Magazine Ricerca

Ipocondriaco: chi è? e che cos’è il disturbo d’ansia da malattia?

Creato il 11 luglio 2019 da Laricercascientifica

L'articolo Ipocondriaco: chi è? e che cos’è il disturbo d’ansia da malattia? proviene da La Ricerca Scientifica.

Ipocondria: che cos’è il disturbo d’ansia da malattia?

Tutti a volte si preoccupano della loro salute, ma per alcune persone, i timori di ammalarsi sono così forti, anche quando sono in buona salute, che trovano difficile affrontare la loro vita quotidiana.

Qualcuno che vive nella paura di avere una malattia grave, nonostante i test medici non abbiano mai trovato nulla di sbagliato, può avere un disturbo somatico dei sintomi , noto anche come disturbo d’ ansia da malattia. La condizione è stata anche conosciuta con altri nomi, tra cui l’ipocondria o l’ipocondria.

Fatti veloci sull’ipocondria:

  • Il principale sintomo dell’ipocondria è la preoccupazione eccessiva per la salute.
  • Le cause possono variare e potrebbero essere correlate ad altre condizioni di salute legittime.
  • Per la maggior parte delle persone, è un’esperienza temporanea.
  • Il termine definito dal manuale DSM-5 è un disturbo sintomatico somatico.

Cos’è l’ipocondria?

Uno studio pubblicato su JAMA definisce il disturbo somatico dei sintomi come “una persistente paura o convinzione che si abbia una grave malattia medica non diagnosticata”.

Gli autori notano che colpisce fino al 5% dei pazienti ambulatoriali. In breve, il disturbo è una condizione di salute mentale in cui una persona si preoccupa eccessivamente di essere malata, al punto che l’ansia stessa è debilitante. La preoccupazione per la salute diventa una malattia.

Il disturbo sintomatico somatico è una condizione cronica.

Quanto può essere grave può dipendere dall’età, dalla tendenza di una persona a preoccuparsi e da quanto stress si trovano ad affrontare.

Sintomi

Temendo le normali funzioni – per una persona con ipocondria, normali funzioni corporee, come battito cardiaco, sudorazione e movimenti intestinali possono sembrare sintomi di una grave malattia o condizione.

Paura di anomalie minori – un naso che cola, linfonodi leggermente ingrossati o una piccola piaga, può sembrare un problema serio.

Controllo – controllando regolarmente il corpo per i segni di malattia.

L’attenzione dell’ipocondrio dipende dall’individuo:

  • L’attenzione di alcune persone può concentrarsi su un particolare organo, come i polmoni.
  • Potrebbero concentrarsi solo su una malattia, come il cancro .
  • Oppure, possono temere una malattia dopo l’altra.

Parlando regolarmente di malattia , il disturbo somatico dei sintomi può far sì che le persone parlino in modo eccessivo della loro salute.

Visite mediche : possono fare visite frequenti al proprio medico.

Informazioni sbagliate : possono trascorrere molto tempo a cercare su internet i sintomi di possibili malattie.

Nessun sollievo dai risultati del test – se i test tornano negativi, la persona potrebbe non trovare sollievo. In effetti, può rendere le cose ancora peggiori – le paure del paziente crescono che nessuno le crede e che il problema potrebbe non essere mai diagnosticato e trattato con successo.

Evitare il medico : alcune persone con il disturbo evitano l’attenzione medica per paura di scoprire che hanno una malattia grave.

Evitare : possono evitare persone, luoghi e attività che, a loro avviso, potrebbero rappresentare un rischio per la salute.

Una paura traumatica della malattia che dura per più di 6 mesi può essere un sintomo di disturbo somatico ai sintomi.

Le cause

Le cause esatte non sono note, ma alcuni fattori sono probabilmente coinvolti:

Credenza – un fraintendimento delle sensazioni fisiche, legato a un fraintendimento di come funziona il corpo.

Famiglia – le persone che hanno un parente stretto con l’ipocondria hanno maggiori probabilità di svilupparsi da sole.

Storia personale – le persone che hanno avuto esperienze di cattiva salute in passato potrebbero essere più inclini a sviluppare una paura sproporzionata di ammalarsi di nuovo.

Collegamenti ad altre condizioni – altri disturbi psichiatrici sono stati collegati a disturbi dei sintomi somatici. Un’alta percentuale di pazienti con ipocondria ha anche depressione maggiore , disturbo di panico, disturbo ossessivo-compulsivo o disturbo d’ansia generalizzato.

La ricerca , pubblicata sul British Journal of Psychiatry , sottolinea che, come il disturbo ossessivo-compulsivo (OCD), il disturbo somatico dei sintomi comporta la necessità di un controllo continuo, poiché la persona cerca rassicurazione.

Questi “comportamenti di sicurezza”, affermano gli autori, mirano “a ripristinare un senso di benessere e un certo grado di certezza sul futuro”. Tuttavia, possono finire per peggiorare i problemi che dovrebbero ridurre.

Mantenendo alti i livelli di ansia e evitando che le paure si dissolvano, questi comportamenti mantengono l’attenzione della persona focalizzata su un temibile potenziale disastro.

Poiché la maggior parte dei pazienti tende ad avvicinarsi al proprio medico di famiglia per le condizioni di salute che temono, piuttosto che rivolgersi a uno specialista di salute mentale, essi potrebbero non ricevere mai una diagnosi di disturbo somatico dei sintomi.

Durata

Una persona con ipocondria può trascorrere mesi o anni a preoccuparsi di essere malata, ma può anche trascorrere lunghi periodi tra non pensarci.

I pazienti il cui disturbo è transitorio hanno meno probabilità di avere problemi psichiatrici o gravi disturbi d’ansia e più probabilità di avere problemi medici.

Il recupero è più comune tra le persone con uno status socio-economico più elevato. Se un paziente ha depressione o ansia e questi rispondono bene al trattamento, anche loro hanno maggiori probabilità di vedere un buon risultato.

Ci sono prove che le persone con un disturbo di personalità potrebbero trovare più difficile il recupero, ma sono necessarie ulteriori ricerche per confermarlo.

Poiché il disturbo sintomatico somatico è una malattia relativamente nuova, sono disponibili poche statistiche.

Quando inizia l’ipocondria?

Il disturbo somatico dei sintomi di solito inizia nella prima età adulta. Può comparire durante il recupero da una malattia grave, o dopo che una persona cara o un amico intimo si ammala o muore.

Una condizione medica di base può scatenare disturbi somatici ai sintomi. Un paziente che ha una condizione di cuore, ad esempio, può assumere il peggio ogni volta che sperimenta qualcosa che potrebbe essere potenzialmente correlato alle malattie cardiache .

Altri fattori includono un aumento dello stress o una maggiore esposizione alle informazioni su una malattia nei media. A volte, una persona inizia a preoccuparsi eccessivamente della propria salute mentre si avvicina all’età in cui uno dei loro genitori è morto, soprattutto se la morte del genitore era prematura.

Gli psicologi osservano che le persone con questa condizione sono spesso autocritiche o perfezioniste o entrambe. Possono percepire “salute” come una completa assenza di dolore o disagio, mentre alcuni dolori e dolori sono normali per la maggior parte delle persone.

È stato suggerito che le persone con ipocondria possano avere una soglia bassa per il dolore e che possano notare sensazioni interne prima di altre persone.

Trattamento

Una ricerca pubblicata su JAMA ha indicato che la terapia cognitivo comportamentale (CBT) e l’uso di inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI), come la fluoxetina e la paroxetina, possono essere utili nel trattamento dell’ipocondria.

La CBT può aiutare il paziente a razionalizzare le proprie paure e gli SSRI possono ridurre il livello di ansia attraverso i farmaci.

Includono evitare stimolanti come caffè , alcol e tabacco, praticare la meditazione consapevole e mangiare in modo sano.

Le erbe presunte per ridurre l’ansia includono erba di San Giovanni, kava kava e bacopa. UMM avverte, tuttavia, che i pazienti devono parlare con un medico prima di usare le erbe, perché alcuni rimedi a base di erbe possono reagire con i farmaci o avere altri effetti collaterali.

L'articolo Ipocondriaco: chi è? e che cos’è il disturbo d’ansia da malattia? proviene da La Ricerca Scientifica.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog