Magazine Sport

Incidenti nel moto mondiale purtroppo sono troppi i lutti nel mondo dei motori

Creato il 04 giugno 2016 da Il Blog Dello Sportivo @blogdsportivo

Quella capitata a Luis Salom é stata solo l’ultima di una serie di tanti tragici eventi che hanno funestato il moto mondiale.

La scomparsa dello spagnolo Luis Salom ieri nelle prove libere Moto2 del GP di Catalogna non è purtroppo un caso isolato. Salom è infatti l’ultimo di una lunga lista di piloti a morire nel Motomondiale: l’ultimo a perdere la vita era stato il nostro Marco Simoncelli, rimasto ucciso a Sepang il 23 ottobre del 2011, involontariamente travolto in pista poco dopo la partenza del GP della Malesia. Più di recente a lasciare la vita su una moto, ma non in una gara del motomondiale, era stato Doriano Romboni, ironia della sorte, proprio nel corso di una manifestazione in ricordo del Sic a Latina.

Purtroppo sono  tante le tragedie che hanno colpito il mondo delle due ruote, e per chi segue come me il mondo dei motori  dai lontani anni 70 non può non venire alla mente la scomparsa di Jarno Saarinen e Renzo Pasolini il 20 maggio del 1973 nel corso del GP d’Italia a Monza.

Negli ultimi 30 anni è stato il Giappone a essere il più colpito. Nel 1993 a Jerez perse la vita Noboyuki Wakai, 25enne pilota della Suzuki in 125. Dieci anni dopo è toccato a Daijiro Kato sul circuito di Suzuka. Il 5 settembre del 2010 la tragedia colpì il GP di San Marino della Moto2: la vittima fu Shoya Tomizawa, caduto sul circuito di Misano Adriatico.

Nelle altre serie motociclistiche da registrare in tempi più recenti la morte del nostro Andrea Antonelli nel GP di Mosca della Supersport lo scorso 21 luglio 2013. Sempre in Supersport avevano perso la vita il belga Michael Paquay, travolto nel ’98 durante le prove del GP d’Italia a Monza e l’inglese Craig Jones, morto in un incidente durante la gara di casa, sul circuito di Brands Hatch nel 2008. E la stessa pista, nel ’97 ma in Superbike, fu fatale allo scozzese Graeme Ritchie mentre due anni prima il giapponese Yasutomo Nagai perse la vita durante la gara 2 di Assen, sempre in Superbike.

Questa mattina riprenderanno le prove libere,  come  concordato con la famiglia di Luis Salom, i piloti, i team e la Commissione per la sicurezza, infatti, è stato deciso che il Gran Premio de Catalunya andrà avanti comunque.

Alla riunione della Commissione per la sicurezza a cui hanno partecipato Marc Marquez, Andrea Iannone, Pol Espargaro, Jack Miller, Bradley Smith, Alvaro Bautista, Aleix Espargaro, Andrea Dovizioso, Tito Rabat e Cal Crutchlow, è stato deciso di modificare la configurazione del circuito per correre per il resto della manifestazione nella configurazione di pista per la Formula 1. Questo layout è stato testato 2 anni fa in un test ufficiale MotoGP – ma allora questa configurazione non era stato scelto per le gare perché ritenuto meno attraente e spettacolare rispetto a quello normalmente utilizzato.

Visto che i piloti avranno a che fare con una nuova configurazione della pista, il tempo delle prove libere sarà ampliato con un nuovo programma per la giornata di sabato. I piloti della Moto3, infatti, anticiperanno l’inizio delle FP3 alle ore 8.40 per 55 minuti di prove. Quelli della MotoGP, invece, avranno a disposizione 60 minuti a partire dalle ore 9.50. Un’ora di tempo anche per le terza sessione di prove libere della Moto2 che inizieranno alle 11.05. Invariato, invece, l’orario e la durata della FP4 della MotoGP alle 13.30, così come l’appuntamento con le quelifiche di tutte e tre le classi.

Una cosa e’ sicura visto che due anni fa si era sfiorato l’incidente proprio nella curva 12 del circuito di Barcellona con il nostro Nicolo’ Antonelli, sarebbe veramente bastato poco per evitare questo ennesimo incidente mortale, mettendo la ghiaia sul bordo pista durante tutta la curva.

Gracias a ti he podido aprender muchas cosas del motociclismo, allí donde estés descansa en paz compañero ❤❤ pic.twitter.com/UJDH4oYsO6

— Alex Rins (@Rins42) 3 giugno 2016


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :