Magazine Psicologia

In pratica, come funziona la psicoterapia on-line? Aspetti pratici e burocratici

Da Dott.ssa Manganiello - Pesaro

Psicologa Pesaro La quarantena ha portato molte di voi, compresa me, a conoscere e utilizzare sempre di più le video-chiamate per entrare in contatto con gli altri.

E questo, se fatto con moderazione, è davvero utile e risolve tanti problemi legati alla distanza.

Ma usare le video-chiamate per parlare con la psicologa cosa comporta? Per chi non è mai andato dalla psicologa è già difficile immaginarsi cosa possa succedere recandosi in studio per cui immaginare di farlo attraverso una videocamera dentro casa propria è ancora più difficile. Dato che l’argomento è davvero ampio, in quest’articolo mi occuperò di aiutarvi a capire cosa significa “andare” dalla psicologa on-line dal punto di vista pratico e burocratico.

Cosa è necessario per iniziare? Prima di tutto per collegarsi occorre avere una connessione ad Internet abbastanza efficace ma probabilmente in questo momento di grande necessità ti sei già attrezzata per averla, dato che comunichiamo ormai quasi esclusivamente con questo mezzo. Poi è necessario un dispositivo tecnologico con cui usare questa connessione: uno smartphone, un PC con videocamera e microfono, un Tablet. Ma sicuramente anche qui sei attrezzata. E infine è necessario scaricare un programma o una app che consenta la video-chiamata rispettando la privacy di chi lo usa. Io mi trovo bene soprattutto con Skype ma per chi non l’avesse scaricato posso usare anche Whatsapp. Sia Skype che Whatsapp possono essere facilmente scaricati e sono gratuiti.

In sintesi, per la consulenza in video-chiamata servono 3 strumenti; Una volta che ti sei accertata di avere tutto puoi contattare la psicologa per iniziare le sedute. Ricordati che la prima seduta serve per conoscersi ed esporre il disagio vissuto e in quell'occasione puoi scegliere con tranquillità cosa intendi fare: iniziare o meno un percorso di supporto psicologico. Quindi se sei indecisa, non ti preoccupare, prova e poi scegli con calma qual è la cosa giusta per te in questo momento. E non ti preoccupare per eventuali difficoltà nella connessione, la prima seduta servirà anche per capire come risolverle se dovessero presentarsi. Se decidi di contattare me (o qualsiasi altra psicologa iscritta regolarmente all'Albo degli Psicologi), prima di iniziare, dobbiamo sbrigare alcune pratiche burocratiche, antipatiche quanto indispensabili al percorso. La parte burocratica è necessaria soprattutto a definire che quello che andremo a fare è serio e di valore come un qualsiasi percorso psicologico in studio. Per questo è così importante e non possiamo eliminarla. In cosa consiste la parte burocratica? Quando mi chiamerai per definire la data del primo appuntamento ti chiederò un indirizzo e-mail per inviarti il “Modulo unico per la prestazione professionale”. Tu lo leggerai con calma e se ci saranno cose che non ti sono chiare potrai chiedermi le spiegazioni che ti servono. In sostanza, in questo modulo sono indicate le informazioni sulla privacy e quelle sul percorso psicologico. Firmando il modulo accetti di rilasciarmi informazioni personali e di aver compreso come si svolge il percorso psicologico ma non hai nessun obbligo nell'iniziarlo o continuarlo nel caso cambiassi idea.  Tranquilla, il modulo è per tutelare te, la tua privacy e per farti sapere cosa andrai a fare e come. Quando ti sarà tutto chiaro dovrai stamparlo e compilarlo in tutte le sue parti e firmarlo. Per restituirlo potrai farlo con una scansione via e-mail o eventualmente con una foto su whatsapp.Insieme al modulo dovrai inviarmi anche alcuni documenti: carta d’identità (avanti e retro) e codice fiscale (avanti e retro). In sintesi, prima della seduta iniziale del percorso è necessario inviarmi 3 documenti: Come faccio a pagare le sedute? Il pagamento va effettuato tramite bonifico bancario. Al momento del primo appuntamento ti lascerò i miei dati per eseguire il pagamento. Una volta arrivato il bonifico, provvederò a inviarti via e-mail la ricevuta della seduta. Conserva la ricevuta, ti servirà quando farai la Denuncia dei Redditi per ricevere la detrazione fiscale. Sembrano tanti passaggi, in realtà sono sicura che sono pratiche a cui sei già abituata o stai imparando a farlo in questo periodo di quarantena per cui non sarà difficile metterli in pratica.  E gli aspetti emotivi? Ce ne sono e tanti ma proprio per questo preferisco parlartene in un altro articolo per dedicarvi lo spazio che meritano Intanto se hai domande scrivimi all'indirizzo [email protected]

_________________________
Dott.ssa Katjuscia Manganiello | Psicologa Psicoterapeuta
Tel. 349 6347184 Studio di Psicologia e Psicoterapia | via XI febbraio, 63 - 61121 Pesaro (PU)
e-mail [email protected] 


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog