Magazine Salute e Benessere

IL PLATEAU – Alla ricerca dell’esperienza delle vette (remix)

Creato il 29 agosto 2019 da Nike
IL PLATEAU – Alla ricerca dell’esperienza delle vette (remix)
IL PLATEAU
Alla ricerca dell’esperienza delle vette
(remix)
Quattro anni fa, su invito dello spiritual coach Maurizio Fiammetta, ho tenuto un webinar sulla PNL spirituale e generativa: il seminario web prendeva spunto dal mio libro “Prendi la PNL con Spirito!”, in cui affrontavo il tema della “trasformazione profonda”intrapersonale e interpersonale – in maniera a dir poco originale (oltre ai ‘soliti’ – per i cultori della Programmazione Neuro-Linguistica – Bandler, Grinder e Dilts, puoi trovare voci storiche o ‘borderline’, come Jung, Assagioli, Laing, Hillman, Maslow, Gurdjieff, Almaas, Scott Peck ecc). D’altronde, mi ritengo essenzialmente uno scrittore…   Nel webinar ho parlato di essenza (il Sè, lo Spirito, il centro di gravità permanente) e personalità(persona = maschera), di entusiasmo (en theos = Dio-dentro o dentro-Dio) e immaginazione(in me magus agit = in me agisce il ‘magh’, ossia il ‘potente’ – colui che fa accadere le cose), di come toccare le vette(peak state, stato di grazia ed esperienza delle vette) e di come ridiscendere a valle come uno Zarathustra post-nicciano (anche Mosè – un “mosè” laico, ma con una visione e missione spirituali).
Un concetto che avrei voluto approfondire – ma si trattava di una “conversazione con l’autore” di poco più di un’ora (avrei parlato – alla Pannella o alla Fini – per almeno 24 ore di fila…) – è stato quello di PLATEAU.Bene, ve l’accenno – è un buon prologo per la prossima settimana, e un incentivo a scalare il (per non dire il solito Everest…). Il ‘plateau’ è la parte intermedia – la più difficile – delle tre fasi in cui si articola ogni vero apprendimento.   La prima fase è quella in cui non sappiamo fare niente: tuttavia, essendo eccitati (entusiasti, intrigati) per la novità che abbiamo appena scoperto e che stiamo cominciando a maneggiare – e anche perché stiamo partendo da zero –, qualsiasi progresso ci appare molto vistoso e ci dà delle grandi soddisfazioni (il così detto ego-drive: l’impulso e la spinta ad andare avanti e continuare). Ci si trova nello 'stato' (state of mind) della cosiddetta “mente del principiante”.   Ma ecco che arriva la seconda fase,quella in cui le nuove capacità acquisite si devono consolidare – è questo il momento che mette maggiormente in crisi (ma come al solito,ogni crisi è un’opportunità…): t’impegni, ce la metti tutta, sudi a catinelle, provi e riprovi per migliorare, ma i miglioramenti sembrano arrivare con il contagocce.Questo è il vero e proprio momento di PLATEAU, cioè di “fase pianeggiante”, di stallo, di stanca, di blocco (anche “dello scrittore”): tutto sembra fermo, stazionario, bloccato, malgrado ogni sforzo e impegno.   La maggior parte delle persone, in questa fase, si arrabbia, si avvita su sé stessa, s’incarta e, il più delle volte, demorde! Anche i discepoli di Gesù affrontarono questo “demone”… (inteso non nel senso di Socrate e Hillman). E siccome quando una casa è svuotata altri ‘demoni’ prendono la palla al balzo per occuparla(ovviamente come inquilini abusivi…), ecco che ti vengono incontro ostacoli e imprevisti di ogni sorta.
Anthony Robbins, uno che la sa lunga, a questo proposito ricorda spesso che, quando arriva un “plateau”, un esperto di PNL e di “sviluppo personale” (soprattutto ‘spirituale’) lo riconosce e, sorridendo, dice: “Toh, un plateau! Sapevo che ne sarebbe arrivato uno! Io continuo a fare il mio allenamento, perché so che arriverà la fase successiva!” (ho preso la frase da un articolo del coach Federico D’Onghia).   Infatti, chi è passato dalla fase crash(contratto, reattivo, analisi-paralisi, separato, ostico/ostile) alla fase coach(centrato, aperto, consapevole, connesso, capace di tenere tutto in mano…), è nelle condizioni ottimali per superare – o aggirare – le proprie paure, sbrogliare i conflitti interiori e sbrigliare le abilità acquisite e le nuove abitudini: queste, da occasionali o da principianti, diventano automatiche (non robotiche, ma generative), per cui si è in grado di padroneggiarle e inserirle nel contesto degli altri comportamenti.   Inoltre, ha trovato il suo“centro di gravità permanente”(una particolare posizione e attitudepsico-fisica – una ‘centratura’ – oltre che una “sorgente interiore” di acqua viva) che gli permette di agire sempre in posizione di balancee forza: questa è la terza fase. Per arrivare a questo stadio è necessario, il più delle volte, uno shock addizionale, per dirla con Gurdjieff (ne parlerò in uno dei prossimi post).Quindi, ogni volta che si vuole acquisire una nuova capacità, dopo le prime salite (o discese – insomma, il progresso) c’è semprela fase di ‘plateau’: per questo è così importante saper mantenere il focus su degli obiettivi e mantenere acceso il ‘fuoco’ dentro, ossia l’entusiasmo e la motivazione costante (momentum) che ci spingono fino all’obiettivo: start & go, fino al goal.Insomma, se hai un ‘perché’ abbastanza forte, troverai tutti i ‘come’ che ti servono a raggiungere il ‘cosa’e saprai ‘chi’ sei veramente e ‘dove’ vuoi e devi andare (e quando)…

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog