Magazine Società

Il pd è morto

Creato il 13 ottobre 2019 da Speradisole

IL PD È MORTO

IL PD È MORTOHo ascoltato Nicola Zingaretti nella trasmissione 8 e mezzo della Gruber, pochi giorni fa.

Il segretario lancia il cuore oltre l’ostacolo. Afferma che il Pd e il m5s, insieme, rappresentano oltre il 40% dell’elettorato italiano. Aggiunge che “se allarghiamo anche agli altri alleati abbiamo un’alleanza che sta intorno al 47- 48%”.

Quali altri alleati?  Italia Viva e tutti i fiorellini minuscoli della sinistra a sinistra?

Pare siano bastate 4 settimane del governo giallorosso per convertire il segretario del Pd e fare una alleanza stabile col m5s. Praticamente annullare il Pd.

Dice ancora che stare al tavolo coi m5s, rappresenta una straordinaria novità.

Buon per lui.

Di Maio cincischia a questa soluzione, perché pensa non solo di poter sopraffare il Pd, ma di prenderne in mano le redini e di diventare il leader unico del nuovo centrosinistra, come lo definisce Zingaretti.

Non saranno più idee del Pd, ma quelle del m5s a prevalere.

Il Pd così muore. Si attua l’azzerbinamento del Pd.

Personalmente non riesco a reggere una alleanza duratura e strutturale col m5s.

Il m5s è un avversario con cui fare, adesso, un pezzo di strada insieme.

Per altri, pare, sia un alleato con cui costruire una nuova casa, che non sarà la mia.

Mi ridurrò ad essere un’apolide, senza casa e senza cittadinanza.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog