Magazine Sport

Inchiest-AA: club in aumento e partnership, alla scoperta del City Football Group

Creato il 28 dicembre 2017 da Agentianonimi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Il Manchester City degli emiri fa faville con Pep Guardiola e vive quella che, se dovesse proseguire così, sarebbe la miglior stagione di sempre in un torneo a 20 squadre: 19 vittorie e un pareggio per i Citizens, con 58 punti ottenuti in 20 gare e la meravigliosa media-punti di 2.90 ottenuta a suon di gol e bel gioco. City dominante (+15 sui cugini), ma i britannici non sono l’unico club della galassia-City ad ottenere buoni risultati e vivere un momento di crescita: la crescita (ottenuta a suon di milioni, ma non solo) è una costante nel City Football Group, nato e sviluppato grazie al denaro di quell’Abu Dhabi United Group che acquistò un agonizzante Manchester City dalle mani bucate di Thaksin Shinawatra e l’ha trasformato in una potenza capace di vincere 1 FA Cup, 2 Premier League (diventeranno tre?), una Community Shield e 2 League Cup.

Il Manchester City come avvio di una serie d’investimenti nel mondo del calcio, volti a far crescere il brand, a crearsi una rete di fedeli contatti ed espandersi più o meno in ogni continente: in sostanza, l’idea degli emiri sembra essere quella di arrivare a ”produrre” giocatori che possano venire acquistati da club del CFG, sperimentati in club del CFG per vedere se sono pronti e girati in seguito al Manchester City qualora dovessero confermarsi dominanti e incisivi a livello mondiale. Dall’acquisto dei Citizens, dalle campagne-acquisti faraoniche e dagli investimenti nell’Academy e nell’Etihad Stadium, il City Football Group ha spiccato il volo, e quest’oggi vi accompagniamo in un viaggio alla scoperta delle società ”affiliate” al Manchester City (che ha anche la sua versione femminile).

NEW YORK CITY– Le mire espansionistiche degli emiri del Manchester City e del buon Mansour emergono a tutto fuoco nel 2013, quando diventano realtà l’acquisto e la fondazione del New York City Football Club (NYCFC), la grande rivale cittadina dei New York Red Bulls nella MLS. Gli americani hanno sete di derby (nel 2018 ci sarà quello di Los Angeles tra LA Galaxy e LA FC), il City ha voglia di aumentare la forza del proprio brand e compra l’80% delle quote del club, dividendone la proprietà coi New York Yankees (20%): per ora il NY City non ha ancora vinto un titolo, ma è cresciuto anno dopo anno avendo nella sua rosa David Villa, Andrea Pirlo (ritirato a fine 2017) e Maxi Moralez, e come allenatore Patrick Vieira. Nientemeno che il buon Patrick, ex tecnico dell’Academy del City chiamato a portare al successo il club statunitense: il City Football Group ha grandi progetti per gli USA, ha dirottato qui un talento come Yangel Herrera (già nel giro del Venezuela) e ha acquistato per il NYCFC (che ha come ds Claudio Reyna) una potenziale stellina come Jesus Medina, reduce dalle magie nelle fila del Libertad e potenzialmente da Europa.

MELBOURNE CITY– Parlando di derby, arriviamo al secondo punto e al secondo investimento del City Football Group: si vola in Australia, dove il CFG acquista il vecchio Melbourne Heart, iscritto all’A-League, pagandolo 12mln di dollari. Anche qui si parte dall’80% di quote e da una proprietà condivisa con una realtà locale piazzata al 20% (i Melbourne Storm di Rugby League, la versione australiana a 13), salvo poi acquistare il 100% delle quote nell’agosto 2015: nei suoi anni di vita, il Melbourne City ha avuto in rosa David Villa (prestito dal NY City), ha avuto e ha tuttora giocatori ”in appoggio” dal Manchester City come Brattan o Mooy (ora all’Huddersfield). La stella, però, è l’ex Sampdoria Bruno Fornaroli, diventato una macchina da gol in Australia: insomma, il Melbourne City deve ancora conquistare la sua prima A-League (si limita a una FFA Cup, datata 2016), ma ha ottime basi.

YOKOHAMA MARINOS– Il club giapponese, che non vince un titolo dal 2004 ed ha chiuso la stagione 2017 al 5° posto nella J-League, è l’unico club nel quale il City Football Group non detiene la maggioranza: Mansour & co. detengono il 20% delle quote di una società affidata da pochi giorni alla guida dell’ex ct australiano Ange Postecoglou (che ha in rosa l’ex Benfica Hugo Vieira), che potrà beneficiare dei prodotti della Football Academy Japan (di proprietà del CFG).

CLUB ATLETICO TORQUE- Sembra strano pensare a una proprietà straniera in Sudamerica, e invece eccoci al primo investimento del CFG nel continente delle emozioni e delle belle storie: nell’aprile 2017 il consorzio ha investito nel Club Atletico Torque, società apparentemente senza una grande storia, che però nascondeva delle potenzialità. Con qualche acquisto mirato, una nuova guida tecnica (Pablo Marini, ex Union Santa Fé) e un mix tra esperti (Ernesto Goñi, ex Liga e Nacional Montevideo) e giovani talenti (Nahuel Ferraresi, Venezuela U20), il Torque è salito di categoria: nel 2018 esordirà nella Primera Division, e chissà che non riesca subito a centrare una qualificazione continentale, anche se è sempre complicato rompere l’ordine costituito in Sudamerica.

GIRONA– Un modo per creare un legame a doppio fondo con la famiglia Guardiola, o un reale interesse nella crescita di una società nella Liga? Sulle reali motivazioni dell’investimento nel Girona potremmo discutere per ora, ma tant’è: il City Football Group ha acquistato il 44.3% del club catalano, che era già un partner fidato per prestiti ecc, inserendolo ufficialmente nella galassia dei Citizens. Un club equamente diviso con il Girona Football Club di Pere Guardiola, che si trova attualmente al 10° posto nella stagione d’esordio in Liga (23 punti in 17 gare, battendo 2-1 il Real) e ha in rosa cinque giocatori di proprietà City: stiamo parlando del terzino Maffeo (che sta attirando varie squadre su di sè), di Marlos Moreno (talento ex Atletico Nacional che vive una fase di stallo), dell’ex Austria Vienna Kayode, del giovane ex Academy Aleix Garcia e dell’ex Vasco Douglas Luiz. Quest’ultimo, talentino del Brasileirao, è stato acquistato per 12mln dal CFG (attraverso il Man City) e girato al Girona: scommettiamo che approderà agli Sky Blues in caso di ottime prestazioni?

IL MISTERO DEL GUAYAQUIL CITY– L’ultimo club rappresenta un mistero: non ci sono mai stati comunicati ufficiali, ma in Ecuador si è molto parlato dell’ingresso del Guayaquil City nella galassia di Mansour (se gli investimenti del club aumenteranno, ci troveremo di fronte a una certezza). Il club, che precedentemente si chiamava River Ecuador, ha disputato la sua prima stagione nel massimo torneo locale nel 2015, e nell’estate 2017 si è ribrandizzato cambiando nome e colori sociali: la società, ribattezzata Guayaquil City FC, è tutt’altro che una potenza (9° nella Segunda Etapa, 19pti in 22 gare), ma ha qualche giocatore di qualità e ha appena ceduto un suo titolare all’Emelec (Nelson Soliz). Su tutti Walter Ayoví, 121 presenze in nazionale, ma nella rosa troviamo anche promesse mancate come Alaniz e Michael Hoyos: nell’U20 argentina del 2011 sembrava un fenomeno, poi si è perso.

ACADEMY, PARTNERSHIP E NUOVI PAESI: IL FUTURO DEL CITY FOOTBALL GROUP– Il City Football Group non si ferma ai club della sua galassia, ma ha costruito anche Academy in Cina, a Singapore e in Giappone, oltre a stabilire partnership per prestiti e condivisione dello scouting e delle strutture di ricerca e studio dei giocatori: il grande partner è il NAC Breda in Olanda (7 giocatori di proprietà City), quello ”nuovo” l’Atletico Venezuela. La società venezuelana ha ceduto Yangel Herrera (prossimo talento della Vinotinto, ora al NYCFC) al City Football Group, e stipulato in seguito un accordo di partnership, prelazione sui futuri talenti e condivisione dello scouting datato aprile 2017. Un nuovo sodalizio, ma il futuro sembra fatto di altre acquisizioni: il CFG cerca nuovi club da comprare, rilanciare e sfruttare come bacino d’utenza in Africa (Sudafrica, pare), Portogallo (dove gli extracomunitari sono illimitati), Brasile (sarà difficile, ma anche Red Bull tentò qualcosa di simile col RB Brasil), Colombia e Cina: scommettiamo che i club della galassia-City aumenteranno?

(di Marco Corradi, @corradone91)

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU: AGENTI ANONIMI.

Facebook
twitter
google_plus
linkedin
mail

L'articolo Inchiest-AA: club in aumento e partnership, alla scoperta del City Football Group proviene da Agenti Anonimi.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :