Magazine Cultura

Incontro con l’ambasciatore della Siria a Mosca organizzato da S. Baburin

Creato il 11 ottobre 2011 da Eurasia @eurasiarivista
:::: Antonio Grego :::: 11 ottobre, 2011 :::: Email This Post   Print This Post Incontro con l’ambasciatore della Siria a Mosca organizzato da S. Baburin

Il 6 ottobre 2011 su invito del rettore dell’Università Statale Russa di Economia e Commercio (RSUTE) e presidente del Comitato russo di solidarietà con i popoli della Libia e della Siria Sergey Nikolaevich Baburin, l’ambasciatore della Repubblica Araba Siriana in Russia Sua Eccellenza Mohamed Riad Haddad ha tenuto un discorso presso una sala dell’Università.

Alla tavola rotonda, denominata “La situazione in Siria: tendenze e previsioni”, hanno partecipato anche insegnanti e studenti dell’RSUTE, studiosi orientalisti, rappresentanti del Comitato russo di Solidarietà con i popoli della Libia e Siria, dell’Organizzazione Interregionale Pubblica “Veche” e di altre organizzazioni pubbliche, i rappresentanti della diaspora siriana in Russia, compresi i fondatori del Comitato Siriano di Unità Nazionale, oltre a vari blogger che scrivono di temi politici e giornalisti. La tavola rotonda è stata, inoltre, collegata in video-conferenza con 15 città russe, per permettere agli studenti e insegnanti delle filiali dell’Università di prendere parte alla discussione.

L’Ambasciatore siriano ha annunciato ufficialmente che i dirigenti della Siria continueranno la rotta verso le riforme annunciate e si opporranno sempre a qualsiasi interferenza esterna negli affari interni dello Stato: «Tali interferenze non sono finalizzate a preservare l’integrità della Siria, ma a risolvere i problemi nel Paese con l’uso della forza armata». Secondo l’ambasciatore, in cambio della revoca delle sanzioni contro la Siria si richiede di abbandonare il sostegno alla resistenza araba e al popolo palestinese. Riad Haddad ha anche fatto notare che il rappresentante ufficiale degli Stati Uniti ha dichiarato pubblicamente che non servono delle riforme in Siria, ma si mira al cambiamento di regime.

In collegamento televisivo dalla città di Kemerovo all’ambasciatore è stato chiesto del ruolo di “Al Qaeda” negli eventi in Siria. L’ambasciatore ha risposto che la partecipazione di “Al Qaeda” non indica che si è in presenza del biglietto da visita dell’appartenenza a questa organizzazione. “Al Qaeda” è, soprattutto, una ideologia, un modo di pensare, l’orientamento all’estremismo, al terrorismo, la creazione della paura e delle guerre intestine all’interno di un popolo, la chiamata all’omicidio. Tutto ciò lo vediamo oggi all’opera in Siria.

Il Professor Musin dell’RSUTE ha chiesto che cosa sta facendo la Siria per contrastare la guerra d’informazione contro il Paese. Secondo l’ambasciatore, contro la Siria in realtà si svolge una guerra, e per l’80% questa guerra si svolge nel campo dell’informazione. La Siria non è in grado di affrontare ad armi pari questa potente macchina di propaganda mondiale. Per esempio, nella località di Jisr al-Shugur sono state trovate due fosse comuni con cadaveri di persone uccise dagli estremisti anti-governativi. Ottanta i corpi decomposti. Il governo siriano ha subito invitato tutti gli ambasciatori stranieri e i giornalisti dei principali mass media del mondo ad andare a vedere tutto di persona. Alcuni hanno rifiutato. Ma quelli che sono venuti, ed erano parecchi, non hanno scritto su questo ritrovamento nemmeno una riga. Riad Haddad in persona, durante questa visita, ha chiesto un commento all’ambasciatore statunitense in Siria su quello che ha visto, ma questi si è categoricamente rifiutato di commentare.

La Siria sta usando tutte le proprie, piuttosto modeste, possibilità. I mass media della Siria cercano di distribuire materiali veridici sulla reale situazione del Paese. E, naturalmente, i siriani hanno bisogno del sostegno dei giornalisti russi e dei blogger. Attualmente la Siria ha invitato i rappresentanti delle 12 maggiori agenzie d’informazione. L’ambasciatore ha anche promesso di trasmettere al Comitato russo di solidarietà con i popoli della Libia e della Siria dei video con i materiali e documenti che raccontano la guerra contro la Siria.

All’Ambasciatore della Repubblica araba siriana è stato anche chiesto in merito alla situazione in Libia. Secondo il suo parere, la Siria ha suoi principi politici, uno di questi è la non ingerenza negli affari interni di altri Stati. Dopo l’aggressione contro la Libia tutti hanno visto le sofferenze del popolo libico, le vittime e le distruzioni. La lezione libica dimostra che nessuno, compreso la NATO, può portare con la forza la democrazia in un qualunque Paese.

Piotr Rybakov, rappresentante della comunità online “Per Gheddafi e la sua gente”, ha detto che il primo dovere del presidente Al Asad, così come di qualsiasi capo di Stato, sia proteggere il suo popolo. Gli Stati Uniti pretendono di insegnare alla Siria come vivere, nonostante che la storia degli Stati Uniti ammonta a soli 200 anni, e ha chiesto all’ambasciatore quanti secoli è lunga la storia della Siria. L’ambasciatore Mohammed Riad Haddad ha risposto che la Siria ha una storia di 7.000 anni. E la cosa più importante è che durante tutto questo tempo non c’è stata nessuna guerra civile nel Paese. Ora l’Occidente sta accendendo in Siria, come già ha fatto in Iraq, i conflitti e le ostilità tra le fedi religiose.

E la domanda più pacifica è stata fatta da una studentessa in collegamento da Kazan: «a Kazan nel 2013 si svolgeranno le “Universiadi”. A quali specialità parteciperanno gli atleti siriani?».

Sorridente l’ambasciatore ha detto che gli atleti siriani gareggeranno principalmente nel salto in alto.

«State in attesa!» ha aggiunto ottimisticamente S. Baburin.

Condividi:
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • NewsVine
  • PDF
  • Segnalo
  • Slashdot
  • Technorati
  • Twitter
  • Wikio IT
  • Yahoo! Buzz

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Mosca oggi

    Mosca oggi

    I Naši pro-Cremlino da http://zyalt.livejournal.comGli amici raccontano dei brogli elettorali spesso documentati da video, fotografie che imperversano sui vari... Leggere il seguito

    Da  Candida
    CULTURA, POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE
  • RUSSIA: Mosca gioca una partita a scacchi tra il Mediterraneo e il Mar Nero,...

    RUSSIA: Mosca gioca partita scacchi Mediterraneo Nero, occhio alla Siria

    di Gabriella CioceRecentemente su svariati quotidiani sono apparse importanti informazioni relative alle trasformazioni geopolitiche riguardanti la Russia e il... Leggere il seguito

    Da  Eastjournal
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Siria: tensione alle stelle

    Siria: tensione alle stelle

    Il presidente siriano Bashar al-Assad All’indomani del veto posto da Russia e Cina sulla risoluzione Onu che puntava a costringere il presidente siriano... Leggere il seguito

    Da  Alessandroronga
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Una rassegna sulla Siria

    La scommessa russa sulla Siria. Sul blog che cura per The American Interest, Walter Russell Mead ha delineato un buon background politico entro il quale... Leggere il seguito

    Da  Prospettivainternazionale
    POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • L'appoggio di Mosca alla Siria

    L'appoggio Mosca alla Siria

    Imad Fawzi Shueibi esamina le ragioni e le conseguenze della recente posizione presa dalla Russia al Consiglio di Sicurezza. L’appoggio di Mosca alla Siria non ... Leggere il seguito

    Da  Geopoliticarivista
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Fine dei giochi in Siria

    Thierry Meyssan, analista francese basato a Damasco e direttore di “Voltaire Network”, ha offerto alla televisione statale russa la sua personale visione degli... Leggere il seguito

    Da  Geopoliticarivista
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Siria: la crisi diventa “glocale”

    Siria: crisi diventa “glocale”

    Chi ritiene che la crisi siriana stia sfociando in una guerra civile, si sbaglia di grosso. La crisi sta degenerando in qualcosa di peggiore: una guerra che... Leggere il seguito

    Da  Geopoliticarivista
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ