Magazine Informazione regionale

Il testimone: i politici pagano la camorra alle elezioni. Ecco il listino prezzi

Creato il 23 maggio 2016 da Vesuviolive

elezioniGennaro Ciliberto, dopo aver rilasciato in questi anni dichiarazioni contro la camorra, che hanno riempito interi verbali e visto imputare diversi soggetti, torna a raccontare alcuni fatti neanche tanto nascosti che sono alla base di dinamiche cittadine. Questa volta al centro della narrazione vi sono le elezioni amministrative e il ruolo nevralgico della camorra in alcune sfere della politica napoletana. Ciliberto afferma che la camorra a Napoli “vende voti al miglior offerente”come riporta Il Mattino on line, attraverso distinte attività all’interno della campagna elettorale.

Per esempio, l’affissione dei manifesti politici, i quali costano al candidato un euro cadauno. Ancora, il servizio – navetta per portare gli anziani a votare per poi ricondurli a casa e la presenza di sentinelle costanti fuori al seggio: quest’ultima attività costerebbe 50 euro al giorno.

“Tutto accade da anni e nessuno denuncia, spesso si litiga per un voto nel seggio ma non si vogliono vedere le migliaia di voti che gestisce la camorra. Tranne qualche coraggioso giornalista che narra il fenomeno, poi tutto tace.”

Tuttavia, il paladino della legalità, evitando la trappola della generalizzazione, sottolinea come non è sempre così: “Qualcuno potrà dire che così dicendo non c’è nessun politico per bene e che così scrivendo si scredita la politica napoletana. No, ci sono uomini e donne che credono nel cambiamento, gente onesta che ci mette la faccia e l’impegno, che lotta con ogni forza contro questi mostri, ma provate a chiedere a questi uomini o donne quanto possono spendere per una campagna elettorale».

Ciliberto fa notare come sia facile, tra l’altro, accorgersi di certe manovre: basta stazionare per alcuni minuti vicino a un comitato elettorale ed osservare la gente che entra ed esce con manifesti da attaccare. E si tratta, secondo Ciliberto, di facce già conosciute alla cronaca nera o alle forze dell’ordine.

Il cittadino napoletano, inoltre, era intenzionato a candidarsi con Fratelli d’Italia per queste amministrative, ma essendo sotto protezione doveva aspettare la risposta del Ministero dell’Interno, non arrivata in tempo. Quest’appartenenza politica spiegherebbe anche la lettera aperta che Ciliberto ha scritto alla candidata del Pd Valente e a Metteo Renzi, circa le loro mancate risposte ai suoi tentativi di prendere contatti.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :