2020. L'elezione a Primo ministro di Imran Khan, fautore di una politica di rilascio dei visti molto più rilassata e del turismo come risorsa economica nazionale, è stata una spinta importante alla crescita del flusso dei turisti in Pakistan (le visite sono aumentate del 70% nel solo 2018).

Le bellezze che il Pakistan ha da offrire al visitatore sono davvero molte. Le più famose sono senza dubbio le vette che svettano nella parte settentrionale del paese, basti pensare a nomi mitici come l'Hindu Kush o il K2, dove si trovano le magnifiche vallate come quelle di Hunza o Gilgit da cui passa la celebre Karakorum Highway. Ma, come avevamo già scritto, il Pakistan non è solo il nord, ci sono anche le splendide architetture Moghul di Lahore nel Punjab, i vibranti mercati di Karachi ed i racconta storie ambulanti di Peshhawar, solo per citare alcuni luoghi da non perdere. Delle belle foto del paese possono essere viste qui.

Probabilmente una delle prime domande che sorgono spontanee pensando al Pakistan, la risposta è: più di quanto pensi. Certo bisogna essere cauti, specie nelle aree al confine con l'Afghanistan ma nulla di cui allarmarsi. In Pakistan la polizia ed i posti di blocco sono ovunque, gli agenti sono addestrata a difendere ed aiutare i turisti da cui le infinite domande del tipo "chi sei?" "da dove vieni?" "dove vai?". La presenza di viaggiatrici donne non è così rara e le viaggiatrici solitarie sono più diffuse di quanto si creda. Un consiglio è quello di fare tonnellate di fotocopie dei documenti e sottoscrivere una buona assicurazione di viaggio.

Quando andare in Pakistan

In Pakistan ci sono deserti e picchi oltre gli 8mila metri, il che significa che il periodo migliore per visitare il paese dipende dalla zona che si intende raggiungere. L'inverno (metà novembre - febbraio) è l'ideale per viaggiare nel sud mentre rende molto complicato muoversi sulle strade innevate del nord. Al contrario l'estate (giugno - settembre) è ideale per il trekking e le escursioni nella parte settentrionale del paese. Primavera ed autunno sono stagioni dal clima particolarmente adatto al viaggio nella loro parte centrale, tuttavia sono anche le stagioni in cui le mete più popolari sono più affollate dal turismo domestico.

Il Pakistan tra le mete turistiche imperdibili del 2020, cosa aspettarsi?

Dove dormire in Pakistan

Il Pakistan offre, soprattutto nelle città più turistiche, un'ampia gamma di alloggi dai più economici ai più lussuosi. Ovviamente più si esce dal circuito del turismo internazionale o domestico e più difficile sarà trovare una buona scelta di soluzioni. In Pakistan il prezzo delle camere va sempre trattato, molti alberghi hanno dei dormitori economici ma la cosa viene nascosta per poter vendere camere più costose, quindi nel caso va sempre chiesto. Se preferisci viaggiare più tranquillamente puoi prenotare il tuo alloggio on line su siti come Agoda oppure soggiornare ospitato dalle famiglie locali usando siti specializzati come Homestay.

Come spostarsi in Pakistan

Per chi è diretto nel nord essere abituato alle strade di montagna è un obbligo, sono tortuose e fanno molta paura per via dei precipizi, con pazienza ci si abitua; come ci si abitua ai lunghi viaggi ed alle lunghe attese... In Pakistan bus e minibus vanno praticamente ovunque, anche nelle aree più remote. Per chi viaggia nel sud il treno è una buona soluzione, si consiglia l'uso delle compagnie private, caratterizzate da una maggior puntualità. Spostarsi in aereo all'interno del paese è conveniente ma bisogna prenotare prima e verificare le condizioni meteo, infine spostarsi in autostop è diffuso, facile e a volte più veloce del trasporto pubblico.

Informarsi sul Pakistan

Concludiamo questa piccola introduzione al viaggio in Pakistan con una nota dolente, ossia la mancanza di guide in lingua italiana per andare alla scoperta di questo meraviglioso paese. La traduzione italiana della guida più famosa al mondo, che avevamo indicato in questo articolo, non risulta più essere disponibile, mentre quella in lingua inglese è ormai datata. Probabilmente il rinnovato interesse per questo paese porterà ad una nuova produzione editoriale, per il momento viaggiare in Pakistan resta una piacevole avventura. Se preferisci un viaggio organizzato puoi scegliere tra i tour per il Pakistan offerti da Tourradar.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog