Magazine Società

Incendio Campo dei Fiori, bruciati 80 ettari di bosco. Ecco la situazione attuale

Creato il 31 ottobre 2017 da Stivalepensante @StivalePensante

"Continuano le operazioni di spegnimento sull'unico incendio ancora attivo nel comune di Varese. In totale, in tutto il territorio lombardo, la stima della superficie incendiata ammonta a circa 80 ettari. Sono intervenuti 173 volontari dei gruppi Aib (Anti incendio boschivo). Nella giornata odierna hanno operato a ciclo continuo, alternandosi su diversi roghi, 6 elicotteri della Regione Lombardia, 1 elicottero della Provincia autonoma di Trento, 5 Canadair del Centro operativo aereo Unificato (COAU) e 2 elicotteri Super puma della Confederazione elvetica". Lo ha detto l'assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali, dando un aggiornamento sulla situazione degli incendi sul territorio lombardo.

La situazione attuale. Il rogo che ha colpito il Campo dei Fiori è iniziato il 25 ottobre ed ha ripreso vigore venerdì scorso. In totale sono bruciati 80 ettari di misto ceduo/conifere, e l'incendio ancora attivo. E' stata confermata la chiusura del traffico della strada Via Campo dei Fiori dopo il bivio per il Sacro Monte. Il Pca (Posto comando avanzato), con Provincia di Varese, CM Valli del Verbano, Vigili del fuoco ed ente Parco Campo dei Fiori e' stato istituito a Gavirate. Dos Dario Bevilacqua (CM Valli del Verbano).

Per la giornata di domani sono stati richiesti 100 volontari Aib, mentre ad oggi sono intervenuti 75 Volontari Aib, 20 Vigili del fuoco, 2 mezzi COAU (Canadair), 2 elicotteri Super Puma svizzeri (COAU) e 1 elicottero regionale.

L'emergenza e la legislazione regionale sulla caccia: le indicazioni. "La legislazione di Regione Lombardia in materia di caccia contempla già forme di tutela della fauna sufficienti per affrontare la situazione di emergenza che si è creata a seguito degli incendi che hanno colpito il nostro territorio". Così interviene l'assessore regionale Gianni Fava, in merito alle diverse sollecitazioni pervenute circa l'opportunità di sospendere la caccia nelle aree interessate dagli incendi. Il responsabile dell'assessorato ricorda che la legge regionale 26/93, all'articolo 43 (comma 1 lettera m), stabilisce il divieto a chiunque di cacciare su terreni pregiudicati da incendi per un minimo di due anni. E la norma 353/00, legge quadro in materia di incendi boschivi, all'articolo 10 (comma 1), stabilisce il divieto di caccia per dieci anni, limitatamente ai soprassuoli delle zone boscate percorsi dal fuoco. Divieto che si applica a partire dall'adempimento dei Comuni in merito al catasto incendi.

"Il divieto discendente dalla nostra legge regionale - precisa l'assessore Fava - è invece da intendersi immediatamente
applicabile. Posto che non ci risultano abusi da parte di cacciatori nei territori interessati, tanto più che oggi è comunque giornata di silenzio venatorio, a partire da domani chiunque dovesse essere sorpreso a cacciare nelle zone colpite
da incendio sarà sanzionabile".


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :