Magazine Cultura

Irlanda, una donna muore perché i medici si sono rifiutati di farla abortire: "Questo è un paese cattolico", le hanno detto

Creato il 14 novembre 2012 da Andream
Michael Nuget racconta l'assurda morte di una donna cui è stata negata l'interruzione di gravidanza che le avrebbe salvato la vita. E non si tratta di qualche paese retrogrado, ma dell'Irlanda:
Savita Praveen Halappanavar, una dentista di 31 anni che viveva a Galway, in Irlanda, era alla diciassettesima settimana di gravidanza quando si è recata allo University Hospital col mal di schiena, domenica 21 ottobre. I medici si sono subito accorti del pericolo di aborto, e che il feto non sarebbe potuto sopravvivere. Tuttavia, si sono rifiutati di rimuovere il feto, perché aveva ancora un battito cardiaco.Savita ha trascorso tre giorni di dolore, a volte di agonia, mentre l'ospedale ha ignorato le sue ripetute richieste di una interruzione medica della gravidanza. Suo marito, l'ingegnere trentaquattrenne Praveen Halappanavar, afferma che è stato spiegato loro che «Questo è un paese cattolico».Poiché la sua cervice è rimasta completamente aperta per tutto questo tempo, Savita è stata in prolungato pericolo di infezione, paragonabile a quello che si ha con una ferita aperta e non trattata alla testa. Savita ha poi sviluppato la setticemia, ed è morta domenica 28 ottobre, una settimana dopo l'ingresso in ospedale.A quel punto i medici avevano già rimosso il feto, ma solo dopo che il suo battito cardiaco si era fermato. Se avessero tolto il feto quando era chiaro che non poteva sopravvivere, la cervice di Savita si sarebbe chiusa prima e lei avrebbe avuto meno probabilità di sviluppare l'infezione.Rachel Donnelly, portavoce di attivisti pro-choice a Galway, dice: «È stata un'emergenza ostetrica che avrebbe dovuto essere trattata in un modo convenzionale. Eppure i medici irlandesi sono trattenuti dal fare ovvie decisioni mediche per paura di conseguenze potenzialmente gravi».La situazione irlandese è riconducibile, secondo Nuget, all'unione di due cause: la presa dei dogmi cattolici e la codardia dei politici irlandesi.

Il 13 novembre, il vescovo di Killala, John Fleming, ha affermato:
Infatti, l'Irlanda, senza l'aborto, è riconosciuta come uno dei paesi più sicuri al mondo per essere una madre incinta. Questo è qualcosa di cui dovremmo essere fieri ed è un omaggio alle cure eccellenti fornite dal personale ospedaliero che tratta sia la madre che il bambino non ancora nato con pari dignità e rispetto come persone a pieno titolo. Chiaramente, se la vita della madre è in pericolo, a causa di malattia o di altre condizioni mediche, l'assistenza prestata dai medici farà in modo che riceva tutte le cure mediche necessarie.
Nuget fa notare come questo sia palesemente falso, e, aggiungo io, come sia incredibile che Fleming abbia il coraggio di dire che le donne in pericolo di vita ricevano "tutte le cure mediche necessarie", se queste cure prevedono esplicitamente che il feto non venga rimosso neppure in caso di pericolo di vita.
Il fondamento del punto di vista di Fleming è surreale, nota ancora Nuget; Fleming infatti afferma:
Per coloro che vedono la vita attraverso la lente della propria fede cristiana, i nostri corpi sono sacri; templi dello Spirito Santo, creati ad immagine di Dio e redenti attraverso la morte e risurrezione di Gesù Cristo. Per i cristiani, i nostri corpi non sono nostri per farci ciò che vogliamo. I nostri corpi vengono da Dio, sono creati a immagine di Dio e sono destinati a vivere eternamente con lui in cielo. Questa è la nostra fede, e questo è ciò che ci distingue da coloro che non condividono la nostra fede.
Quella qui sopra è la foto di Savita. Questa donna è morta a 31 perché i medici si sono rifiutati di operare l'aborto che l'avrebbe salvata.
È morta perché Fleming crede che il suo corpo non appartenga a lui ma a "Dio", e, insieme ai medici dell'ospedale e ai cattolici irlandesi, ha imposto questa sua credenza a Savita.
Fleming è moralmente responsabile della morte di Savita. E chi lo sostiene è suo complice.
Michael Nugent, «Tragedy, shame and outrage as pregnant Savita dies in Irish hospital because of Catholic dogma and political cowardice», Michael Nugent, 14 novembre 2012.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • E’ questo il sistema?

    questo sistema?

    di Dale Zaccaria Mi presento in un posto con la ballerina di flamenco al centro di Roma prestigioso diciamo per proporgli lo spettacolo lo scorso anno, la... Leggere il seguito

    Da  Peppinoimpastatoproject
    CULTURA
  • Estate, fra cieli ed irlanda

    "[...]Il cielo d'Irlanda è una donna che cambia spesso d'umore/ il cielo d'Irlanda è una gonna che gira nel sole/ il cielo d'Irlanda è Dio che suona la... Leggere il seguito

    Da  Alessandro
    SOCIETÀ
  • Questo stato

    Questo stato

    In questo stato succede che un'azienda inquini per anni il suo territorio, causando decine di morti, ma nonostante lo sappiano tutti, va avanti lo stesso. Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Monti, questo mi piace

    Se lo spread dovesse rimanere a livelli troppo elevati per troppo tempo, il rischio è quello di avere in Italia un governo non europeista, non favorevole... Leggere il seguito

    Da  Babilonia
    SOCIETÀ
  • Benedetto questo pezzo

    Benedetto questo pezzo

    Segnaliamo sia perché ci legge sia perché quotiamo ogni lettera. Leggere il seguito

    Da  Marcopress
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ, DA CLASSIFICARE
  • >>Dove porterà tutto questo?

    >>Dove porterà tutto questo?

    Con la “spending review” tagliati più di 7000 posti letto ospedalieri. Le regioni più colpite sono Lombardia, Emilia Romagna e Lazio. Leggere il seguito

    Da  Felice Monda
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Vecchia guardia giornalistica: Italia vs Irlanda

    Vecchia guardia giornalistica: Italia Irlanda

    di Gianluca Avagnina. Immaginatemi comodamente seduto in salotto dopo una lunga giornata di fatiche a Dublino. Per cena c’è Servizio Pubblico in streaming, uno... Leggere il seguito

    Da  Rosebudgiornalismo
    ATTUALITÀ, POLITICA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazines