Magazine Coppia

Impotenza erettile: l’importanza di prevenire i fattori di rischio

Da Salutenewsit @SaluteNewsIT

Possiamo chiamarla mancanza di erezione, disfunzione erettile, deficit erettile, o semplicemente e più comunemente impotenza ma, qualunque sia il termine usato per questa condizione, l’impotenza erettile rimane una tra le disfunzioni sessuali più imbarazzanti e quindi di maggior disagio per un uomo.

Fortunatamente nella maggior parte dei casi l’impotenza erettile può essere risolta grazie a trattamenti farmacologici mirati contro l’impotenza erettile. Quello che però molti non sanno è che la condizione di impotenza erettile può e deve essere prevenuta mediante accorgimenti quotidiani e tenendo sotto controllo alcune malattie tipicamente responsabili dell’impotenza erettile.

La prevenzione dell’impotenza erettile è molto importante poiché se si presta maggiore attenzione verso la propria salute il rischio di incorrere in disfunzioni sessuali come l’impotenza erettile si riduce di circa il 40%.

Impotenza erettile: quali i fattori di rischio da evitare

Appurata l’importanza della prevenzione per non incorrere nell’impotenza erettile, vediamo ora quali fattori di rischio possono essere ridotti o monitorati al fine di non incentivare l’insorgenza di questa condizione.

Tra i fattori di rischio dell’impotenza erettile ritroviamo la dipendenza da nicotina. Infatti sia la nicotina che le altre sostanze contenute nelle sigarette accelerano il battito cardiaco, mentre il monossido di carbonio diminuisce la quantità di ossigeno nel sangue favorendo l’aterosclerosi e l’insorgenza di disfunzioni sessuali come l’impotenza erettile. La dipendenza da nicotina è uno dei principali fattori di rischio dell’impotenza erettile, quindi smettere di fumare certamente porterebbe vantaggi alla salute sessuale e a quella generale.

Anche la pressione arteriosa è tra i fattori di rischio più frequenti dell’impotenza erettile

Una pressione arteriosa molto alta (ipertensione) affatica il cuore con conseguenti ripercussioni sulla circolazione sanguigna. Come ben si sa una cattiva circolazione coinvolge anche i corpi cavernosi del pene e comporta in taluni casi l’impotenza erettile. Un’alimentazione varia che prevede un regolare consumo di pesce, un limitato consumo di grassi di origine animale, povera di sodio e ricca di fibre permette di allontanare il rischio di ipertensione e conseguentemente di impotenza erettile.

Da non sottovalutare poi sono altri due fattori di rischio dell’impotenza erettile quali la colesterolemia totale e il diabete. Il colesterolo come sappiamo è una sostanza presente naturalmente nell’organismo, ma quando la sua quantità aumenta in maniera eccessiva nel sangue comporta un danneggiamento delle arterie. Pertanto mantenere sotto controllo il colesterolo attraverso la corretta alimentazione e la regolare attività fisica, non solo consente una migliore circolazione ma limita anche il rischio di impotenza o disfunzione erettile. Per quel che riguarda il diabete, sarebbe sempre opportuno fare dei controlli periodici soprattutto con l’avanzare dell’età quando il rischio di impotenza erettile diabetica aumenta considerevolmente.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog