Magazine Ecologia e Ambiente

IL PROGRESSO UMANO VERRà FRENATO DAL CAMBIAMENTO CLIMATICO, DA UNA RELAZIONE ONU

Creato il 05 novembre 2010 da Madyur
IL PROGRESSO UMANO VERRà FRENATO DAL CAMBIAMENTO CLIMATICO, DA UNA RELAZIONE ONU
Le Nazioni Unite hanno avvertito che una persistente incapacità di affrontare i cambiamenti climatici è stata messa a rischio da decenni di progressi per migliorare la vita dei più poveri del mondo.
Nella sua relazione , l'ONU ha dichiarato che modelli non sostenibili di consumo e di produzione ha posto la sfida più grande per una guida anti-povertà.
"Per uno sviluppo umano per diventare veramente sostenibile, lo stretto legame tra crescita economica e le emissioni di gas serra devono essere recise ", l'ONU ha detto nella sua relazione annuale per lo sviluppo umano (HDR).
Celebrando il suo 20 ° anniversario, l'HDR ha detto che negli ultimi due decenni aveva visto "sostanziali progressi" nello sviluppo umano, nonostante l'impatto della crisi finanziaria, che aveva portato a 34 milioni di persone a diventare disoccupati e un ulteriore 64 milioni di persone a scendere al di sotto della soglia di povertà.
"La maggior parte delle persone sono più sani, vivono più a lungo, sono più istruiti e hanno più accesso a beni e servizi. Anche nei paesi con condizioni economiche avverse, la salute delle persone e l'istruzione sono notevolmente migliorati".
La HDR valuta i progressi compiuti utilizzando tre principali misure del benessere - reddito, aspettativa di vita e di educazione - . Poiché primi anni del 1990, l'ISU è aumentato del 18%, con solo tre paesi - la Repubblica Democratica del Congo, Zambia e Zimbabwe - con minore sviluppo umano di 20 anni fa.
"Ci sono stati progressi enormi nel corso del tempo se si guarda al di là di reddito per l'istruzione e la salute", ha detto Jeni Klugman, direttore dell'ufficio di Human Development Report.
IL PROGRESSO UMANO VERRà FRENATO DAL CAMBIAMENTO CLIMATICO, DA UNA RELAZIONE ONUKlugman sottolinea sviluppi positivi in paesi come il Nepal, dove la mortalità infantile è sceso da livelli incredibilmente alti, e l'Etiopia dove l'accesso alla scolarizzazione è aumentata. Altri paesi africani che hanno visto significativi miglioramenti in Human Development Index sono la Burkina Faso, Mozambico, Ruanda e Uganda.
Ma Klugman ha avvertito dei pericoli derivanti dai cambiamenti climatici. "Ci sono rischi e minacce. Il cambiamento climatico potrebbe far fallire il progresso. Ecco perché il 2011 si esaminerà la questione della sostenibilità".
L'ONU ha detto che su una stima, gli effetti negativi del cambiamento climatico sulle rese del grano avrebbe spinto i prezzi in alto. In uno scenario peggiore, aggiunge il rapporto, entro il 2050 il consumo pro capite di cereali scenderebbe di un quinto, lasciando 25 milioni di bambini malnutriti, con l'Asia meridionale i più colpiti.
"Il cambiamento climatico può essere il singolo fattore che rende il futuro molto diverso, impedendo i continui progressi compiuti nello sviluppo umano che la storia ci porterebbe a prevedere. Mentre gli accordi internazionali sono state difficili da raggiungere e le risposte politiche sono state generalmente lente, l'ampio consenso è chiaro: il cambiamento climatico sta accadendo, e può far deragliare lo sviluppo umano.
Nel complesso, l'ONU ha dichiarato che i paesi poveri stanno per colmare il divario di sviluppo umano con i paesi ricchi, negli ultimi due decenni, in particolare nella sanità e nell'istruzione. I paesi che hanno più lenti progressi sono stati quelli dell'Africa sub-sahariana colpiti dalla epidemia di HIV e parti della ex Unione Sovietica che soffrono un aumento della mortalità degli adulti.
L'ONU ha detto che è sorprendente che la top 10 contengono diversi paesi non tipicamente top performer - come il Marocco e l'Algeria. Etiopia è 11 °, con tre altri paesi dell'Africa sub-sahariana (Botswana, Benin e Bukina Faso) nella top 25.
Negli ultimi 40 anni, un quarto dei paesi in via di sviluppo hanno visto aumentare la loro HDI inferiore al 20%, un altro trimestre più del 65%.
L'Asia è un'economia in rapida crescita - Cina, Indonesia e Corea del Sud - sono stati tra i paesi che avevano mostrato i maggiori progressi nel miglioramento della loro HDI, ma l'Onu ha detto che la top 10 ci sono anche il Nepal, Oman e Tunisia, dove il progresso nelle dimensioni non-reddito dello sviluppo umano è stato altrettanto notevole.
"Il divario tra paesi sviluppati e paesi in via di sviluppo persiste: un piccolo sottogruppo di paesi è rimasta nella parte superiore della distribuzione del reddito mondiale, e solo una manciata di paesi poveri si sono uniti al gruppo ad alto reddito", dice il rapporto. "Il divario nello sviluppo umano di tutto il mondo, mentre il restringimento, resta enorme".

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :