Magazine Cinema

Il volto di un’altra

Creato il 22 ottobre 2019 da Lumiere @LumiereFratelli

Il volto di un’altra

Il volto di un’altra – Italia 2013 – di Pappi Corsicato

Drammatico – 84′

Scritto da Alice Grisa (fonte immagine: imdb.com

Bella è l’affascinante conduttrice di un programma che mostra gli interventi di chirurgia plastica. Le operazioni sono eseguite in diretta dal marito René, proprietario di una clinica nel Sudtirolo. Irritata per il suo licenziamento, causato dal calo degli ascolti, viene coinvolta in un incidente d’auto che le sfigura il viso. Quello che sembrerebbe un dramma si rivela però un’occasione di rilancio

“Vi sareb​be​ un modo per risol​ve​re​ tutti i proble​mi​ econo​mi​ci:​ baste​reb​be​ tassa​re​ la vani​tà”​. (Jacques​ Tati). Questa​ storia​ è la rappre​sen​ta​zio​ne​ della socie​tà​ che odia le scarpe​ balle​ri​ne​. È un Narci​so​ 2.0, che, inve​ce​ che contempla​re​ la propria​ imma​gi​ne,​ contem​pla​ il gradi​men​to​ popo​la​re​ della propria​ imma​gi​ne​.

Dopo Il seme della discordia, Pappi Corsicato prose​gue​ sulla stessa​ linea e racco​glie​ i suoi perso​nag​gi​ nella caset​ta​ di Hansel​ e Gretel​ (tra i prati e le mele fiammeg​gian​ti​ del Sudti​ro​lo)​ appe​ti​bi​le​ all’e​ster​no​ quanto​ inevi​ta​bil​men​te​ mostruo​sa​. La socie​tà​ delle vetri​ne,​ l’esse​re​ inte​so​ (solo e unica​men​te)​ come esse​re​ perce​pi​ti,​ la corsa alla bellez​za​ asso​lu​ta​ sono trattati​ con i toni della comme​dia​ nera. Il regi​sta​ napo​le​ta​no​ dichia​ra​ di esser​si​ diver​ti​to​ a rime​sco​la​re​ e ridi​se​gna​re​ i gene​ri:​ rom-com holly​woo​dia​na,​ noir, grottesco, farsa, satira di costume, echi almo​do​va​ria​ni​ per produr​re​ un patch​work​ di cita​zio​ni​ che danno un’idea​ di cine​ma​ figlia​ dei tempi postmo​der​ni​. La locan​di​na​ stessa​ è un richia​mo​ nostal​gi​co​ ai tempi perdu​ti.

La clini​ca​ di René, una fabbri​ca​ di bellez​za​ dove si svolgo​no​ gli inter​ven​ti​ di chirur​gia​ plasti​ca,​ è ritrat​ta​ come un ridi​co​lo​ ospeda​le​ psichia​tri​co​. I suoi perso​nag​gi,​ sia i pazien​ti​ che il perso​na​le,​ sono volu​ta​men​te​ tipiz​za​ti​ e arran​ca​no​ tra ogget​ti​ e costu​mi​ nel terre​no​ dell’e​sa​ge​ra​zio​ne​. I degen​ti​ benda​ti​ che salta​no​ insen​sa​ta​men​te​ per il prato come anima​li​ allo scopo di rasso​da​re​ le roton​di​tà​ ricor​da​no​ molto le atmo​sfe​re​ di Morti di salute​ (Alan Parker, 1994) e il salu​ti​smo​ sfrena​to​ del dottor​ Kellogg,​ prece​den​te​ analo​go​ sul discor​so​ dell’i​bri​do​ medi​cal​-come​dy​-horror​. Lo humor è onni​presen​te​ e affi​da​to​ a situa​zio​ni​ para​dos​sa​li​ e slapstick,​ in un film che colpi​sce per l’ori​gi​na​li​tà​ visi​va​ (alcu​ne​ inqua​dra​tu​re​ ricor​da​no​ opere della pop-art). La prota​go​ni​sta​ Laura Chiatti dà vita a una Bella​-bambo​la​ sinte​ti​ca​ che parte da pellic​ce​ e grossi​ occhia​li​ da sole e si ritro​va​ a vaga​re​ per i lussuosi​ corri​doi​ della clini​ca​ in vesta​glie​ di seta e decol​le​té​ pito​na​te:​ una presenta​tri​ce​ il cui volto ha stufa​to​ ma che poi, colpi​ta​ al viso da un water (!) e sfigu​ra​ta,​ si trove​rà​ ad affon​da​re​ in una pozzan​ghe​ra​ con un’inat​te​sa​ possi​bili​tà​ di riscat​to​. Il mari​to​ Preziosi, per l’occa​sio​ne​ biondo​ e semi​-intel​let​tuale​ (una masche​ra​ adatta​ al ruolo del medi​co​ star che parte​ci​pa​ a un programma​ tele​vi​si​vo),​ un dotto​re​ con la sala opera​to​ria​ in bianco​ e nero, la tratta​ proprio​ come una Barbie,​ finché​ lei da ogget​to​ non diven​ta​ sogget​to, nonché​ avver​sa​ria​ di visi​bi​li​tà​ e fama. Scrostan​do​ la presen​ta​zio​ne​ dei personag​gi​ da Comme​dia​ dell’Ar​te​ rima​ne​ ben poco: non c’è un’ani​ma,​ c’è la possi​bi​li​tà​ di un riscat​to​ non puni​ti​vo,​ ma alla fine nessu​no​ di loro fa un percor​so​ di reden​zio​ne​.

Il tema è pre-masti​ca​to​ e frequen​te​ nei film degli ulti​mi​ decen​ni:​ per appa​rire​ chiunque​ fareb​be​ qualun​que​ cosa, come infran​ge​re​ la legge, tradi​re​ la propria​ fami​glia,​ i propri​ ideali​ (la sotto​tra​ma​ dell’o​pe​ra​io​-cantan​te​ Tru Tru, pieno di ideali​ ma in fondo meschi​no​ come gli altri). L’Ita​liet​ta​ degli appro​fit​ta​to​ri​ ormai è un cliché​. Più inte​res​san​te​ è il discor​so,​ solo accen​nato,​ della stupi​di​tà​ di una massa schiava​ dell’a​gen​da​ setting,​ che inte​rio​rizza​ qualun​que​ messag​gio​ venga passa​to​ dai media. Il pubbli​co​ viene sedotto​ con la bellez​za​ ed è faci​lis​si​mo​ da ingan​na​re,​ se alle​sti​sci​ uno spetta​colo​ con le luci giuste​ e gli abiti di scena sontuo​si​ (per questi​ ulti​mi​ il regi​sta dichia​ra​ di esser​si​ ispira​to​ al mondo della moda e al cine​ma​ giappo​ne​se). Anco​ra​ più meri​te​vo​le,​ a un livel​lo​ più profon​do,​ è la rifles​sio​ne​ sul volto, sull’i​den​ti​tà​ cela​ta​, camuf​fa​ta​ e svela​ta,​ la neces​si​tà​ di masche​rarsi​ per ritro​va​re​ sé stessi​ e risvelar​si,​ affi​ne​ a La pelle che abito di Almodovar ma con sostan​zia​li​ diffe​ren​ze:​ se il regi​sta​ spagno​lo​ incan​ta​va​ con una poesia​ vaga​men​te​ surrea​le​ e dai toni deli​ca​ti,​ ne Il volto di un’altra si enfa​tiz​za​ tutto giocan​do​ con il simbo​li​smo​ e la buli​mia​ degli ogget​ti​ (wc, anima​li​ impa​glia​ti,​ camper,​ scarpe,​ giostra,​ zucche​ro​ fila​to)​. Emerge​ una rappre​sen​ta​zio​ne​ della realtà​ visi​va​men​te​ molto cari​ca​ta (come​ nella parti​cola​re​ “esplosio​ne”​ fina​le)​ ma non altret​tan​to​ nel discor​so​ di fondo; forse Corsicato avrebbe​ dovu​to​ osare di più. Il risul​ta​to​ è comun​que​ godi​bi​le​ e non perde mai il suo status​ di fiaba grotte​sca,​ come se i mostri​ fosse​ro​ disegna​ti​ con gli Uni Posca dei bambi​ni​.

Voto: 7


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog