Magazine Società

Indagando sul lavoro, per (ri)cercare voci e forme di nuovi sfruttamenti

Creato il 22 dicembre 2017 da Alessandro @AleTrasforini

"[...] Indagare sulle condizioni di lavoro e non lavoro in Italia è una vera e propria discesa agli inferi. Il dilagare del lavoro povero, spesso gratuito, la totale assenza di tutele e stabilità lavorativa sono fenomeni all'ordine del giorno, che si abbattono su più di una generazione, costretta a lavorare di più ma a guadagnare sempre di meno, nonostante viviamo in una società il cui potenziale produttivo già permetterebbe di ridurr e distribuire il tempo di lavoro mantenendo e/o raggiungendo un tenore di vita più che dignitoso.
E' la realtà contro cui si infrange la narrazione dominante [...]. Come se fosse un fatto naturale, ma soprattutto irreversibile, e non invece il risultato di scelte politiche ben precise, che hanno precarizzato il lavoro, la possibilità di soddisfare bisogni che dovrebbero essere considerati universali come l'istruzione, la sanità, la casa, il trasporto pubblico.
Le stesse politiche che hanno provocato l'inasprirsi delle disuguaglianze sociali spostando reddito e ricchezza dei lavoratori, che li producono, alle imprese, che a loro volta hanno scelto di trasformarli in vere e proprie rendite. [...]"
(Fonte: Di precariato si muore - Prologo, " Non è lavoro, è sfruttamento", M. Fana, Tempi Nuovi)

INDAGANDO SUL LAVORO, PER (RI)CERCARE VOCI E FORME DI NUOVI SFRUTTAMENTI

" Lavoratori che tornano a casa", E. Munch


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :