Magazine Cultura

Il portale delle tenebre di George R.R. Martin. Epilogo

Creato il 03 dicembre 2019 da Martinaframmartino

Il portale delle tenebre di George R.R. Martin. EpilogoIl portale delle tenebre è il primo dei romanzi delle Cronache del ghiaccio e del fuoco ad avere un epilogo. La cosa ha senso, George R.R. Martin pensava di far trascorrere 5 anni nel mondo di Westeros, per dar tempo ai bambini e agli animali di crescere, e ha voluto mettere un punto fermo. L'età è probabilmente il suo più grande errore: Arya soprattutto, ma anche Daenerys, Bran, Jon e gli altri ragazzi sono un po' troppo giovani per fare quello che fanno. Martin aveva creduto di poterli far crescere un po' prima della morte di Ned e dell'abbattersi della catastrofe, invece gli eventi (ma non in suo ritmo nel narrarli) si sono susseguiti a un ritmo molto più rapido rispetto a quel che aveva ipotizzato, e noi abbiamo personaggi troppo giovani. Questo è uno dei pochi aspetti in cui la serie televisiva Il trono di spade ha apportato un miglioramento ai romanzi, anche se David Benioff e D.B. Weis non lo hanno fatto perché sono stati lungimiranti ma per evitare problemi con l'accusa di pornografia minorile che avrebbero ricevuto se la loro Daenerys fosse stata tredicenne al momento del matrimonio con Drogo come la Daenerys di Martin.

Siamo in un fantasy, Martin può far crescere draghi e metalupi al ritmo che gli pare, e ovviare in parte al problema, ma Arya rimane comunque troppo giovane. L'epilogo però non è dedicato a lei, ma a uno dei tanti Frey e a un episodio che non fa parte del Trono di spade. Prima di fuggire Arya aveva sognato Nymeria che trascinava il cadavere di Catelyn fuori dal fiume. Arya non aveva capito bene cos'era successo, e anche noi abbiamo avuto bisogno di un po' di tempo per avere la certezza. Catelyn è tornata in vita grazie al potere di Rollocoso - no, davvero, fra H e apostrofo non è un nome che io possa riuscire a ricordare - ma, come già avevamo visto, per Martin tornare dalla morte non è uno scherzo. Non si diventa più potenti, come Gandalf il Bianco, si perde parte della propria umanità, e se anche la fratellanza ha detto a Catelyn che Arya è viva, ora Catelyn è animata solo dal desiderio di vendetta. I Frey sono tanti, ma lei si sta seriamente impegnando per ridurne il numero.

Questa voce è stata pubblicata in George R.R. Martin rilettura e contrassegnata con George R.R. Martin. Contrassegna il permalink.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines