Magazine Musica

ISON, Inner-Space

Creato il 21 settembre 2019 da The New Noise @TheNewNoiseIt

ISON, Inner-Space

Inner-Space è il primo album degli svedesi Ison, duo formato da Daniel Änghede (Crippled Black Phoenix, Hearts Of Black Science) ed Heike Langhans (Draconian, :LOR3L3I:). Già autori degli ep Cosmic Drone (2015) e Andromeda Skyline (2018), propongono brani rarefatti e atmosferici. Nonostante la loro formula trascenda qualsiasi catalogazione, si può affermare che le composizioni siano fragili e che le linee vocali eteree di Heike contribuiscano a infondere una cullante sensazione di quiete bilanciata da pattern ritmici sospesi tra darkwave e doom. Aleggia per tutto il disco una malinconia amplificata da molteplici effetti applicati agli strumenti, cui si deve una sfumata aura onirica. Le vibrazioni emesse da “Radiance”, che vede la collaborazione con Neige (Alcest, Amesoeurs, …), scavano nel profondo, conducendo nei meandri della propria interiorità. A tratti pacatamente intimiste e in diversi frangenti assimilabili a un’inquietudine prolungata al punto da divenire lacerante, “Equals” e “The Fifth World” lasciano trasparire dei punti di contatto con lo shoegaze, aggiungendoci una propria sensibilità onirica. Tra gli aspetti che stupiscono maggiormente, vi sono la stratificazione del suono (a un primo impatto minima) e il retrogusto cosmico cui fanno riferimento gli stessi due musicisti di Göteborg. Incantevole.

Dischi 2019, avantgarde music, ison

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog