Magazine Sport

Invitalia ha investito sulle scommesse sportive?

Creato il 02 febbraio 2017 da Tifoso Bilanciato @TifBilanciato

A poco più di sei mesi dallo sbarco ufficiale in Italia, SkyBet si presenta sul mercato delle scommesse sportive con uno spot molto originale, che riproduce scene di calcio, tennis e casinò sott'acqua, a otto metri di profondità, sfruttando il quattro volte campione del mondo di apnea Guillaume Néry.

Sky Betting & Gaming è una società inglese di gioco on line fondata nel 2002, che si posiziona al quarto posto nel settore all'interno del Regno Unito, dove ha la sua sede principale a Leeds. Sky Betting & Gaming fa parte di un gruppo di importanti brand come Sky Bet, Sky Vegas, Sky Poker, Bingo Sky e Sky Casinò. Il gruppo possiede anche una linea scommesse, la Oddschecker.

L'esperienza italiana è stata fortemente voluta dalla CVC Capital Partners, che nel marzo 2015 ha acquisito una quota di maggioranza della Sky plc. Poichè l'Italia è considerata il secondo più più grande mercato del gioco d'azzardo regolamentato dell'UE, dopo il Regno Unito, non stupisce la scelta del socio di maggioranza, interessato ad ampliare il business a livello internazionale.

L'offerta del nuovo bookmaker italiano SkyBet è per il momento concentrata su alcuni sport principali (calcio, tennis, volley e hokey su giaccio), ma è chiaro che il colosso inglese procederà ad espandere progressivamente la propria offerta, a similitudine di quanto accade sul mercato inglese.

Invitalia ha investito sulle scommesse sportive?

Un elemento di interesse dell'investimento realizzato, però, sta nella scelta di avvalersi del supporto di Invitalia, l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa, di proprietà del Ministero dell'Economia, che ha fino ad oggi concluso 84 contratti di sviluppo e finanziato 720 startup innovative. Nel caso specifico di Skibet, come ricordato Giovanna D'Esposito, Managing Director di Sky Bet Italia in occasione della conferenza stampa di presentazione del progetto, "Invitalia è stata molto disponibile e ci ha supportato cercando di aiutarci a risolvere una serie di problemi operativi e amministrativi".

Il gioco d'azzardo è visto spesso in maniera negativa e, forse, qualcuno può storcere il naso nel pensare che una struttura governativa metta a disposizione know-how e incentivi per facilitare un investimento in questo settore. Va detto che la nostra nazione, grazie al lavoro dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (AAMS), è considerata molto "matura" sotto il profilo normativo e di controllo ed in questo senso - se l'obiettivo di Invitalia è quello di favorire investimenti sul nostro territorio che possano portare ricadute in termini occupazionali - la scelta di accompagnare un partner di questo livello nella sua attività di internazionalizzazione non può dirsi fuori da perimetro standard di intervento.

Sarà probabilmente difficile che SkyBet possa replicare in Italia le dimensioni che ha raggiunto in patria (dove occupa circa 850 persone, distribuite fra Leeds e sedi secondarie), ma è certamente vero che il settore è sempre in una fase di grande sviluppo e, conseguentemente, può offrire delle prospettive interessanti.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :