Magazine Economia

(in dieci punti) La potenziale RECESSIONE GLOBALE + la CRISI FINANZIARIA in arrivo per il 2020 + lo scenario epocale della "tokenizzazione del dollaro"

Creato il 20 settembre 2018 da Beatotrader
dieci punti) potenziale RECESSIONE GLOBALE CRISI FINANZIARIA arrivo 2020 scenario epocale della Procediamo con la pubblicazione sul mio BLOG
delle analisi più importanti&stimolanti
ovvero quelle che potrebbero farti prendere le decisioni più efficienti e/o salvifiche
ma lo facciamo RIGOROSAMENTE IN LINGUA INGLESE
così "di default" eliminiamo la massa italopiteca che sta dietro solo alle caxxate populiste quotidiane in lingua rigosamente italiota (che conoscono solo quella...e pure in versione ferma agli anni '70...)
così ci concentriamo sulla minoranza consapevole e che può ancora attivarsi.
Per gli altri non posso più fare nulla, che la via ormai è solo individuale, almeno fino al Default di FallitaGlia.
Vedi uno dei miei ultimi post: Il sistema finanziario globale si sta disfacendo e no, gli USA non sono immuni (Guest Post)
Vediamo dunque l'analisi del mitico Doctor Doom = Roubini che anticipò mirabilmente la mega-crisi del 2008.
E' piena di spunti interessanti ma vanno dette due cose
1. Roubini anticipò la crisi Lehman Brothers anche un po' per culo... dunque statisticamente che ci azzecchi una seconda volta è molto più improbabile ;-)
dieci punti) potenziale RECESSIONE GLOBALE CRISI FINANZIARIA arrivo 2020 scenario epocale della 2. Roubini è diventato nel frattempo una star tra gli economisti...sempre più connesso al sistema finanziario tradizionale, dunque NON ha minimamente colto la potenziale rivoluzione di Bitcoin/Blockchain/Cryptovalure
ma addirittura l'ha osteggiata in modo Talebano e poco Informato, come hanno fatto in tantissimi cazzoni che non hanno capito una mazza e/o si sono venduti.
Pertanto NON considerare durante l'eventuale prossima crisi il ruolo delle Cryptovalute è MOLTO GRAVE E LIMITATIVO = adesso non dico che il Bitcoin farà la differenza a livello sistemico (quanto piuttoso a livello di nicchia per poche persone SMART che sanno cogliere veramente le occasioni epocali)
però il sistema delle cryptovalute/della blockchain potrebbe implementare un processo di tokenizzazione del DOLLARO-crypto e dell'economia
(vedi il dollaro tether che è stata la prima "manifestazione" e che si sta moltiplicando in forma di tante stable-crypto-coin peggate al dollaro ma non solo)
Questo fenomeno
(che il 99% non sa nemmeno che capzio voglia dire perchè passano le giornate a discutere del biglietto aereo AlitaGlia di Giggino che va in Cina....se sia economy no...e poi si lamentano se si stanno estinguendo, ehhhh!)
potrebbe avere conseguenze importanti....................
.
essere appoggiato anche "dall'alto" e potrebbe portare ad una maggiore adoption indiretta anche delle cryptovalute vere, veicolando al meglio la valuta centralizzata  FIAT per eccellenza  = il dollaro.
Uno scenario fantasy ma nemmeno troppo = in ogni caso non considerare come variabile della prossima eventuale crisi e dei prossimi scenari il sistema blockchain applicato anche al Dollaro e ad altre valute FIAT primarie, come dicevo rende certe analisi VECCHIE ED INCOMPLETE
ma comunque UTILI se ci aggiungiamo noi quel pepe della novità che manca e dunque le integriamo.
Sia ben chiaro: la tokenizzazione del dollaro via blockchain veicolandolo come se fosse una cryptovalute NON fa di esso una VERA CRYPTOVALUTA DECENTRALIZZATA
ma semplicemente veicola molto meglio le vecchie valute FIAT centralizzate = è ancora presto per valutare appieno tutte le conseguenze di questo processo che potrebbero perfettamente sposarsi con i prossimi sviluppi macro-economico-finanziari e con le prossime Crisi.
Questo vale sia per le analisi di Roubini
che per l'analisi successiva di Forchielli (mega-esperto di Cina, Asia ed USA): purtroppo anche lui ha rigettato in pieno la novità cryptovalute/blockchain liquidandola come fuffa/bolla,
mentre invece si sposa alla grande anche con la sua analisi
ma di nuovo quello che manca ce lo aggiungiamo noi...
vedi il mio post: L'ERA PRIMITIVA DEI DEBITI IN VALUTA FIAT vs. LA NUOVA FUTURISTICA ERA DEL MONDO DELLE CRYPTOVALUTE
Massive adoption con stable coin come il dollato tether....
Btc come oro... Eth rimarrà...
Poi arriverà la massa di security token... mixati a utility...
Il mondo dopo una potenziale CRISI sistemica
si sta preparando a una crescita economica di lunga durata senza precedenti....
con la Tokenizzazione dell'economia... e la riduzione del peso del debito...
Da debt bubble a bubble di asset token...
Ma non è uno scenario di breve periodo.
-----------------------------------------------------------------------
The Makings of a 2020 Recession and Financial Crisis
Sep 13, 2018 NOURIEL ROUBINI , BRUNELLO ROSA
Although the global economy has been undergoing a sustained period of synchronized growth, it will inevitably lose steam as unsustainable fiscal policies in the US start to phase out. Come 2020, the stage will be set for another downturn – and, unlike in 2008, governments will lack the policy tools to manage it.

NEW YORK – As we mark the decennial of the collapse of Lehman Brothers, there are still ongoing debates about the causes and consequences of the financial crisis, and whether the lessons needed to prepare for the next one have been absorbed.
But looking ahead, the more relevant question is what actually will trigger the next global recession and crisis, and when.
The current global expansion will likely continue into next year, given that the US is running large fiscal deficits, China is pursuing loose fiscal and credit policies, and Europe remains on a recovery path.
But by 2020, the conditions will be ripe for a financial crisis, followed by a global recession.
There are 10 reasons for this.
First, the fiscal-stimulus policies that are currently pushing the annual US growth rate above its 2% potential are unsustainable.
By 2020, the stimulus will run out, and a modest fiscal drag will pull growth from 3% to slightly below 2%
Second, because the stimulus was poorly timed, the US economy is now overheating, and inflation is rising above target.
The US Federal Reserve will thus continue to raise the federal funds rate from its current 2% to at least 3.5% by 2020, and that will likely push up short- and long-term interest rates as well as the US dollar.
Meanwhile, inflation is also increasing in other key economies, and rising oil prices are contributing additional inflationary pressures.
That means the other major central banks will follow the Fed toward monetary-policy normalization, which will reduce global liquidity and put upward pressure on interest rates.
Third, the Trump administration’s trade disputes with China, Europe, Mexico, Canada, and others will almost certainly escalate, leading to slower growth and higher inflation.
Fourth, other US policies will continue to add stagflationary pressure, prompting the Fed to raise interest rates higher still.
The administration is restricting inward/outward investment and technology transfers, which will disrupt supply chains.
It is restricting the immigrants who are needed to maintain growth as the US population ages.
It is discouraging investments in the green economy.
And it has no infrastructure policy to address supply-side bottlenecks.
Fifth, growth in the rest of the world will likely slow down – more so as other countries will see fit to retaliate against US protectionism.
China must slow its growth to deal with overcapacity and excessive leverage; otherwise a hard landing will be triggered.
And already-fragile emerging markets will continue to feel the pinch from protectionism and tightening monetary conditions in the US.
Sixth, Europe, too, will experience slower growth, owing to monetary-policy tightening and trade frictions.
Moreover, populist policies in countries such as Italy may lead to an unsustainable debt dynamic within the eurozone.
The still-unresolved “doom loop” between governments and banks holding public debt will amplify the existential problems of an incomplete monetary union with inadequate risk-sharing.
Under these conditions, another global downturn could prompt Italy and other countries to
exit the eurozone altogether.
Seventh, US and global equity markets are frothy.
Price-to-earnings ratios in the US are 50% above the historic average, private-equity valuations have become excessive, and government bonds are too expensive, given their low yields and negative term premia.
And high-yield credit is also becoming increasingly expensive now that the US corporate-leverage rate has reached historic highs.

Moreover, the leverage in many emerging markets and some advanced economies is clearly excessive.
Commercial and residential real estate is far too expensive in many parts of the world. 
The emerging-market correction in equities, commodities, and fixed-income holdings will continue as global storm clouds gather. 
And as forward-looking investors start anticipating a growth slowdown in 2020, markets will reprice risky assets by 2019.
Eighth, once a correction occurs, the risk of illiquidity and fire sales/undershooting will become more severe.
There are reduced market-making and warehousing activities by broker-dealers.
Excessive high-frequency/algorithmic trading will raise the likelihood of “flash crashes.”
And fixed-income instruments have become more concentrated in open-ended exchange-traded and dedicated credit funds.
In the case of a risk-off, emerging markets and advanced-economy financial sectors with massive dollar-denominated liabilities will no longer have access to the Fed as a lender of last resort.
With inflation rising and policy normalization underway, the backstop that central banks provided during the post-crisis years can no longer be counted on.
Ninth, Trump was already attacking the Fed when the growth rate was recently 4%.
Just think about how he will behave in the 2020 election year, when growth likely will have fallen below 1% and job losses emerge.
The temptation for Trump to “wag the dog” by manufacturing a foreign-policy crisis will be high, especially if the Democrats retake the House of Representatives this year.
Since Trump has already started a trade war with China and wouldn’t dare attack nuclear-armed North Korea, his last best target would be Iran.
By provoking a military confrontation with that country, he would trigger a stagflationary geopolitical shock not unlike the oil-price spikes of 1973, 1979, and 1990.
Needless to say, that would make the oncoming global recession even more severe.
Finally, once the perfect storm outlined above occurs, the policy tools for addressing it will be sorely lacking.
The space for fiscal stimulus is already limited by massive public debt.
The possibility for more unconventional monetary policies will be limited by bloated balance sheets and the lack of headroom to cut policy rates.

And financial-sector bailouts will be intolerable in countries with resurgent populist movements and near-insolvent governments.
In the US specifically, lawmakers have constrained the ability of the Fed to provide liquidity to non-bank and foreign financial institutions with dollar-denominated liabilities.
And in Europe, the rise of populist parties is making it harder to pursue EU-level reforms and create the institutions necessary to combat the next financial crisis and downturn.

Unlike in 2008, when governments had the policy tools needed to prevent a free fall, the policymakers who must confront the next downturn will have their hands tied while overall debt levels are higher than during the previous crisis.
When it comes, the next crisis and recession could be even more severe and prolonged than the last.

-------------------------------------------------------
Utilissima anche la versione di Alberto Forchielli
anche se come dicevo senza l'apporto fondamentale delle crypto e la tokenizzazione del dollaro,
che verrà diffuso sempre più via blockchain ed in versione pseudo-crypto (infatti rimarrà sempre centralizzato e valuta FIAT ma molto più fruibile e controllabile)
dieci punti) potenziale RECESSIONE GLOBALE CRISI FINANZIARIA arrivo 2020 scenario epocale della
Alberto Forchielli
Ieri alle 11:56 ·
✅La Cina è fondamentalmente in guerra con l'Occidente, anche se ancora non l'abbiamo capito
✅L'ingresso della Cina nel Wto ha letteralmente devastato l'hinterland industriale americano. E dunque quella tracciata da Trump è una strada a senso unico, il protezionismo potrà solo aumentare. Non esiste un ritorno al liberismo, è una pura illusione
✅La strada è tracciata perché ormai la capacità competitiva delle imprese asiatiche "è formidabile in termini di costo, tecnologia, supply chain integrata. Fanno tutto, dai missili agli addobbi per Natale, dominano ormai anche la gamma più alta come la robotica, e con un enorme eccesso di capacità produttiva
✅La reazione di Trump mira a ridurre l'influenza della Cina sull'Occidente, a riportare la produzione, soprattutto gli investimenti, in Occidente, e l'unico modo per farlo sono i dazi, non ce ne è un altro. Una specie di guerra globale in cui Trump, e chi lo seguirà alla Casa Bianca, punterà a spaccare la 'global supply-chain'
✅Si chiudono i due mondi, torniamo alla nuova guerra fredda con due sfere economiche, che in concreto, significa che anziché in Asia le imprese americane compreranno in Messico, torneranno a produrre in West Virginia, quelle europee dovranno chiudere all'Asia magari comprando in Serbia. Un processo lungo ma inesorabile, ci vorranno anni, ma già tanti colossi stanno reinvestendo pesantemente in America come risultato delle politiche di Trump
✅E' un trend che dovrà necessariamente coinvolgere l'Europa, convincendo in particolare la riottosa Germania, che ha nella Cina il suo partner principale numero uno, ma allo stesso tempo ha negli Usa il primo importatore di merci tedesche.
Ma, di fatto, l'Europa alla fine seguirà, con tutte le difficoltà che ha
Qui l'intervista completa pubblicata su ANSA.it
ALBERTOFORCHIELLI.COM
Dazi, una ‘guerra’ ormai irreversibile
Forchielli, obiettivo Usa è spaccare catena globale produzione La strada è tracciata, sul protezionismo non si torna più indietro e il mondo, sulla corsa ai dazi, finirà per seguire Trump.............
.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :