Magazine Cultura

Il viandante di Jane Harvey-Berrick, Recensione

Creato il 28 dicembre 2017 da Sherzade90 @SogniMarzapane
Il viandante di Jane Harvey-Berrick, Recensione

Era uno normale, carino a prima vista. In realtà era straordinario,

anche se non sempre gentile, e bellissimo.

"Bello" era una parola troppo riduttiva per la sua pelle liscia e dorata;

per il viso, descritto dagli zigomi decisi, e il mento volitivo.

Aveva gli occhi del colore del mare prima di una tempesta, l'espressione dubbiosa e vulnerabile,

labbra morbide e carnose, dello stesso colore della rosa rossa in sboccio; il suo corpo statuario, scolpito, pericoloso.

Poteva respirare fuoco, mangiare fiamme, e la parola "amore"

bruciava insieme a quelle sulle sue labbra.

Ero già coinvolta da lui da prima che mi rendessi conto dell'inizio della nostra storia.

È stato divertente il modo in cui sono andate le cose.

Aimee ha dieci anni quando la sua strada incrocia quella di Kes, abile ragazzino circense, e scopre così la magia del circo. Lui è tutto ciò che lei non sarà mai: libero, felice e senza paura. Sono sufficienti due settimane all'anno per unire i due giovani, e la loro amicizia si trasforma pian piano in qualcosa di più profondo, intrinseco, ma anche molto pericoloso. Aimee infatti sa che Kes non potrà mai fermarsi in un solo luogo e che il suo cuore è destinato a seguirlo in capo al mondo pur di stare con lui.

Il sentimento dei ragazzi spaventa entrambe le famiglie, perché motore di comportamenti impulsivi e illogici. Ma Aimee non vuole rinunciare all'amore per Kes, e lui sa che nessuna lo conosce quanto lei. Lottare, però, non è facile quando a volersi unire sono due mondi tanto distanti tra loro e per Aimee e Kes la vita sembra diventare impossibile nell'attesa dell'altro.

Il viandante di Jane Harvey-Berrick, Recensione

Buongiorno fantasmini!
Vi state preparando al natale? Qui ci sono già le prime lucine e gli alberi tutti illuminati.
Ma sapete cosa altro è illuminato? Una cosa che si trova in alcuni parchi, che si può vedere una volta all'anno in qualche occasione speciale. Avete capito di cosa si tratta?
Ebbene si, della ruota panoramica!
Il libro di cui vi parlo oggi è "Il Viandante" scritto da Jane Harvey-Berrick ed edito dalla Delrai Edizioni.
Non voglio dilungarmi molto quindi passo subito alla trama.
Aimee è una bambina di dieci anni che, per il suo compleanno, decide di trascorrere una giornata al circo. Ha sempre adorato la magia e cosa c'è di meglio di un circo per ricercarla? I suoi genitori sono molto tradizionalisti e operano con il pugno di ferro, ma concedono alla bambina di vivere quest'avventura.

Il viandante di Jane Harvey-Berrick, Recensione


Nel giorno tanto atteso, Aimee non sta più nella pelle e quando finalmente riesce ad entrare, non sa da che parte cominciare quando all'improvviso nota un ragazzino che la invita a seguirlo.
Ovviamente lei non lo segue e il libro si conclude.
No, sbagliato. Lei è attratta come una calamita da questo piccolo circense e lo segue volentieri. Vedrà cosa si nasconde dietro alla "magia", incontrerà piccoli animaletti domestici, strani personaggi e quello che sarà il suo migliore amico.
Kes è un ragazzo, anche lui di dieci anni, che vive nel mondo circense. Lavora e viaggia con questo circo itinerante e si ferma di città in città per mettere in scena i suoi spettacoli. Una volta arrivato in questa nuova città, incontra una strana ragazzina e la invita ad entrare nel suo mondo.
I nostri protagonisti riusciranno a vedersi solo un paio di settimane all'anno, ma continueranno a cercarsi, scrivere e parlare ogni volta che ne hanno occasione.

Il viandante di Jane Harvey-Berrick, Recensione


Gli anni passano e i due crescono, tra alti e bassi continueranno la loro conoscenza e a 16 anni scopriranno cosa vuol dire essere innamorati. Potremmo dire che sono come Romeo e Giulietta, ma in questo caso sono solo i genitori di Giulietta che cercano di dividerli.
Non voglio dirvi altro, semplicemente perché dovete scoprire voi cosa accade a Kes e Aimee. Potete star certi che, leggendo, esclamerete tanti "Oh" "Ah" "Ma che bastardo" "Quanto sono teneri"... si, io l'ho fatto e vi posso dire che i piccioni che abitano nella mia soffitta volevano farmi rinchiudere in qualche centro specialistico. Peccato sia un fantasma e non possono farlo.
Scherzi a parte, questo è un libro che vi porterà in un mondo magico, dove la magia la si crea e si possono trovare tanti amici. Il percorso non sarà facile, ma se si vuole una cosa, allora bisogna lottare.
In fondo, anche il destino ha le sue regole e in un modo o nell'altro riuscirà a portarci dove vuole.
La Harvey-Berrick ha creato una storia d'altri tempi, dove l'amore e la magia si intrecciano, dove i personaggi sono descritti così bene da permetterti di calarti nei loro panni. Un ragazzo che sa quello che vuole, non ha paura di andare contro le regole e farà di tutto per stare con la persona che ama.
Una ragazza che cercherà di aiutarlo, di sorreggerlo e spronarlo senza mai arrendersi.
Una storia che ti coinvolge, ti fa innamorare, sospirare e arrabbiare.
Un libro da leggere. Che ti rimarrà nel cuore!

Il viandante di Jane Harvey-Berrick, Recensione

Il viandante di Jane Harvey-Berrick, Recensione


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines