Magazine Astronomia

Incontri e congiunzioni: Capodanno nello spazio

Creato il 31 dicembre 2018 da Media Inaf

Anche le sonde spaziali festeggiano il Capodanno e lo fanno portandoci belle notizie. Hayabusa2 ha portato a termine la delicata operazione di volo nella fase di congiunzione solare. Di cosa si tratta? La sonda giapponese è in orbita attorno all’asteroide 162173 Ryugu a oltre 350 milioni di chilometri dalla Terra, e viaggiando nel Sistema solare è normale che, nel loro viaggio attorno al Sole, finiscano per trovarsi proprio dietro alla nostra stella. Quando questo accade, i centri di controllo che gestiscono le operazioni di volo sono costretti a interrompere qualsiasi comunicazione. La congiunzione solare, per Ryugu, ha reso impossibili le comunicazioni per circa due mesi, novembre e dicembre. È però terminata durante lo scorso fine settimana, il 29 dicembre, permettendo agli scienziati della Jaxa di inviare ai razzi i comandi necessari per riportare – alla velocità di 14  cm/s –  Hayabusa2 nella sua “casa madre”, a circa 20 km dalla superficie di Ruygu. Operazione, questa, coordinata da una scienziata italiana, Stefania Soldini, oggi project research engineer alla Jaxa nel team di Hayabusa2 e responsabile per le operazioni nella fase di congiunzione solare.

Passerà un Capodanno d’eccezione anche la sonda della Nasa Osiris-Rex (alla quale collaborano anche diversi ricercatori italiani e dell’Inaf), che proprio oggi, lunedì 31 dicembre, sta compiendo la prima serie di manovre di inserimento orbitale attorno all’asteroide 101955 Bennu, per portarsi alla quota che manterrà poi fino a metà febbraio 2019, quando inizierà un’altra serie di voli orbitali. Durante la prima fase orbitale, la sonda orbiterà a una distanza di 1,2 chilometri dal centro di Bennu. Con queste manovre, la sonda della Nasa entrerà nella storia abbattendo due record in un colpo solo: orbitando, con l’orbita più stretta mai seguita, attorno al corpo celeste più piccolo mai raggiunto da una sonda spaziale. A fine luglio 2020 avverrà l’atterraggio sulla superficie e quindi il prelievo dei campioni, che gli scienziati saranno in grado di studiare fra qualche anno, quando la sonda tornerà indietro nel 2023.

Da guinness dei primati anche il viaggio ai confini del Sistema solare della sonda spaziale New Horizons, che sta per compiere un flyby attorno Ultima Thule, o 2014 Mu69. Il veicolo della Nasa, celebre per aver sorvolato il pianeta nano Plutone oltre tre anni fa, il primo giorno del 2019 osserverà da vicino il corpo celeste più lontano mai visitato da un oggetto costruito dall’uomo.

Guarda l’animazione della congiunzione solare di Hayabusa2:


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :