Magazine Cultura

Il revisionismo per Δt tendente a zero

Creato il 07 giugno 2016 da Rulm @rulm
Negli ultimi trent’anni il revisionismo dell’estrema destra europea è sempre stato anzitutto un «revisionismo storico», animato dalla nostalgia del passato nazifascista e applicato perciò a un ampio intervallo di tempo (Δt, leggi «delta ti») tra i fatti e la loro mistificante «revisione».Ma ogni aspirazione totalitaria ambisce a una manipolazione per Δt tendente a zero.Mentre, dopo il delitto Matteotti, i Fascisti invitavano alla «pacificazione nazionale», stavano preparando un regime violento, oppressivo e guerrafondaio.Mentre i Nazisti attuavano lo sterminio di massa degli ebrei europei, pubblicamente negavano di aver mai avuto idee simili e giunsero persino a fare un film di propaganda sul campo di Theresienstadt in cui i prigionieri assistono a concerti, giocano a calcio, lavorano nei giardini delle proprie case e si rilassano al sole.Mentre si consumava il terribile eccidio di Marzabotto, sul «Resto del Carlino» venivano ufficialmente smentite le voci di un massacro come menzogne prive di ogni fondamento.Ecco che ora, nel suo tentativo di imitare in piccolo il Fascismo, anche CasaPound si produce in un revisionismo per Δt tendente a zero manipolando in modo sistematico le informazioni di Wikipedia su episodi recenti di squadrismo.Sono decine gli episodi di violenza neofascista smorzati e poi rimossi in modo minuzioso, attento e preciso per non destare alcun sospetto. Le operazioni vengono effettuate da quella che Gianluca Iannone, presidente di CasaPound, definisce come una «task force di pronto intervento nel mondo di internet». Leggi l’intervento di Dario Lapenta su ECN antifa o su La Meteora.Posted inGeneral.Tagged with CasaPound, revisionismo.No commentsBy staffetta  giugno 6, 2016

Breviario dell’antifascista 8

La Germania pare che non abbia scrittori comici nel periodo nazista. Questo è un segno grave. La sciagura peggiore che possa capitare a un popolo, che il regime totalitario ha trasformato in marionette, è quella di non accorgersi del suo stato, in una parola di non ridere. Non scoprire il comico negli automatismi della dittatura significa appartenere alla massa degli automi perfetti. La prova del comico a quei tempi era definitiva come quella di stare ritti su un piede per chi ha bevuto troppo vino. Ricordo un mio amico nel quale la sensibilità si era acuita a tal punto da fargli correre seri rischi. Le fotografie di certi grandi personaggi, atteggiati visibilmente a una tronfiezza, a un velleismo, a una romanità di terz’ordine suscitavano in lui un bisogno di ridere profondo e penoso come certi attacchi di tosse o conati di vomito.Vitaliano Brancati, Il comico nei regimi totalitari (1954)Posted in General.Tagged with breviario.No commentsBy staffetta  giugno 5, 2016

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il panino

    panino

    Guarda laggiù, lo vedi quell'operaio tutto sporco con gli stivali e il grembiule di cuoio? Sta mangiando un panino sull'entrata della conceria e a nessuno,... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Il Verdecammino

    Verdecammino

    di Fabio Todeschini – hi è il Profeta Verde e qual è il suo Sentiero? In questo saggio Fabio Todeschini accosta due figure enigmatiche e misteriose,... Leggere il seguito

    Da  Ciessedizioni
    CULTURA, LIBRI
  • Il bene

    bene

    Nel quarto del millennio sul pianeta Terra, nell'universo la Papamobile umanizzata benedice: la Luna con la Luna e Saturno con Saturno. Marte con che cosa? con... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Il Motovelodromo

    Motovelodromo

    Accadde in un quieto pomeriggio di primavera del 1977, quando indossai una maglietta bianca con strisce gialloblù e la scritta F.C.I. Torino. Leggere il seguito

    Da  Pim
    CULTURA
  • Il cartello

    cartello

    Autore: Don WinslowOrigine: USAAnno: 2015Editore: EinaudiLa trama (con parole mie): sono passati anni dalla fine della battaglia tra Art Keller, agente della... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Il presepe sotto il mare

    di Marco Giglio A Sant’Elia, dove l’infinito abbraccia la terra e ne bacia i difetti e le virtù. Mancavano pochi giorni al Natale nel “paese dei due mari”. Leggere il seguito

    Da  Abattoir
    ATTUALITÀ, CULTURA
  • Il club

    club

    di Pablo Larrain con Roberto Farías, Antonia Zegers, Alfredo Castro, Alejandro Goic, Alejandro Sieveking Cile, 2015 durata, 98’ È ormai palese ai più come... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA