Magazine Cucina

In attesa della serata di degustazione allo Shalai, due nuovi post per Tenuta di Fessina: Percorsi di vino e Gusto Magazine

Da Silviamaestrelli
In attesa della serata di degustazione allo Shalai, due nuovi post per Tenuta di Fessina: Percorsi di vino e Gusto Magazine
“Fra i fiori tropicali, fra grida di dolcezza, la lenta, lieve brezza scivolava e piano poi portava, fischiando fra la rete, l' odore delle sete e della spezia…”

Da Asia di Francesco Guccini
In vista dell' iniziativa che si svolgerà di qui a poche ore allo Shalai Restaurant di Lingaglossa (CT), dove sarà presentata l'intera nostra linea di produzione toscana e siciliana, segnalo due nuovi post appena diffusi in rete e dedicati alla Tenuta di Fessina.
Molte grazie ad Andrea Petrini di Percorsi di vino Wine Blog, che proprio oggi dedica una "Piccola panoramica sui vini dell'Etna", dopo aver degustato i nostri vini ad un recente banco d'assaggio organizzato dall'AIS a Roma: "(...) Con l'aiuto del tempo, l'azione dell'uomo ha tenacemente sovrapposto al paesaggio lavico un paesaggio agricolo tra i più ricchi dell'isola dove l’arte di coltivare e lavorare la vite ha origini ed usanze antiche. (...) Tenuta di Fessina – Il Musmeci 2007: prodotto in contrada Rovittello da uve nerello mascalese e nerello cappuccio di oltre 80 anni di età. I tre bicchieri verdi del Gambero Rosso e l’eccellenza della Guida ai vini de L’Espresso 2010 non posso essere un caso. All’olfattiva è ampio, fresco, disposto su sensazioni di viola appassita, geranio, frutta rossa croccante, humus, liquirizia, polvere di lava, rabarbaro. Bocca viva, tenace, di grande progressione e piacevolezza e persistenza. Il miglior vino della serata senza dubbio".
E grazie infinite a Stefano Cuchetto di Gusto Magazine, che pubblica "Una serata con Federico Curtaz: la Sicilia nel vino": "Ho conosciuto Federico Curtaz una sera di novembre. Dovevo, come sommelier, presentare una sera in un bel locale umbro, dove l’ospite era Federico e i suoi vini siciliani. Man mano che andavo avanti con la presentazione dell’ospite, (anche perché poi parlare dei vini spettava a Federico), cercavo di penetrare nell’anima di quest’uomo, nella vera essenza che fa di un produttore di vini un grande produttore. (...) Le sue viti di Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio sono l’eredità dei vecchi contadini, che con amore e sacrificio le hanno allevate e curate per anni. Curtaz non le ha espiantate per aumentare la produzione e razionalizzare il sesto di impianto, anzi, seguita a curare queste viti ultrasettantenni, con spirito di sacrifico e abnegazione, visto che la resa per ettaro è bassissima: il suo vino è veramente l’espressione più autentica della terra di Sicilia. Nasce in questo modo e da queste vigne Il Musmeci, il cru di Nerello Mascalese, un vino eccellente e pluripremiato. Accanto a questo “gioiello” enologico Curtaz produce anche un vino bianco, il SE, nel comune di Catalafimi, per l'esattezza a Segesta. E' uno chardonnay estremamente potente e al contempo elegante".
La scheda di degustazione de Il Musmeci 2007, a cura di Stefano Cuchetto:
100% Nerello Mascalese (D.O.C. Etna Rosso), superficie vitata 6 ettari presso la contrada Rovitello, Etna. Anno di impianto delle vigne 1920.
Annata degustata 2007.
Colore: rosso rubino intenso
Al naso: note di spezie dolci, frutti maturi che ricordano la ciliegia.
Al gusto: caldo, affascinante, con una freschezza importante, i tannini vellutati ma ancora presenti al palato aggiungono piacevolezza e rendono questo vino estremamente intenso e intrigante, sapido, lungo in bocca, avvolgente e persistente.
Un vino che seduce, anche se per avere il massimo dal Nerello Mascalese c’è bisogno di pazientare: il meglio di sé lo dà dopo lunghi anni di affinamento, benché già l’annata in degustazione risulta dare grande piacevolezza al “palato”. Solo 8000 bottiglie prodotte, una resa per ettaro sotto i 70 quintali, affinamento quindici mesi, parte in acciaio, parte in botte (grande tonneaux da 36 ettolitri).

Sarà, stasera, un appuntamento fondamentale per le nostre due aziende, la toscana Villa Petriolo e Tenuta di Fessina sull'Etna, la cui promozione prosegue “in tandem”, valorizzando il patrimonio enogastronomico del Montalbano in Trinacria ed i meravigliosi frutti della Muntagna in Toscana.
Questa sera, ambientata in una location suggestiva, una presentazione di tutta la nostra produzione nella terra di Sicilia...

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog