Magazine Diario personale

Impressioni di Settembre.

Da Eloisiaspan @EloisiaSpan
Impressioni di Settembre.
Il momento in cui estate ed autunno si danno la mano, scambio di testimone tra l’afa  opprimente e le fresche serate in cui tutto è possibile.
Spinte dalla melodia dell’intenso profumo del mosto, le foglie si preparano a spogliare gli alberi come fossero una veste che si sfila lentamente lungo i fianchi di una donna.  
Settembre porta con se ricordi d’estate e nuovi orizzonti. Paure, promesse.
Settembre è una magica  transizione dall’assoluta ilarità alla totale pacatezza.
Ciascuno ha le proprie “Impressioni di Settembre” , impressioni di questo strano ed essenziale momento in cui ricomincia la corsa, non prima di aver tirato le somme.
Oltre le mie, vi lascio le Impressioni di Settembre  della PFM, in questa versione dei Marlene Kuntz, che ritengo assolutamente degne di nota.
( Testo di Mogol – Pagani – Mussida )
Quante gocce di rugiada intorno a me
cerco il sole, ma non c’è.
Dorme ancora la campagna, forse no,
è sveglia, mi guarda, non so.
Già l’odor di terra, odor di grano
sale adagio verso me,
e la vita nel mio petto batte piano,
respiro la nebbia, penso a te.
Quanto verde tutto intorno, e ancor più in là
sembra quasi un mare d’erba,
e leggero il mio pensiero vola e va
ho quasi paura che si perda…
Un cavallo tende il collo verso il prato
resta fermo come me.
Faccio un passo, lui mi vede, è già fuggito
respiro la nebbia, penso a te.
No, cosa sono adesso non lo so,
sono un uomo, un uomo in cerca di se stesso.
No, cosa sono adesso non lo so,
sono solo, solo il suono del mio passo.
e intanto il sole tra la nebbia filtra già
il giorno come sempre sarà.

Impressioni di Settembre.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :