Magazine Cucina

Involtini di verza in rete di sfoglia, glassati al pompelmo rosa con filetto di maiale, senape e prosciutto affumicato

Da Meggy

INVOLTINI DI VERZA IN RETE DI SFOGLIA, GLASSATI AL POMPELMO ROSA CON FILETTO DI MAIALE, SENAPE E PROSCIUTTO AFFUMICATOPiatto Mebel
La scomparsa di qualcuno mi lascia sempre inerme e incredula.Le domande che mi faccio da una vita restano sempre lì, in un angolino, senza una risposta plausibile.Continuano e continueranno a morire mamme e papà, bambini e persone indifese, senza che nessuno ci possa fare niente.Dare la colpa a Qualcuno che dicono ci sia ma non si vede è semplicistico e immaturo, anche scorretto, ma allora a chi possiamo girare i dubbi che ci affliggono?A volte una giornata comincia male senza un motivo.A volte un motivo, anzi “IL” motivo c’è, ed è il più brutto di tutti.Una perdita.In questo giorno di lutto per la mia azienda, io sono qui, a pensare a dei figli senza più una mamma e ad un marito senza più la compagna di una vita.Sono qui con le mie domande senza risposta
Scusate lo sfogo, passiamo al cibo.
Confortante e consolatorio.
L’unica certezza che abbiamo in questa vita.
Ecco la ricetta per l’ MT Challenge di questo mese.
Oggi parliamo degli involtini di verza.
Un piatto in origine rustico e povero, presente sulle tavole delle famiglie fin dall’antichità, dato che di verze, cavoli e compagnia bella ce ne sono sempre stati in abbondanza.
Ma non serve andare poi così indietro negli anni, nella mia famiglia la verza si utilizza spesso e volentieri, e fin da piccola sono molto legata a quest’ortaggio che mi è sempre piaciuto.
Gli involtini di oggi inizialmente dovevano avere un ripieno di gamberi leggermente orientale.
Poi complice la cara Pat del blog "Aroma di casa" (se non la conoscete andate a farle una visitina perché il suo blog è davvero mooooolto goloso), che mi ha battuta sul tempo :) ho optato per un ripieno diverso.
Mettete una sera dopo lavoro, mettete la vostra Meggy che sgambetta su e giù per il supermercato in cerca di ispirazione, mettete un succulento filettino di maiale e un ancora più succulento prosciutto affumicato della Foresta Nera.
Penso non serva aggiungere altro.
Ho pensato di far fare alle foglie di verza una fine più che dignitosa, imbottendole di morbida carne, profumo di senape e il suddetto prosciutto.
Il tutto racchiuso da una stuzzicante griglia di pasta sfoglia, e dulcis in fundo un sughetto che mi sento ancora male a pensarci.
INGREDIENTI PER 4 INVOLTINI:
4 grandi foglie di verza
450 gr di filetto di maiale
4 fette di prosciutto affumicato (io ne ho torvato uno proveniente dalla Foresta Nera)
Senape media o dolce
1 rotolo di p.sfoglia
1 pompelmo rosa
zucchero
PREPARAZIONE:
lavate bene le foglie della verza e fatele cuocere in acqua bollente non salata per una decina di minuti, devono risultare belle morbide.
Nel frattempo fate rosolare bene bene bene bene il filetto intero in padella con abbondante burro chiarificato (io ho utilizzato una casseruola in ceramica by Pedrini) sempre per una decina di minuti, spegnete poi il fuoco e lasciate riposare la carne.
Asciugate le foglie di verza con la carta assorbente, eliminate se necessario il filamento e spennellate con la senape (io ho utilizzato un pennello con setole in nylon by Pedrini), proseguite con una fetta di prosciutto e terminate con un pezzo di filetto che avete precedentemente tagliato in 4.
Arrotolate stringendo bene la foglia di verza, premete bene in modo da fissare il “pacchettino” e procedete nel formare la rete aiutandovi con un rullo per losanghe (by Gp&me) che ricaverete dividendo la p.sfoglia in sempre in 4.
Terminate con la rete di sfoglia rivestendo l’involtino e eliminando la pasta in eccesso.
Infornate a 180° per circa 15 minuti, finchè la pasta sfoglia non sarà bella colorata e croccante.
Spremete il pompelmo nella casseruola col fondo di cottura, aggiungete un cucchiaino raso di zucchero e fate ridurre la salsa.
Servite gli involtini spennellati di salsa.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazine