Magazine Società

IL PERù RICONOSCE LO STATO PALESTINESE, è IL SETTIMO PAESE A FARLO IN SUD AMERICA

Creato il 26 gennaio 2011 da Madyur

Palestinian President Mahmoud Abbas

Il Perù ha annunciato che riconosce lo stato della Palestina , diventando il settimo paese sudamericano a farlo in un rapido effetto domino che ha messo in allarme Israele.

La dichiarazione è giunta alla vigilia di un vertice arabo-latinoamericano ospitata nella capitale peruviana, Lima, riflettendo crescenti legami politici ed economici tra le due regioni.

"La Palestina viene riconosciuta come stato libero e sovrano", il ministro degli Esteri del Perù, José Antonio García Belaúnde, ha detto alla radio RPP. "Non c'è stata nessuna pressione . Noi abbiamo agito con libertà e indipendenza." Egli ha espresso un sostegno costante del Perù per colloqui di pace.

L'annuncio segue analoghe decisioni di Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Ecuador, Guyana , rafforzando le speranze palestinesi di slancio verso il riconoscimento a livello mondiale.

LA notizia E ' arrivata come uno spiraglio di buona notizia per i palestinesi fra le polemiche e disperazione circa i documenti dei colloqui di pace che hanno mostrato un apparente debolezza dei negoziatori 'nei rapporti con Israele e gli USA.

"La decisione del Perù è una notizia molto buona", ha detto Mauricio Abu Ghosh, presidente della Federazione Palestina del Cile . "Si riconosce l'esistenza e la sovranità dello stato palestinese".

Israele ha avvertito che il riconoscimento della Palestina è un interferenza "estremamente dannosa " da parte dei paesi che non hanno mai fatto parte nel processo di pace nel Medio Oriente.

Gli Stati Uniti hanno fatto detto che il riconoscimento è prematuro.

Ondate di emigrazione dal Libano, Siria e Palestina al Sud America , nel secolo scorso, ha punteggiato la regione con piccole minoranze arabe ma influente, con alcuni magnati che contano politicamente.

L'aumento del commercio ha dato un vantaggio economico per i legami culturali. Brasile, che ha triplicato il suo commercio con i paesi arabi negli ultimi dieci anni, è stato ringraziato il mese scorso dal presidente Mahmoud Abbas, per aver consentito alla Palestina di aprire la prima ambasciata nelle Americhe.

Il sostegno dell'Argentina per i confini pre-1967 dello stato palestinese si tinge con la sua pretesa territoriale sulle Isole Falkland, che chiama Malvinas. Ha perso una breve guerra del 1982 contro la Gran Bretagna per l'arcipelago e ha lamentato che la Gran Bretagna viola gli accordi delle Nazioni Unite, rifiutando di discutere di sovranità.

Venezuela in precedenza ha riconosciuto lo stato Palestinese nel 2005. Gli analisti dicono che Uruguay e Paraguay potrebbe essere la prossima.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog