Magazine Cultura

Il Rinascimento. I grandi maestri della pittura: Raffaello Sanzio

Creato il 19 novembre 2015 da Pierluigimontalbano
Il Rinascimento. I grandi maestri della pittura: Raffaello Sanzio di Pierluigi MontalbanoIl Rinascimento. I grandi maestri della pittura: Raffaello SanzioNato nel 1483 a Urbino, una delle corti più raffinate dell’Italia rinascimentale, si formò tra Perugia e Firenze, a contatto con Leonardo e Michelangelo. Talento precoce, a venti anni aveva già eseguito alcuni capolavori, e quando morì a 37 era considerato un genio. Capace di conversare alla pari con principi e studiosi, e di usare qualsiasi tecnica con lo stesso successo, creò opere di perfezione assoluta secondo i canoni del tempo, rimasti validi ancora oggi. Suo padre, Giovanni Santi, artista presso la corte di Federico da Montefeltro, morì nel 1494 e Raffaello si spostò a Perugia per collaborare con il celebre Perugino che influenzò notevolmente le sue prime opere. Così la “Crocifissione” detta Mond, se non ci fosse la firma dell’artista, si confonderebbe con un’opera del Perugino, e la pala con lo “Sposalizio della Vergine”, anch’essa firmata e datata 1504, ripete un’altra opera di analogo soggetto, sempre del maestro, oggi conservata nel museo di Caen. A Perugia ottiene la protezione della potentissima famiglia Baglioni, e a Urbino, negli stessi anni, lavora per Giovanna Feltria, figlia di Federico da Montefeltro, signore di Urbino, e moglie di Giovanni della Rovere, eseguendo tre deliziosi quadretti: San Giorgio e il dragoSan Michele e il drago e il Sogno del cavaliere. Il 1 ottobre 1504 Giovanna Feltria lo raccomanda al gonfaloniere di Firenze Pier Soderini, pregandolo di trovargli incarichi pubblici importanti, così Raffaello lascia l’Umbria per la Toscana. Nei primi anni a Firenze si trova a fare i conti con i talenti locali, su tutti Leonardo e Michelangelo, e mentre i due più anziani colleghi lavoravano per la Sala delle Udienze a Palazzo della Signoria, Raffaello continuò a produrre per Perugia completando la Pala Ansidei e la Pala Colonna. 
Il Rinascimento. I grandi maestri della pittura: Raffaello Sanzio

A Firenze si specializzò nella produzione di quadri per le case di ricchi signori fiorentini, raffiguranti per lo più Sacre famiglie o ritratti, risultando maestro incontrastato, elaborando modelli, conservati oggi nei musei di tutto il mondo. Nessuno meglio di lui riuscì a raffigurare la tenerezza, l’amore e l’affetto che uniscono i membri della Sacra famiglia, tuttavia, non raffigura un’ideale di bellezza perfetto: i suoi personaggi sono di irresistibile fascino perché, al contrario di quelli di Leonardo o Michelangelo, affiancano alla ricerca di perfezione la semplicità e la naturalezza. Una delle ultime opere a Firenze è il “Trasporto del cristo morto”, oggi nella Galleria Borghese di Roma, eseguita per Atalanta Baglioni, nobile perugina, che volle dedicare il quadro alla memoria del giovane figlio Grifonetto, assassinato da un cugino nel 1500. L’opera raffigura il Cristo morto trasportato alla tomba con dolore e fatica da due portatori, mentre intorno le Marie e Giuseppe d’Arimatea mostrano varie sfumature del dolore: dalla tristezza alla disperazione. In questo dipinto abbandona lo stile dolce per avvicinarsi alla potenza drammatica delle figure di Michelangelo. Fu un grande ritrattista, capace di cambiare tono, arie e stile a seconda del personaggio che deve rappresentare, cogliendo anche gli aspetti tipici e interiori. Ad esempio, nei ritratti di due papi, Giulio II e Leone X, e di Baldassarre Castiglione (oggi al Louvre), si notano l’aria solenne, la ricchezza di dettagli preziosi e un taglio delle figure che mostra le doti morali, in quel perfetto equilibrio di realtà e idealità. Quando, invece, realizza figure femminili, Raffaello usa un registro diverso, molto sensuale, ammiccante, talvolta ironico, come nel caso del celebre”Ritratto della velata”, o in quello della sua bella amante, la Fornarina. Nel 1508 il papa Giulio II, forse su consiglio del Bramante, chiamò Raffaello in Vaticano per decorare i nuovi appartamenti del pontefice (le Stanze, gli arazzi per la Cappella Sistina e le Logge). Nella prima Stanza (della segnatura) fece quattro straordinari affreschi che convinsero papa Giulio II ad affidargli la decorazione di tutte le Stanze e di conseguenza a licenziare illustri pittori già al lavoro, tra cui il suo vecchio maestro, il Perugino. Nella prima stanza esegue quattro capolavori. Il primo (La scuola di Atene) raffigura una grande riunione di filosofi antichi in un monumentale edificio ispirato al contemporaneo progetto di Bramante per la nuova basilica di S. Pietro. Il secondo (La disputa del sacramento) raffigura una riunione di sommi sacerdoti e filosofi della Chiesa in un paesaggio moderno, intenti a discutere dei misteri della fede. Il Rinascimento. I grandi maestri della pittura: Raffaello SanzioPoi rappresenta il “Parnaso”, una riunione di poeti, tra i quali Dante e Virgilio, in compagnia del dio Apollo e delle Muse. Infine realizza le tre virtù cardinali (forza, prudenza e temperanza). All’interno degli affreschi il pittore inserì numerosi ritratti, tra i quali Michelangelo, il filosofo Eraclito, Bramante, Euclide, oltre al suo autoritratto insieme al Giovanni Battista Bazzi detto il Sodoma, che proprio Raffaello aveva sostituito. La Stanza successiva (Eliodoro) vede un affresco centrale (la cacciata di Eliodoro dal tempio) e tre dipinti che illustrano episodi in cui Dio è intervenuto miracolosamente in aiuto della Chiesa e dei suoi fedeli: la Messa di Bolsena, la Liberazione di San Pietro dal carcere e l’incontro di Attila con Leone Magno. La terza sala fu realizzata durante il pontificato di Leone X, successore di Giulio II, e, infatti, rappresenta tutti eventi storici che hanno per protagonista un papa omonimo: la Battaglia di Ostia, vinta da Leone IV, La Giustificazione di Leone III e l’Incoronazione di Carlo Magno per mano dello stesso Leone III, infine l’Incendio di Borgo, miracolosamente estinto da Leone IV. L’ultima Stanza, detta di Costantino, fu impostata da Raffaello, ma, dopo la sua morte nel 1520, fu eseguita dall’allievo Giulio Romano.Nelle immagini: L'incendio di borgo, la disputa del Sacramento e la scuola di Atene



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :