Magazine Società

Inaugurata oggi la Arcisate-Stabio, “Una giornata storica per tutto il territorio”

Creato il 22 dicembre 2017 da Stivalepensante @StivalePensante

E' stata inaugurata oggi la nuova linea ferroviaria fra Arcisate (Varese) e Stabio (CH), che entrerà ufficialmente in servizio il 7 gennaio , come confermato durante il primo viaggio cui hanno partecipato, fra gli altri, il presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni, e il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio. Presenti, durante l'inaugurazione anche Doris Leuthard, presidente della Confederazione Elvetica, il presidente della provincia di Varese, Gunnar Vincenzi, e il sindaco di Induno Olona, Marco Cavallin.

" E' una grande soddisfazione e una gioia partecipare a questo evento. Oggi la Lombardia, l'Italia, e la Svizzera sono ancora più vicine. E' un'opera a favore dei nostri territori, utile per i cittadini che ogni giorno si spostano per lavoro, ma è anche importante per gli sviluppi che potrà avere, a partire dall'ulteriore potenziamento dell'aeroporto di Malpensa". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni. Questa infrastruttura, ha ricordato il governatore, "non era sotto la nostra responsabilità, ma l'azione di Regione si è esplicitata, in questi anni, su più fronti. Nella risoluzione delle problematiche legate alle terre contenenti l'arsenico di origine naturale che, come tutti voi ricorderete, hanno comportato una serie di rallentamenti; nell'affiancamento ai Comuni per la risoluzione dei disagi legati al prolungamento delle attività di cantiere per oltre otto anni; nel monitoraggio costante dell'andamento dei lavori e nel rispetto dei tempi; nella programmazione del nuovo servizio ferroviario".

Sono state 45, ha sottolineato Maroni, " le sedute del tavolo di monitoraggio, coordinato da Regione Lombardia (e al quale partecipano Rete ferroviaria italiana, i comuni di Induno Olona, Arcisate, Cantello, la Comunita' montana del Piambello e la Provincia di Varese), dove sono stati affrontati e risolti tutti i problemi. Un buon lavoro di squadra, che ha funzionato. Infatti, abbiamo deciso di proseguire le riunioni del tavolo anche nei prossimi mesi fino a quando l'opera non sarà completamente attiva".

Voglio ringraziare, ha concluso il presidente lombardo, "tutti i lavoratori che si sono impegnati per questo risultato, i sindaci, i cittadini, Rfi, il Governo. Con il ministro Delrio c'è una forte collaborazione, non solo per questa opera ma su tutte le infrastrutture. Abbiamo appena siglato un accordo importante, Anas e Regione Lombardia, per la presa in carico di oltre 2.200 chilometri di strade ex provinciali. Questa forte e leale integrazione, porta davvero a risultati importanti".

Soddisfazione per il "grande risultato raggiunto" è stata espressa anche dall'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Alessandro Sorte. "Grazie all'intervento della Regione - ha detto - siamo riuscito a sbloccare un cantiere che negli anni si era trascinato dietro troppi problemi. Pur non essendo di nostra diretta competenza, abbiamo sempre confermato il nostro interesse per questo collegamento che, sicuramente, faciliterà le relazioni, non solo ferroviarie, fra Italia e Svizzera". Risale infatti a più di 110 anni fa (1906) il precedente collegamento ferroviario di valico transfrontaliero che ha unito Domodossola con Briga tramite il Sempione.

Il servizio sulle tratte italiane sarà interamente finanziato dalla Regione Lombardia con 10 milioni di euro l'anno aggiuntivi a valere dal 2018 sul Contratto di servizio stipulato con Trenord che lo gestirà insieme a Tilo. Per questa prima fase di avvio, inoltre, "abbiamo acquistato 4 treni Flirt che ha già messo a disposizione. Altri 5 verranno finanziati tramite il Contratto di Servizio con Trenord". Il nuovo collegamento ferroviario transfrontaliero ha una lunghezza complessiva di 8,4 km e consiste nella realizzazione di un nuovo raccordo ferroviario a doppio binario tra la linea ferroviaria Varese-Porto Ceresio e la linea svizzera Stabio-Mendrisio e nel raddoppio della tratta ferroviaria Arcisate-Induno Olona. Oltre alla ricostruzione a piano ribassato delle fermate ferroviarie di Arcisate e di Induno Olona ne e' stata realizzata una nuova a Cantello (località Gaggiolo). Sono stati inoltre eliminati i passaggi a livello. Le principali opere civili sono le due gallerie di Induno (950 m) e della Bevera (970 m), il viadotto della Bevera a 7 campate (439 m) e il ponte della Baranzella (40 m). La circolazione ferroviaria è gestita da apparati di sicurezza telecomandati dal Posto centrale di Milano. Il costo dell'opera, a carico dello Stato/Mit, è di 261 milioni di euro.

"È una giornata storica: viene completato oggi un percorso che ha portato ad avere un collegamento trasfrontaliero che migliorerà le relazioni tra Varese, il Canton Ticino, Como e tra qualche mese anche verso l'aeroporto di Malpensa": è il commento del Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Raffaele Cattaneo che ha partecipato questa mattina alla inaugurazione della linea ferroviaria Arcisate-Stabio. "Regione Lombardia ha investito molto in questi anni sul trasporto su ferro e l'inaugurazione di oggi lo conferma ulteriormente. Questa infrastruttura ha anche un significato simbolico nel rafforzare le relazioni tra Italia e Svizzera. La costruzione di un collegamento tra non avveniva da oltre un secolo". L'ultimo collegamento trasfrontaliero tra Italia e Svizzera risale infatti a 110 anni fa (1906) con la ferrovia di valico del Sempione fra Domodossola e Briga.

"Una svolta epocale per le relazioni tra Lombardia, Svizzera e il Canton Ticino. Un'opera fondamentale, attesa dal territorio". Lo ha dichiarato l'assessore di Regione Lombardia e delegata ai Rapporti con la Confederazione Svizzera Francesca Brianza, anche lei presente oggi al viaggio inaugurale della nuova tratta. "Si tratta di un'opera
decisiva che finalmente giunge a compimento. Questa nuova tratta ferroviaria rappresenta una svolta per i nostri lavoratori frontalieri, un'opera che andrà a portare enormi vantaggi sotto molteplici aspetti, dal turismo, allo sviluppo di Malpensa, con evidenti benefici per tutto il nostro territorio"

Alfieri (PD): "Opera strategica sbloccata grazie al Governo. Ora attenzione alle opere di compensazione". "Non solo l'inaugurazione di un'infrastruttura fondamentale, ma anche un giorno di festa per il territorio dopo tanti anni di cantieri e difficoltà. L'Arcisate-Stabio, collegamento strategico fra Svizzera-Varese-Malpensa, è finalmente realtà grazie anche all'intervento risolutore del Governo che con il ministro Delrio ha sbloccato i lavori. Il ringraziamento va anche a tutti i lavoratori che hanno permesso di arrivare oggi al risultato. Adesso massima attenzione all'impatto che la riapertura della ferrovia avrà sui comuni interessati, soprattutto per quanto riguarda le mitigazioni ambientali e la messa in sicurezza".

Dal prossimo 7 gennaio, dunque, il servizio sarà attivato con queste modalità:
- Nuova linea S10: Bellinzona - Mendrisio - Como Albate ogni 60′;
- Nuova linea S40: Varese - Mendrisio - Como Albate ogni 60′;
- Nuova linea S50: Varese - Mendrisio - Bellinzona ogni 60′;
- Arretramento parziale linea S11: Rho-Garibaldi-Como-Chiasso ogni 30'/60′;
- Prolungamento linea RE5: Milano-Varese fino a Porto Ceresio ogni 60′.

L'insieme delle linee permette di realizzare un Sistema transfrontaliero suburbano dell'Insubria con i seguenti obiettivi: collegamenti Ticino-Lombardia cadenzati in zona alta densità di traffico Como - Chiasso-Varese-Lugano; *nuovo collegamento ogni 30′ fra Varese, Como e Bellinzona (via Mendrisio);* nuovo collegamento ferroviario Como/Ticino-Varese-Malpensa (da giugno 2018); *riduzione impatto ambientale traffico;* maggiore attrattiva economica dei comuni toccati dalla linea FMV grazie a nuova offerta di mobilità; *maggiori sinergie Como-Varese-Mendrisotto-Lugano (lavoro, formazione, cultura, svago);* Ripristino della linea Varese-Porto Ceresio attraverso un collegamento diretto ogni ora tra la Val Ceresio e Milano Porta Garibaldi. Saranno garantiti i seguenti tempi di viaggio tra le differenti località servite lungo gli itinerario Varese - Como / Lugano: Como - Varese: 41′, Lugano - Varese: 48′, Lugano - Como: 43′, * Varese - Porto Ceresio: 19′.

A giugno 2018 il servizio attestato a Varese sarà prolungato a Malpensa, realizzando così un collegamento diretto tra l'aeroporto, il Cantone Ticino (Mendrisio) e la città di Como. Il collegamento diretto tra Malpensa e Lugano sarà attivato in alternativa a quello con Como successivamente, in accordo con il Cantone


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :