Magazine Politica

Il terrorista franco-algerino Merah e il suo amore per i “bambini palestinesi”

Creato il 22 marzo 2012 da Wally26

Uccidere in nome dei bambini e della causa palestinese… Un movente che si commenta da solo. Sull’argomento ho scritto ampiamente nelle categorie: “Islam“, “integrazione“, “valori della sinistra”, “rivolte in Maghreb” etc. per cui non mi dilungo troppo; e’ un problema “risolto” per me, quindi diro’ solo due parole.

Credo che queste giovani menti confuse e fuorviate, queste primizie euro-arabe di prima generazione sfuggite alle maglie dell’acculturamento occidentale,  stiano creando un po’ troppo casino per i miei gusti. Credo pure che esista un bel problema con le famiglie di questi ragazzi, i quali spesso non sembrano facilitarne  l’integrazione sociale e culturale.

Non a caso ci dice Il Corriere della Sera che: “Un fratello del sospetto, a sua volta ritenuto affiliato ad associazioni islamiste, è stato interrogato ed è in stato d’arresto” e che “Insieme a lui sono sotto custodia «a scopo cautelare» la madre e la fidanzata, oltre a due sorelle. Perquisizioni sono ancora in corso in altre abitazioni“. Nel frattempo: “il premier dell’Anp Salam Fayyad, parlando a proposito della strage alla scuola ebraica di Tolosa, ha chiesto di «smettere di sfruttare il nome della Palestina per giustificare azioni terroristiche».”

Credo infine che la confusione regni sovrana anche in molte eccelse menti italiane, incapaci ormai di formulare anche solo un pensiero coerente, figuriamoci distinguere il bene dal male (uccidere=male, sempre male). Alcuni esempi tratti dai commenti dei lettori del Fatto Quotidiano:

Se sei di coccio e’ intricata, intricatissima. Ricapitoliamo: vengo a casa tua e ti caccio a calci. Adesso e’ casa mia perche’ io ho la pistola e tu la fionda. Capito adesso? Non e’ poi cosi’ intricata la cosa.

***

Gli europei sterminano 6 milioni di ebrei e regalano la Palestina ai sopravvissuti. Hitler li voleva mandare in Madagascar.  Comunque la giri i palestinesi sono le vittime. Punto.

***

I seguenti commenti sono tratti dalla pagina Facebook del “Fatto”;

Non facciamo della dietrologia vi prego … qui la religione non c’entra nulla ne tanto meno la provenienza. Ammazzarlo? No troppo facile

***

Il nesso fra il criminale di Tolosa ed i recenti crimini di Israele c’è eccome. La spirale di odio innescata sistematicamente e reiteratamente da Israele deve fermarsi altrimenti ieri a Tolosa domani chissà dove qualche altro criminale fondamentalista vendicherà altri morti palestinesi. Nethanyau deve farla finita, COMMISSARI ONU NEL KNESSET SUBITO

***

Quando si cresce in un clima di odio e violenze fatte e subite non si usa la ragione ma prevalgono gli istinti questo è il risultato…” (qui ci sarebbe molto da elaborare; dedichero’ prossimamente un post a questa idea della “inevitabilita’” della violenza)

***

Appunto, non fanno notizia i bambini palestinesi, quindi lui si è vendicato” (…qui poi non ne parliamo nemmeno)

***

Mettiamo il governo di Israele sulla sedia elettrica prima, che ne dite?

***

Guardate, la punizione peggiore che gli può capoitare è essere rimandato a Gaza! Magari questo è quello che ha subito nella sua infanzia: abusi, carcere, bombe al fosforo, bombe a grappolo, incursioni aeree continue…quello che i bambini palestinesi subiscono OGNI GIORNO!” (pure questo si ricollega al discorso sulla “inevitabilita’ della violenza”)

Concludo con questa esaustiva vignetta tratta dalle Cronache di Gerusalemme di Guy Delisle che suggerisco di leggere per avere un punto di vista obbiettivo sull’argomento “Palestina”, “ONU” e attivisti delle”ONG” varie;

Il terrorista franco-algerino Merah e il suo amore per i “bambini palestinesi”


Filed under: Islam, Valori della Sinistra


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il poeta

    poeta

    [Unknown, Man Ray agendas and related materials, ca. 1926. The Getty Research Institute, Los Angeles.]Si bùccina che viva dando ad altrila procura, la delega o... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il trovatello

    trovatello

    Alla stazione di Firenze l'altro giorno un ragazzo con i caratteri arabi teneva a guinzaglio un bel cagnolino bianco e nero,pulitissimo,molto ben curati... Leggere il seguito

    Da  Annarosabalducci
    SOCIETÀ
  • Il funerale

    funerale

    Da bambino ero irrequieto, ma ho imparato la compostezza ad un funerale. Qualche volta mio padre mi portava con lui e rimaneva stupito di come diventassi serio... Leggere il seguito

    Da  Rosariopipolo
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Il grattamare

    grattamare

    Un grattacielo sommerso per sopravvivere all'innalzamento dei mariDopo le case anfibio thailandesi, progettate per resistere alle alluvioni, sempre più frequent... Leggere il seguito

    Da  Simone D'Angelo
    SOCIETÀ
  • Tolosa: al buio il quartiere dove si trova barricato il killer, dopo che era...

    Tolosa: buio quartiere dove trova barricato killer, dopo fallito tentativo mediazione. Ecco Merah filmato trasmesso France

    Mohammed Mesah, il killer braccato nella sua casa a Tolosa TOLOSA - L'illuminazione stradale è stata completamente spenta nel quartiere dove è barricato... Leggere il seguito

    Da  Samalos
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Tolosa: é morto Mohammed Merah, ucciso nel blitz

    Tolosa: morto Mohammed Merah, ucciso blitz

    Mohammed Merah è  morto nella sparatoria, lo asseriscono fonti della polizia francese. Il blitz delle teste di cuoio è stato portato a termine dopo... Leggere il seguito

    Da  Yellowflate
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Spara Merah Spara!

    Spara Merah Spara!

    “Le teste di cuoio animano una festa per bambini”L’algerino responsabile della strage di Tolosa è morto. Per vendicare i 6 milioni di ebrei dell’olocausto.Uccis... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ