Magazine Diario personale

IL Volo – Tre voci una sola anima (ITA/ENG)

Da Il Volo Italian Fan Club @IlVoloFanClubIT
  • ITALIANO

86c233e3-9539-473b-a65f-abf712fc0dc6.jpg

Traduzione de Il Volo – Italian Fan Club dell’articolo dedicato a Il Volo sulla rivista “Social Ritmo“.

Il destino li ha fatti incontrare un giorno sullo stesso palco. In seguito, decisero di unire le loro tre voci, “di formare una sola anima, di creare Il Volo e di separarsi…mai!”. A partire da questa decisione, Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble si sono immersi con lo spirito, corpo e cuore per allietare con la bellezza dei loro testi e l’incanto dei loro diversi toni di voce le  fans di tutto il mondo in quanto sanno cantare in cinque lingue diverse.

Il Volo ha ricevuto premi importanti: un Billboard della musica latina oltre ad aver vinto il festival più importante di tutta Italia: il festival della canzone di San Remo. Attraverso la musica classica e collaborando con grandi maestri come Placido Domingo, hanno fatto meraviglie capaci di toccare persino il cuore duro.

Si sono spostati per varie nazioni e la prossima tappa del loro “Grande Amore World Tour” è a Santo Domingo sabato 9 aprile all’anfiteatro Nuryn Sanlley e, da qui, continueranno a far innamorare il pubblico latino-americano con le loro splendide canzoni. Ma prima, hanno deciso di fare due chiacchiere con Ritmo Social e condividere con noi notizie interessanti sul loro viaggio. Godetevi l’intervista.

RS: Cosa rappresenta la musica per coloro che formano Il Volo?

IL VOLO: Senza dubbio, la musica è un mezzo per rilassarci durante un tour molto intenso. Ma per noi la musica è una ragione di vita, è qualcosa che ci accompagna durante il cammino della vita e c’è sempre una canzone per ogni stato d’animo.

RS: Sapendo che vi siete conosciuti nel talent show di Ra1 Ti Lascio Una Canzone, qual è stata la vostra reazione o cosa avete pensato quando vi siete visti? Cosa vi ha spinto ad unire le vostre voci?

IL VOLO: E’ stato il produttore di quel talent ad unire le nostre voci e a motivarci. Condividere il palco è stata un’esperienza nuova ma presto ci siamo abituati e adesso siamo come tre fratelli, sia sul palco che una volta scesi.

RS: Cosa si prova ad essere così giovani e ad avere successo come Il Volo, sia col repertorio classico che con quello contemporaneo?

IL VOLO: Sicuramente questo successo è un’opportunità per far conoscere il nostro genere musicale in tutto il mondo. Questo genere, che per molti anni è stato interpretato da artisti più adulti, per la prima volta viene proposto al mondo da ragazzi di vent’anni.

RS: Cosa rappresenta per voi ogni il successo di ogni album  da parte de il pubblico e che  valore date al  riscontro che hanno avuto tutte le vostre produzioni?

IL VOLO: Per noi ogni album è come un bambino, un figlio. E sapere che la gente apprezza ciò che stiamo facendo ci riempie di felicità.

RS: In sette anni di carriera, tra studio e palcoscenico avete ottenuto vari premi e riconoscimenti nel mondo della musica. Secondo voi, qual è quello più importante che avete ricevuto o riceverete?

IL VOLO: Tutti i premi sono importanti, ma per un artista italiano vincere il Festival di San Remo rappresenta il traguardo più alto. Un altro premio che mai dimenticheremo è quello del Latin Billboard, che abbiamo vinto due anni fa.

RS: Come riuscite ad interpretare canzoni in cinque lingue e a farvi apprezzare dalla gente?

IL VOLO: E’ la forza del “bel canto” che suona romantico in tutte le lingue.

RS: Voi avete fatto una sorta di tributo al maestro Josè Josè con la canzone “El triste” di Roberto Cantoral. Cosa vi ha spinto a rendere omaggio ad un artista latino-americano?

IL VOLO: L’America Latina la sentiamo molto vicina alla nostra cultura, e rendere omaggio ad un artista come Josè Josè è stata un’emozione indimenticabile.

RS: Il Volo è stato ben accettato dal pubblico latino-americano. Cosa ne pensate?

IL VOLO: Niente è più forte della voglia che abbiamo di far conoscere la nostra musica e la cultura del nostro paese in giro per il mondo, specialmente ai nostri coetanei. Amiamo cantare e parlare in spagnolo e vogliamo ringraziare tutti i latino-americani, vi amiamo!

RS: Voi siete stati molto vicini al maestro Placido Domingo. Cosa rappresenta per voi aver lavorato insieme a don Placido e partecipare prossimamente al tributo alla sua carriera nello spettacolo “Placido en el Alma?”.

IL VOLO: Placido Domingo è sempre stato uno dei nostri più grandi idoli e, oggi, poter lavorare e soprattutto condividere un’amicizia speciale con lui è qualcosa che ci fa sentire orgogliosi.

RS: Il titolo dell’album Grande Amore, ha un motivo particolare?

IL VOLO: Grande Amore è il significato di un duro lavoro, è la nostra canzone preferita nella quale viviamo e proviamo grandi emozioni. Inoltre, rappresenta l’inizio della nostra evoluzione, ciò che alla fine è il senso del nostro repertorio.

RS: In questa seconda volta sul palcoscenico dominicano cosa spinge Il Volo verso i fans della Repubblica Dominicana?

IL VOLO: Porteremo tutto il nostro Grande Amore a tutte le fans dominicane.

RS: Come vi vedete tra tre o cinque anni?

IL VOLO: Sempre insieme. Siamo tre voci e una sola anima.

RS: Attualmente Il Volo è un simbolo dell’opera moderna. Pensate di continuare a portare avanti questo genere o avete pensato di fare un altro tipo di canzoni slegate un po’ da questo stile?

IL VOLO: Il pop lirico è uno stile di vita, crediamo nella nostra cultura e nella musica che portiamo in giro per il mondo. Non canteremo mai un altro stile musicale. Questa musica è ciò che ci rende unici. Perchè cambiare?

RS: Chi sono Piero, Gianluca e Ignazio fuori dal palcoscenico?

IL VOLO: Tre amici…anzi no: TRE FRATELLI!

© Questo articolo è protetto da copyright e non può essere riprodotto, o tradotto senza permesso o senza aver citato la fonte.

© This article is copyright protected and not to be reproduced or translated without permission or without reporting the original source.

curve-01

  • ENGLISH

Fate brought them together one day on the same stage. Afterwards, they decided to combine their three voices, “to form a single soul, to create Il Volo and never separate … ever!”. Starting from this decision, Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble, wholeheartedly, with body and soul, set about making the fans around the world happy, with their beautiful lyrics, the magic of their distinct voice tones and singing in five different languages.
Il Volo has received major awards: a Latin America Billboard Music Award in addition to winning the most important festival in Italy: the Sanremo song festival. Through classical music and collaborating with great masters such as Placido Domingo, they have worked wonders capable of touching even the hardest heart.
They have travelled to various countries and the next leg of their “Grande Amore World Tour” is in Santo Domingo on Saturday 9 April at the Amphitheater Nuryn Sanlley and, from here they will continue to enchant the audiences in Latin America with their beautiful songs.
But first, they decided to have a chat with Social Rhythm and share interesting news about their trip, with us. Enjoy the interview.
RS: What is music for those who form Il Volo?
Il Volo: Without a doubt, the music is a means to relax during a very intense tour. But for us, music is a reason for living, it’s something that accompanies us during life’s journey and there is always a song for every mood.

RS: We know that you met in the talent show by Rai 1, Ti Lascio Una Canzone, what was your reaction or what you did you think when you saw each other? What made you decide to unite your voices?
Il Volo: it was the producer of that talent show who united our voices and motivated us. Sharing the stage was a new experience but we soon got used to it and now we are like brothers, both on and off stage.

RS: What does it feel like to be so young and successful as Il Volo, both with the classical and contemporary repertoire?
IL VOLO: Certainly, this success is an opportunity to get our type of music known around the world. This style, which for many years was performed by older artists, is being proposed for the first time in the world, to women in their 20s.

RS: What does the success of each album, mean to you and what value do you give to all your productions?

IL VOLO: Every album for us is like a baby, a son. Knowing that people appreciate what we are doing makes us very happy.

RS: During your seven year career, between study and stage, you have been given various awards and recognitions in the world of music. In your opinion, which is the most important you have received or would like to receive?

IL VOLO: All the awards are important but for an Italian artist to win the Sanremo Song Festival represents the highest achievement. Another award that we will never forget is the Latin Billboard which we won two years ago.

RS: How do you manage to interpret songs in five languages and have the public appreciate you?

IL VOLO: It’s the force of “bel canto” which sounds so romantic in all languages.

RS: You performed a kind of tribute to the Maestro José José with the song “El triste” by Roberto Cantoral. What made you pay homage to an Hispanic artist?

IL VOLO: We feel that Latin America is very close to our culture, and paying tribute to an artist like José José was an unforgettable experience.

RS: Il Volo was well received by the Latin American public. What do you think?

Il VOLO: Nothing is stronger than the desire we have to make the music and culture of our country, known around the world, especially to our peers. We love to sing and speak in Spanish and we want to thank all Latin Americans, we love you!

RS: You have been very close to Maestro Placido Domingo. What does it mean to you, having worked together with Don Placido and to be participating soon in the tribute to his entertainment career “Placido en el Alma?”.

IL VOLO: Placido Domingo has always been one of our biggest idols and today, being able to work and above all, share a special friendship with him is something that makes us feel very proud.

RS: Does the title of the album “ Grande Amore” have a special significance?

IL VOLO: “Grande Amore” is the meaning of hard work, it is our favourite song in which we live and experience great emotions. Moreover, it represents the beginning of our evolution, which ultimately is the sense of our repertoire.

RS: This being the second time on the Dominican stage, what drives Il Volo towards the Domenican Republic fans?

IL VOLO: We will be bringing our “Grande Amore” to all the Domenican fans.

RS: How do you see yourselves in three to five years?

IL VOLO: Always together. We are three voices and one soul.

RS: Currently, Il Volo is a symbol of modern opera. Do you plan to continue to pursue this type of music or have you thought about doing other types of songs, not connected to this style?

IL VOLO: Pop opera is a way of life, we believe in our culture and in the music we take around the world. We will never sing a different type of music. This music is what makes us unique. Why change?

RS: Who are Piero, Gianluca and Ignazio away from the spotlight?
IL VOLO: Three friends….. in fact, no: THREE BROTHERS!


© This article is copyright protected and not to be reproduced or translated without permission or without reporting the original source.




Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :