Magazine Ecologia e Ambiente

Interpetando Humberto Maturana "Io ho ragione"

Creato il 21 settembre 2019 da Antoniobruno5

Io ho ragione Ognuno di noi vede il mondo secondo i propri modelli mentali . Ognuno di noi ha i propri presupposti, opinioni, interpretazioni, inferenze, ecc. Sia chiaro che ognuno di noi non ha nulla di sbagliato. Il problema arriva quando le persone credono che il loro modo di vedere le cose sia l'unico corretto , o che è lo stesso, abbiano ragione . Queste persone attraversano la vita con la pretesa arrogante di credersi padroni della verità. Chi vive immerso nel paradigma di " Ho ragione " trascorre gran parte del suo tempo preoccupato di notare coloro che non vedono il mondo come lo vede lui, e quanto le altre persone sbagliano nel vedere le cose in maniera diversa.
Le mie opinioni negative o squalificanti verso i diversi punti di vista dai miei non sono né più né meno dei meccanismi di difesa del mio modello mentale. E quegli altri, quelli che hanno torto, ora sono esponenti dell'errore. Humberto Maturana ha affermato che quando compaiono persone sbagliate, è anche quando l'odio appare prevalendo sull'amore. E come conservo l'amore? Maturana ti ricorda che non importa quello che hanno detto mentre sei consapevole che " tutto ciò che viene detto è detto da qualcuno ". Convincere l'altro dei tuoi motivi, non ti dà il motivo
Ma lo è davvero ! A questo punto dovresti immaginare, approssimativamente, da dove proviene la cosa. Se dovessi scegliere una frase che riassuma tutto quanto sopra, sarebbe così: non siamo in grado di percepire la realtà così com'è, ognuno di noi fa ciò che può e ognuno di noi vive nella sua realtà.
Ora, questa visione sembra scontrarsi con quelle frasi che devi aver sentito più volte, ad esempio, quando un collega ti dice "No, in questo modo non otterrai nulla, dovresti davvero dire a Gianni di aiutarti", o "questo che hai detto è tutto molto bello in teoria, ma in realtà non funziona." La parola veramente o il riferimento alla realtà, quando vogliamo esprimere il nostro punto di vista, è una risorsa retorica, dicono Maturana e Varela, che invocano l'obbedienza dell'altro, in modo che chi vede le cose diversamente da noi, smetta di farlo e si convinca di adottare il nostro modello mentale. Possiamo vederlo quando un manager dice ai lavoratori di aver parlato con il cliente e davvero le modifiche devono essere consegnate entro lunedì, invece di riconoscere che non ha avuto la possibilità di negoziare un'altra data o che ciò che desidera deve essere consegnato lunedì. Lo vediamo quando un lavoratore afferma che è davvero impossibile fare qualcosa per una certa data, invece di dire che non vede come raggiungerlo. Lo vedo in particolare nei seminari, quando un assistente dice che, nel suo lavoro, non puoi davvero lavorare così, invece di dire che non trova un modo per generare il cambiamento culturale che questo implica. Discutere riferendosi alla "realtà" è una risorsa retorica, in modo che l'altro adotti il ​​nostro modello mentale
Quando qualcuno non pensa come te, quale percorso scegli? Ti preoccupi di capire quanto hai sbagliato o accetti che gli altri vedano le cose secondo i loro modelli mentali? Ti preoccupi di esplorare altre alternative al modo in cui vedi il mondo?
Rispetto alla squadra con cui lavori, ci sono situazioni in cui i membri discutono per vedere chi ha ragione? Cosa succede in quelle conversazioni? Qual è l'emozione che li domina? Queste domande ti aiuteranno a generare un contesto più inclusivo o almeno a identificare quanto sia inclusivo il contesto in cui stai lavorando.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog