Magazine Diario personale

IO LAGGIU’ CI TORNEREI l’interessante progetto di ENRICO MARIA LAMANNA

Da Kirolandia @ippokiro

Ho conosciuto il regista Enrico Maria Lamanna in un luogo molto amato dal pubblico romano, il teatro Millelire, una Io laggiù ci tornereibella chiacchierata scambiata in simpatia nel foyer, a tu per tu, seduti in poltrone comode.

Mi è parso di conoscerlo quasi da sempre, per la sua grande capacità di portarti ovunque attraverso una voce accompagnata da uno sguardo che sa veramente di conoscenza profonda.

Così, in questo raccontare in semplicità delle sue tante esperienze, del suo essere napoletano doc, del suo appartenere all’Actors studio di New York da molti anni, della sua lunga carriera iniziata da molto giovane e proseguita tra tanti lavori e regie in Italia, in America, accanto a grandi nomi internazionali, insomma in questo discorrere serenamente tra noi, Lui mi ha parlato del suo nuovo interessante progetto.

Sta sviluppando un particolare work in progress rivolto ad attori e danzatori, che avanzerà lungo tre step con obiettivo finale la messa in scena di uno spettacolo.

Come sottolinea lo stesso Enrico Maria Lamanna in rilievo c’è l’indagine rivolta al sé di ciascuno dei partecipanti, un lavoro, non psicologico, ma di esplorazione tra le tecniche di recitazione, costruzione della gabbia del personaggio e sensibilizzazione della mobilita corporea globale.

Il regista con l’ausilio anche di incontri con vari personaggi del mondo dello spettacolo porterà i partecipanti a conoscere le scene del teatro contemporaneo sino ad approfondire i molti temi dello spettacolo e poi giungere alla conclusione scenica.

Mi sembra molto importante segnalare a tutti questo stimolante percorso, è imminente la II fase che si svolgerà al teatro Millelire di Roma dal 13 al 16 Marzo 2014.

Per tutte le informazioni potete rivolgervi al teatro: 06.397.51.063 – 333.29.111.32. [email protected]

 Qui le informazioni specifiche.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Io leggo. Io sono.

    Quando lessi per la prima volta "Orgoglio e Pregiudizio" passai giornate intere a parlar in punta di forchetta, muovermi leggiadra e sentirmi profondamente... Leggere il seguito

    Da  Janecole
    DIARIO PERSONALE
  • Enrico Pea, Campagna lucchese – Nozzano

    Enrico Pea, Campagna lucchese Nozzano

    Campagna luccheseMa come si può morire quando viene la primavera: quando tutto si risveglia dal letargo: quando la campagna è tutta occhi a contemplare il... Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA, RACCONTI
  • Enrico Pea, Chifenti

    Enrico Pea, Chifenti

    ChifentiMio nonno si era fermato a Chifenti. E’ un paese sotto monte in pianura, Chifenti, sulla strada che mena ai Bagni di Lucca: presso la sponda del fiume... Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA, RACCONTI
  • Enrico Pea, Lucca

    Enrico Pea, Lucca

    Lucca – San MicheleIl colèra in inverno si combatte bene anche senza l’intervento del Volto Santo, che protegge le due Lucche. L’una la protegge dalle... Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA, RACCONTI
  • Swap: vogliamoci più bene. Io ci sono, e voi?

    Swap: vogliamoci bene. sono, voi?

    Stamattina avevo programmato un post diverso. Poi ho letto questo post sul blog di 37 anni e non sentirli e ho deciso invece di parlarvi di questa inziativa, a... Leggere il seguito

    Da  Hermosa
    DIARIO PERSONALE, PER LEI
  • “Dolce colloquio” di Enrico Panzacchi

    “Dolce colloquio” Enrico Panzacchi

    Roma 6 febbraio 2014 Tranquille si movean l’acque del fiume riflettendo le bianche nuvole e del tramonto il roseo lume; e noi due solitari, anime stanche,... Leggere il seguito

    Da  Lielarousse
    CULTURA, TALENTI
  • Enrico Casani, L’abbiamo nella rena

    Enrico Casani, L’abbiamo nella rena

    Carnevale di Viareggio 1980 – “Scherzando con le lacrime agli occhi” di A.Galli – 3° premioL’abbiamo nella rena L’abbiamo nella rena bimba mia È un detto... Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA, RACCONTI